L’intelligenza artificiale può migliorare alcune competenze, ma peggiorare quelle esistenti

Studi recenti hanno dimostrato che l’integrazione di ChatGPT (e probabilmente di altri chatbot) nel lavoro di ricerca può aumentare la produttività.

Come riportato qui, il professor Ethan Mollick della Wharton School ha partecipato a uno studio con molti altri scienziati sociali e consulenti del Boston Consulting Group (BCG) per vedere se lo strumento aumentava le loro prestazioni.

“Per 18 compiti diversi, selezionati per essere campioni realistici del tipo di lavoro svolto al [BCG], i consulenti che hanno utilizzato ChatGPT-4 hanno superato di molto quelli che non l’hanno fatto”, ha scritto Mollick in un post sul blog. “I consulenti che hanno utilizzato l’IA hanno portato a termine in media il 12,2% di compiti in più, hanno completato i compiti il 25,1% più rapidamente e hanno prodotto risultati di qualità superiore del 40% rispetto a quelli che non l’hanno fatto”.

I ricercatori hanno assegnato in modo casuale l’uso dell’IA a centinaia di consulenti per determinare il vero impatto dell’IA sul lavoro di ricerca. Le stesse attività di scrittura, marketing, analisi, persuasione e creatività sono state assegnate al gruppo abilitato all’IA e a un gruppo di controllo senza IA. Si trattava di attività che andavano dal completamento della segmentazione del mercato alla produzione di un comunicato stampa.

IA e creatività

Secondo la ricerca, i consulenti che hanno avuto accesso all’IA hanno ottenuto risultati nettamente migliori. Questo è stato vero per tutte le misurazioni, indipendentemente dal tempo impiegato per completare le attività, dal numero di compiti completati in totale o dalla qualità dei risultati ottenuti.

Il ruolo dell’IA nel livellamento delle competenze è un’altra importante scoperta. Il miglioramento più elevato delle prestazioni (43%) è stato registrato nei consulenti che hanno iniziato l’esercizio con il punteggio più basso. Anche i consulenti migliori hanno ricevuto un miglioramento, ma in misura minore. Ciò dimostra che l’IA può contribuire a elevare gli individui meno dotati al livello dei top performer.

Questi risultati confermano le conclusioni di uno studio correlato condotto in primavera da Stanford e dal MIT. In questo studio sono state esaminate le prestazioni di 5.000 rappresentanti dell’assistenza clienti di una società di software aziendale Fortune 500 nel corso di un anno. La produttività media degli agenti che hanno utilizzato l’intelligenza artificiale è risultata superiore del 14% rispetto a quella di coloro che non l’hanno utilizzata, con i dipendenti meno competenti che ne hanno tratto i maggiori benefici in quanto sono stati in grado di terminare il loro lavoro il 35% più velocemente.

>>>  Il lato oscuro di Replika

L’ingresso dell’IA sul posto di lavoro, tuttavia, ha avuto un impatto positivo minimo o nullo sui lavoratori più qualificati.

Insieme, questi risultati della ricerca potrebbero avere ulteriori effetti sulla forza lavoro. Ad esempio, le aziende potrebbero scoprire di poter generare più reddito con gli stessi dipendenti ottenendo maggiori risultati. Una forza lavoro con una gamma più ampia di competenze si svilupperebbe se le persone altamente qualificate si concentrassero su compiti più specializzati che l’IA non potrebbe portare a termine.

D’altro canto, l’aumento della produttività e dell’efficienza determinato dal potenziamento dell’IA potrebbe potenzialmente innalzare gli standard di rendimento, causando stress o insoddisfazione lavorativa per gli individui. E questo sviluppo potrebbe portare a licenziamenti in alcuni reparti.

IA e lavoro

Questo fatto non è più ipotetico; come dimostra una recente analisi della società di collocamento Indeed che ha analizzato gli annunci di lavoro e le competenze, l’IA sta chiaramente avendo un impatto reale sulla forza lavoro. Un’analisi approfondita di come le future IA influenzeranno l’occupazione e le capacità necessarie per svolgerla è contenuta nel rapporto “AI at Work“.

Per determinare il livello di esposizione, il rapporto ha esaminato 2.600 competenze professionali e oltre 55 milioni di annunci di lavoro su Indeed. Circa il 20% dei lavori è stato ritenuto “estremamente” vulnerabile agli effetti della futura IA. L’estrema esposizione indica che almeno l’80% delle abilità specifiche del lavoro potrebbe essere svolto dall’IA. Un altro 45% degli annunci di lavoro è moderatamente esposto, il che indica che l’IA può svolgere tra il 50% e meno dell’80% delle abilità necessarie.

IA e competenze complesse

Questo studio dimostra come l’intelligenza artificiale possa aiutare gli esseri umani a produrre un lavoro migliore e a svolgere una serie di mansioni. Ma l’IA è in grado di gestire i lavori più difficili? Per scoprirlo, Section School, una startup specializzata nell’educazione all’uso efficace dell’IA, ha recentemente condotto un esperimento di pensiero sulle capacità analitiche dei chatbot esistenti.

“Prima della nostra ultima riunione del consiglio di amministrazione, abbiamo chiesto a quattro chatbot AI di fornirci un feedback sulla nostra presentazione del consiglio”, ha riferito Section School. La qualità dei risultati variava tra i vari chatbot, “ma Claude [di Anthropic] era quasi altrettanto bravo quanto il nostro consiglio di amministrazione umano. Ha compreso il contesto macroeconomico, è stato adeguatamente ambizioso e ha raggiunto rapidamente le implicazioni di terzo livello e le opportunità a grande raggio”.

