Come l’intelligenza artificiale sta ridisegnando le dinamiche lavorative

Gli sviluppi dell’intelligenza artificiale stanno avendo un’ampia gamma di effetti sui luoghi di lavoro. L’intelligenza artificiale sta cambiando il mercato del lavoro in diversi modi, compresi i tipi di lavoro che gli individui intraprendono e la sicurezza dell’ambiente circostante.

Come riportato qui, tecnologie come la visione artificiale possono migliorare la sicurezza sul posto di lavoro attraverso l’identificazione precoce dei rischi, come l’accesso non autorizzato del personale o l’uso improprio delle attrezzature. Queste tecnologie possono anche migliorare la progettazione dei compiti, la formazione e l’assunzione. Tuttavia, il loro impiego richiede una seria considerazione della privacy e l’operato dei lavoratori, in particolare negli ambienti di lavoro remoti dove la sorveglianza domestica diventa un problema.

Le aziende devono mantenere la trasparenza e linee guida precise sulla raccolta e l’uso dei dati per trovare un equilibrio tra il miglioramento della sicurezza e la protezione dei diritti individuali. Queste tecnologie hanno il potenziale per produrre un ambiente vantaggioso per tutti, con una maggiore produzione e sicurezza, se utilizzate con attenzione.

L’evoluzione dei ruoli lavorativi

Storicamente, la tecnologia ha trasformato l’occupazione piuttosto che eliminarla. I word processor, ad esempio, hanno trasformato le segretarie in assistenti personali, e l’IA in radiologia integra i radiologi piuttosto che sostituirli. È meno probabile che l’automazione completa si applichi a lavori che richiedono una formazione specializzata, un giudizio delicato o un rapido processo decisionale. Tuttavia, man mano che l’IA diventa più sofisticata, alcuni esseri umani potrebbero finire per diventare “burattini di carne”, svolgendo lavori pesanti sotto la guida dell’IA. Questo va contro l’idea romantica che l’IA ci libererà per dedicarci ad attività creative.

A causa del precoce abbraccio delle Big Tech all’IA, il settore si è consolidato e sono emersi nuovi modelli di business come risultato del suo vantaggio competitivo. L’IA viene rapidamente utilizzata dagli esseri umani come tramite in diversi settori. Ad esempio, il personale dei call center segue ora copioni creati dalle macchine e i venditori possono ricevere consigli in tempo reale dall’IA.

Mentre nel settore sanitario si ritiene che lavori emotivamente e fisicamente impegnativi come l’infermiere siano insostituibili, i “copiloti” dell’IA potrebbero occuparsi di compiti come la documentazione e la diagnosi, liberando risorse cerebrali umane per compiti non essenziali.

Cyborg vs. Centauri

Esistono due diversi schemi per la collaborazione tra uomo e IA, descritti dai modelli Cyborg e Centauri, ciascuno con pro e contro propri. Secondo il modello Cyborg, l’IA diventa un’estensione della persona e viene incorporata senza sforzo nel corpo o nei processi umani, come un impianto cocleare o un arto protesico. La linea di demarcazione tra un essere umano e una macchina è offuscata da questa profonda integrazione, che a volte mette persino in discussione il significato di essere umano.

Al contrario, il modello Centauri privilegia un’alleanza cooperativa tra esseri umani e IA, superando spesso sia l’IA che i concorrenti umani. Integrando le capacità della macchina con l’intuizione umana, questo modello sostiene i valori dell’intelligenza umana e produce qualcosa di più grande della somma delle sue parti. In questa configurazione, l’IA si concentra sull’elaborazione, sull’analisi dei dati o sulle attività ordinarie, mentre l’uomo rimane coinvolto, esprimendo giudizi strategici e offrendo input emotivi o creativi. In questo caso, le due parti rimangono separate e la loro collaborazione è ben definita. Tuttavia, questa dinamica è cambiata grazie al rapido sviluppo dell’IA nel campo degli scacchi, che ha dato vita a sistemi come AlphaZero. Al giorno d’oggi, l’IA è così brava a giocare a scacchi che l’aggiunta di una strategia umana può avere un impatto negativo sulle prestazioni dell’IA.

