“Non sono né robot tradizionali né una specie nota di animali. È una nuova classe di elementi artificiali: un organismo vivente e programmabile”

Gli studi sulle cellule e la ricerca sull’intelligenza artificiale si sono uniti e hanno reso possibile un’ intelligenza artificiale in grado di replicare generazioni di cellule in modo autonomo.

“La gente ha pensato per molto tempo che avessimo compreso tutti i modi in cui la vita potesse riprodursi o replicarsi. Però stavolta si tratta di qualcosa che non è mai stato osservato prima”, ha dichiarato Douglas Blackiston, uno scienziato senior della Tufts University.

La ricerca è stata sponsorizzata dalla Defense Advanced Research Projects Agency e pubblicata dai Proceedings of the National Academy of Sciences degli Stati Uniti d’America (DARPA).

Essa spiega in che modo quando un gruppo di cellule viene rimosso da un organismo in sviluppo, esse cerchino e si uniscano a cellule libere a patto che si muovano e sembrino muoversi, il tutto senza manipolazione genetica.

Questo significa che le cellule possono formare cluster con altri cluster di cellule e continuare a funzionare, anche se le cellule non sono identiche, ma hanno un aspetto e un comportamento simile.

Gli scienziati hanno scoperto che incorporando l’intelligenza artificiale nell’insieme, si possono creare cluster che si replicano in modo più efficiente e che continuano ad operare mentre si replicano. È qui che usiamo il termine “Xenobot”, che si riferisce alla fusione di vita organica e robotica.

Si è scoperto che le cellule di particolari rane sono in grado di curarsi e funzionare in gruppo già nel primo studio sugli Xenobot del 2020, quindi sono state la scelta più naturale per l’indagine.

>>>  L'IA può identificare le vulnerabilità degli umani e influenzarne le decisioni

Quando l’intelligenza artificiale avrà la capacità di creare organismi, creerà esemplari in grado di nuotare nel vetrino alla ricerca di singole cellule, raccoglierle e costituire altri organismi. Nel corso dell’indagine, questo processo auto-replicante si ripete, dando luogo a generazioni di Xenobot replicanti.

Questa replicazione cinematica è un tipo di replicazione che è stata vista solo a livello molecolare, mai in cellule complete o animali.

“Queste sono cellule di rana che si replicano in un modo che è molto diverso da come lo fanno le rane. Nessun animale o pianta nota alla scienza si replica in questo modo”, ha affermato Sam Kriegman, autore principale dello studio e ricercatore presso l’Allen Centre della Tuft University e il Wyss Institute for Biologically Inspired Engineering della Harvard University.

xenobots
In alto: disegni di xenobot generati al computer. In basso: Gli xenobot cresciuti in laboratorio, fatti da cellule. (Immagine: UVM)

Gli xenobot sono sorprendentemente realistici in quanto sono fatti interamente di componenti biologiche, si nutrono dell’energia fornita dalle loro stesse cellule, si muovono con uno scopo preciso e riparano persino le loro stesse ferite. Anche se potremmo discutere se questi robot siano veramente vivi o meno, sono senza dubbio dei precursori di forme di vita artificiali completamente sviluppate.

Anche in questa forma elementare e preliminare, questi xenobot, che sono larghi circa un millimetro, potrebbero essere estremamente utili. Secondo i ricercatori, un giorno potrebbero trasportare farmaci all’interno del corpo, aiutare nella bonifica ambientale e persino aumentare la nostra comprensione della biologia stessa.

Questi robot sono anche biodegradabili per impostazione predefinita, poiché sono composti completamente da cellule piuttosto che da acciaio o plastica. Così, grandi flotte di xenobot potrebbero essere mandate nell’ambiente o nel corpo umano per uno scopo preciso, per poi degradarsi come qualsiasi altra cellula biologica al termine del lavoro. Gli xenobot avanzati potrebbero convertire elementi indesiderati in una forma inerte e innocua, probabilmente con l’aiuto della nanotecnologia molecolare o di microbi bioingegnerizzati.

>>>  L'I.A. può cambiare l'acconciatura e il colore dei tuoi capelli

Le conseguenze degli Xenobot non sono solo la loro esistenza, ma anche la loro capacità di moltiplicarsi in un modo che nessun altro materiale organico è in grado di fare, sollevando molte preoccupazioni etiche. Per il momento, queste cellule e robot sono monitorati in laboratorio da esperti di etica, quindi non sono pericolosi, ma è facile immaginare come potrebbero essere usati per cattive intenzioni, per esempio per uccidere qualcuno senza lasciare tracce. Tuttavia, hanno anche dei lati positivi quando si tratta di curare le persone senza essere troppo invasivi.

Anche se la ricerca è ancora nelle sue fasi iniziali, potrebbe esserci un cambiamento significativo attraverso questa scoperta.

Fonte gizmodo.com.au