>>>  Google vuole conoscere la storia della vostra vita

Ciò suggerisce che in futuro i consulenti dell’IA potrebbero integrare o eventualmente sostituire completamente la funzione degli specialisti e dei consulenti umani nella valutazione di giudizi, tattiche e piani complessi. Se l’IA prenderà effettivamente il posto della creatività e del pensiero strategico umano è ancora oggetto di dibattito.

Pro e contro dell’efficienza dell’IA

Mentre i risultati di questi molteplici studi indicano che l’IA è vantaggiosa per il posto di lavoro, un secondo lavoro che ha esaminato l’efficacia dei recruiter ha scoperto che coloro che impiegavano IA di alta qualità sviluppavano pigrizia, disattenzione e una minore capacità di giudizio indipendente. Gli esseri umani non hanno bisogno di fare sforzi supplementari o di concentrarsi quando l’IA è così brava.

Il documento riporta che: “Con l’aumento della qualità dell’IA, gli esseri umani hanno meno incentivi a sforzarsi e a rimanere attenti, permettendo all’IA di sostituire piuttosto che aumentare le loro prestazioni”. Le persone lasciano che l’IA prenda il sopravvento invece di usarla come strumento, in pratica addormentandosi. Questo dimostra che le persone potrebbero facilmente diventare eccessivamente dipendenti da un’IA e non riuscire a esercitare il proprio giudizio.

In un futuro non troppo lontano, le persone potrebbero completare il loro lavoro con il pilota automatico, proprio come fanno oggi le nostre auto. Il Wall Street Journal ha riportato risultati analoghi di una precedente ricerca sull’uso dello smartphone. Secondo quello studio, quando il cervello diventa più dipendente dalla tecnologia telefonica, l’intelligenza diminuisce. Probabilmente lo stesso vale per qualsiasi tipo di tecnologia informatica in cui riceviamo informazioni senza sforzarci di ricercarle, capirle o trovarle da soli.

Se così fosse, l’intelligenza artificiale, che sempre più spesso fornisce contenuti personalizzati in base alle nostre esigenze e ai nostri interessi, soprattutto sul lavoro, potrebbe portare a una dipendenza che compromette la nostra intelligenza. “Temo che le capacità umane possano atrofizzarsi”, ha dichiarato Daniel Weld, professore di interazione uomo-computer presso l’Università di Washington, in un articolo di Axios.

>>>  Attenti al vostro gemello malvagio

La motivazione e la creatività umana includono il confronto con gli altri e con altri membri del nostro ambiente. In molti campi, l’intelligenza artificiale ha recentemente dimostrato di essere più abile degli esseri umani. Pertanto, le persone potrebbero essere portate a rinunciare a provarci se non riuscissero a competere.

Un equilibrio tra esseri umani e IA al lavoro

L’impatto dell’IA sulla forza lavoro sta diventando evidente. Secondo studi recenti, i consulenti assistiti dall’IA superano i loro concorrenti, aumentando notevolmente la produzione e la qualità. Se da un lato l’IA può aiutare i meno bravi a raggiungere la competenza, dall’altro può incoraggiare la dipendenza e la dequalificazione umana.

L’efficienza dell’IA è un’arma a doppio taglio che diventa sempre più evidente man mano che viene integrata nelle funzioni professionali. Le aziende devono procedere con cautela, sfruttando i vantaggi dell’IA senza sacrificare le capacità umane e il giudizio.

Nel complesso, è evidente che un’applicazione attenta dell’IA può aumentare la produttività, ma le aziende devono fare attenzione a non sfruttare la tecnologia in modi che limitino il talento umano. Per massimizzare l’impegno umano e sfruttare i talenti di ciascuno è necessario trovare il modo migliore per dividere il lavoro tra gli esseri umani e l’IA.

In conclusione, gli strumenti di intelligenza artificiale come ChatGPT sono molto promettenti per migliorare il modo in cui troviamo le informazioni, otteniamo spiegazioni e impariamo nuove abilità. Chi prima faticava a svolgere determinati compiti può usare l’IA per acquisire rapidamente competenze. Tuttavia, un eccessivo affidamento all’IA rischia di ridurre le capacità umane nel tempo. I lavoratori che lasciano che l’IA svolga l’intero lavoro possono apparire altamente produttivi, ma perdono motivazione e competenze. Le aziende dovrebbero incoraggiare l’utilizzo dell’IA per l’apprendimento e il miglioramento, ma non per la sua completa sostituzione. Con il giusto equilibrio, l’IA può aiutare le persone meno esperte ad acquisire rapidamente capacità, mentre i lavoratori più qualificati fanno progredire ulteriormente i loro talenti. Ma se l’IA viene sfruttata per svolgere interi lavori, potrebbe creare discrepanze in cui il personale meno competente viene scelto al posto dei lavoratori umani più qualificati. La chiave sta nell’utilizzare i punti di forza dell’IA per migliorare le conoscenze, pur mantenendo il giudizio, l’impegno e la discrezione dell’uomo per evitare la dequalificazione. Con un uso responsabile, l’IA presenta un potenziale entusiasmante per aumentare la produttività e arricchire le competenze umane.