Può l’arte essere solo un algoritmo?

I generatori di immagini basati sull’IA si stanno diffondendo su Internet e vengono utilizzati per creare facilmente “arte”. Tuttavia, non tutti coloro che utilizzano questi strumenti sono artisti, quindi questo è un ulteriore problema poiché i veri artisti temono che il loro stile possa essere copiato dall’IA e utilizzato da altri utenti.

Ad esempio, Greg Rutkowski è un artista dallo stile unico, famoso per i suoi dipinti di battaglie e draghi fantasy che sono stati inclusi in Dungeons & Dragons e in altri videogiochi fantasy. “È davvero raro vedere uno stile simile al mio su Internet”, ha dichiarato. Tuttavia, se cercate il suo nome su Twitter, vedrete una tonnellata di immagini che non sono state create da lui, ma che hanno il suo stesso stile.

Come spiegato qui, anche se non ha mai utilizzato personalmente la tecnologia, Rutkowski è diventato uno dei nomi più noti dell’arte dell’IA. I generatori di immagini basati sull’IA per creare opere d’arte uniche in pochi secondi dopo che l’utente ha inserito alcune parole come istruzioni, sono utilizzati da persone per creare migliaia di opere d’arte che assomigliano alle sue.

Su un generatore di immagini, nello specifico Stable Diffusion, il nome di Rutkowski ha generato quasi 93.000 immagini create dall’IA, rendendolo un termine di ricerca molto più popolare di Picasso, Leonardo Da Vinci e Vincent van Gogh per il software.

“Sento che sta succedendo qualcosa che non posso controllare”, ha dichiarato l’artista polacco.

Invece di assemblare collage di immagini di stock, i generatori di immagini basati sull’intelligenza artificiale producono immagini originali. È simile alla ricerca su Google Images, ma i risultati sono opere d’arte del tutto originali prodotte in base ai termini di ricerca dell’utente. Una delle sfide più popolari consiste nel prendere il nome di un artista e produrre qualcosa che rifletta il suo stile.

“Le persone stanno fingendo di essere me”, ha commentato Rutkowski. “Sono molto preoccupato, non mi sembra etico”.

Pur non essendo intrinsecamente contrario all’arte generata dall’IA, l’artista e designer svedese Simon Stålenhag ha espresso preoccupazione per il modo in cui alcuni individui stanno utilizzando la nuova tecnologia.

“La gente vende stampe realizzate dall’IA con il mio nome nel titolo”, ha affermato.

>>>  Un nuovo algoritmo di Facebook è in grado di copiare la tua scrittura

Ritiene che le immagini generate dall’IA non siano sotto il controllo degli artisti.

Rutkowski, che crea opere d’arte utilizzando sia le tradizionali tecniche di pittura a olio che le tecnologie informatiche su tela, teme che il suo stile distintivo, che gli ha permesso di ottenere contratti con Sony e Ubisoft, possa diventare obsoleto alla luce del boom delle opere d’arte imitative.

“Lavoriamo per anni al nostro portfolio”, ha detto Rutkowski. “Ora improvvisamente qualcuno può produrre tonnellate di immagini con questi generatori e firmarle con il nostro nome”.

“I generatori vengono commercializzati in questo momento, quindi non si sa esattamente quale sarà il risultato finale dell’utilizzo del proprio nome nel corso degli anni”, ha affermato.

“Forse tu e il tuo stile sarete esclusi dal settore perché ci saranno così tante opere in quello stile che il tuo non sarà più interessante”.

I generatori di immagini basati sull’intelligenza artificiale vengono utilizzati da un numero sempre maggiore di consumatori. Elon Musk ha co-fondato OpenAI nel 2015 e a settembre ha rilasciato il suo generatore di immagini DALL-E al pubblico. Secondo OpenAI, il servizio ha avuto più di 1,5 milioni di partecipanti quando è stato aperto a tutti.

La facilità con cui l’intelligenza artificiale può replicare gli stili, secondo Liz DiFiore, responsabile della Graphic Artist Guild, un gruppo che promuove designer, illustratori e fotografi negli Stati Uniti, potrebbe avere un impatto finanziario negativo sugli artisti.

“Se un’intelligenza artificiale copia lo stile di un artista e un’azienda può semplicemente ottenere un’immagine simile allo stile di un artista popolare senza andare dagli artisti a pagarli per quel lavoro, questo potrebbe diventare un problema”.

Purtroppo, l’unica cosa che la legge può fare per proteggere gli artisti è impedire che altri copino le loro opere d’arte.

Alcune politiche dei generatori di immagini basati sull’IA, come quelle di DALL-E, Midjourney e Stable Diffusion, impediscono ai clienti di utilizzare i loro servizi in modi specifici. Ad esempio, OpenAI vieta l’uso di immagini di politici o celebrità. Inoltre, filtrando contenuti come nudità e scene cruente, tutte e tre le applicazioni impediscono agli utenti di produrre “contenuti dannosi”.

Un portavoce di Stable Diffusion ha dichiarato che l’azienda sta sviluppando un sistema di rinuncia per gli artisti che non vogliono che i programmi di intelligenza artificiale vengano addestrati sulle loro opere.

>>>  L'I.A. VALL-E di Microsoft può clonare la voce

Il portavoce ha continuato dicendo che il nome di un artista è solo una componente di una raccolta diversificata di istruzioni per il modello di intelligenza artificiale che sviluppa uno stile unico e distinto dallo stile di un singolo artista.

Mentre Midjourney non ha risposto, i rappresentanti di Open AI hanno dichiarato che l’azienda cercherà di conoscere il punto di vista degli artisti nel momento in cui amplierà l’accesso a DALL-E, ma non hanno definito alcuna salvaguardia per proteggere gli artisti attuali.

Le immagini generate dall’intelligenza artificiale si “addestrano” acquisendo dati dai vasti database di didascalie e immagini. I rappresentanti di OpenAI hanno dichiarato che i dati per l’addestramento di DALL-E sono costituiti sia da fonti liberamente accessibili sia da fotografie concesse in licenza dall’azienda. I rappresentanti di Stable Diffusion hanno dichiarato che l’applicazione raccoglie dati e immagini tramite il web crawling. Secondo Rutkowski, gli artisti viventi avrebbero dovuto essere esclusi dai set di dati utilizzati per addestrare i generatori.

I generatori sono volutamente “anti-artisti”, secondo un altro designer e illustratore di nome RJ Palmer, che ha affermato che sono “esplicitamente addestrati sugli artisti che lavorano attualmente”. Su un sito web chiamato Have I Been Trained, fondato dall’artista del suono tedesco Mat Dryhurst e dall’artista del suono americana Holly Herndon, gli artisti possono scoprire se il loro lavoro è stato usato per addestrare programmi di intelligenza artificiale.

Stålenhag ha riconosciuto che sarebbe stato opportuno chiedere il permesso di essere inclusi nei dati di addestramento, ma ha affermato che si tratta di un effetto collaterale inevitabile della pubblicazione di opere d’arte online.

Non è chiaro se le leggi sul copyright salvaguarderanno le opere d’arte originali da quelle generate dai programmi di intelligenza artificiale.

A causa dell’ambiguità del copyright e dell’uso commerciale, alcune biblioteche di immagini di stock, come Getty Images, si sono rifiutate di pubblicare opere d’arte generate dall’intelligenza artificiale.

L’Ufficio statunitense per il diritto d’autore ha affermato che solo le opere generate artificialmente non hanno la paternità umana necessaria per giustificare una richiesta di copyright. Nella sua dichiarazione, l’ufficio ha affermato che non avrebbe rilasciato consapevolmente una registrazione a un’opera che si presume sia stata realizzata esclusivamente da una macchina dotata di intelligenza artificiale.

>>>  Il Quantum Computing può essere più pericoloso dell'I.A.

Sebbene le immagini prodotte possano essere utilizzate per offerte commerciali, i rappresentanti di Stable Diffusion hanno dichiarato che l’azienda non è in grado di dire se le immagini saranno soggette a copyright. Hanno dichiarato invece che la decisione in merito spetta al ramo legislativo di ciascun Paese.

Un portavoce di OpenAI ha dichiarato: “Quando DALL-E viene utilizzato come strumento che assiste la creatività umana, riteniamo che le immagini possano essere protette da copyright. Gli utenti di DALL-E hanno il pieno diritto di commercializzare e distribuire le immagini che creano, purché rispettino la nostra politica sui contenuti.

DALL-E e altri generatori di immagini basati sull’intelligenza artificiale vengono utilizzati dal fotografo Giles Christopher, specialista di cibo e bevande con sede a Londra, per sperimentare ritratti e creare sfondi per alcune delle sue immagini commerciali.

“Sono uscito con immagini che non si direbbe siano fotografie”, ha spiegato. “Alcuni fotografi mi hanno detto che le immagini sono troppo belle”.

Egli ritiene che gli artisti debbano cercare di incorporare l’intelligenza artificiale nel loro lavoro.

“Ho amici nel settore che escono dalla stanza se solo parlo dell’utilizzo dell’IA”, ha dichiarato.  Però lui mantiene la mente è aperta.

Pensavamo che l’arte sarebbe stata l’ultimo campo a essere sostituito dall’IA, ma forse ci sbagliavamo. Questi nuovi generatori di immagini basati sull’IA stanno rapidamente cambiando il modo in cui possiamo produrre arte. In ogni caso, gli artisti hanno il diritto di salvaguardare le loro opere e i loro stili dalla copia. Tuttavia, qualsiasi IA, almeno al momento, non è in grado di replicare opere d’arte su tela, che si tratti di dipinti a olio o acrilici.

Per i non addetti ai lavori, avere la possibilità di produrre una sorta di arte imitando lo stile di un altro artista è fantastico, ma per gli artisti stessi potrebbe essere difficile se non si trova un modo per salvaguardarli, poiché alla fine nessuno sarà più un artista, a meno che non si decida che la vera arte è solo quella non digitale.