Il modello Centauri incoraggia l’IA e le persone a lavorare insieme in una partnership collaborativa sul posto di lavoro, con ciascuno che apporta capacità uniche per raggiungere gli obiettivi condivisi. Ad esempio, nell’analisi dei dati, l’IA potrebbe setacciare enormi database per individuare determinati modelli, mentre gli analisti umani utilizzerebbero le conoscenze contestuali per scegliere la decisione migliore da prendere. I chatbot potrebbero gestire semplici richieste di assistenza ai clienti, lasciando che siano gli operatori umani a occuparsi di problemi complicati ed emotivamente complessi. Queste divisioni del lavoro massimizzano la produttività, valorizzando e non sostituendo i talenti umani. La responsabilità e la governance etica sono ulteriormente supportate dal mantenimento di una divisione netta tra le responsabilità umane e quelle dell’intelligenza artificiale.

Codesign guidato dai lavoratori

Una strategia nota come “codesign guidato dai lavoratori” consiste nel coinvolgere i lavoratori nella creazione e nel miglioramento dei sistemi algoritmici destinati all’utilizzo sul posto di lavoro. Dando voce ai dipendenti nell’adozione delle nuove tecnologie, questo modello partecipativo garantisce che i sistemi rispondano alle esigenze e ai problemi del mondo reale. I dipendenti possono collaborare con progettisti e ingegneri per delineare le caratteristiche desiderate e discutere dei potenziali problemi, organizzando sessioni di codesign.

I lavoratori possono identificare questioni etiche o pratiche, contribuire allo sviluppo delle regole o dei criteri di selezione dell’algoritmo e condividere le loro conoscenze sulle specificità delle loro professioni. Ciò può ridurre la probabilità di esiti negativi, come sanzioni ingiuste o monitoraggio eccessivamente invasivo, migliorando l’equità, la trasparenza e l’allineamento del sistema con le esigenze della forza lavoro.

Potenzialità e limiti

L’intelligenza artificiale ha il potenziale per migliorare in modo significativo i compiti dei dirigenti, valutando rapidamente grandi quantità di dati complessi sul comportamento dei competitor, sulle tendenze del mercato e sulla gestione del personale. Ad esempio, un consulente artificiale può fornire all’amministratore delegato una consulenza breve e basata sui dati relativi a collaborazioni e acquisizioni. Al momento, però, l’IA non può assumere il ruolo delle caratteristiche umane necessarie per la leadership, come l’affidabilità e l’ispirazione.

Inoltre, il crescente utilizzo dell’IA nel management potrebbe avere ripercussioni sociali. Poiché la definizione convenzionale di “management” cambia, la perdita di posizioni di gestione intermedia legata all’automazione potrebbe causare crisi di identità.

L’IA può rivoluzionare il settore della consulenza manageriale offrendo raccomandazioni strategiche basate sui dati. In questo modo, le scelte difficili, come il ridimensionamento, possono assumere un’aria di presunta imparzialità. Tuttavia, l’uso dell’IA in posizioni così cruciali richiede una stretta supervisione per verificare le sue raccomandazioni e ridurre i pericoli correlati. Trovare il giusto equilibrio è essenziale: un eccessivo affidamento all’IA corre il rischio di problemi etici e a livello di pubbliche relazioni, mentre un uso inadeguato potrebbe comportare la perdita di benefici significativi.

Sebbene la collaborazione tra IA e lavoratori umani possa, in alcune aree, impedire alla tecnologia di dominare i luoghi di lavoro e consentire un utilizzo ottimale delle capacità umane e computazionali, non risolve i problemi più significativi legati al lavoro. La forza lavoro è comunque destinata a diminuire drasticamente, rendendo necessarie soluzioni pertinenti piuttosto che colpevolizzare i lavoratori per l’insufficiente specializzazione. È necessaria una rivoluzione sociale in cui il lavoro non sia più la fonte primaria di sostentamento.

Inoltre, sebbene mantenere ruoli separati per l’IA e gli esseri umani possa essere vantaggioso, anche per ragioni etiche, c’è il rischio che l’IA venga percepita come più affidabile e obiettiva di quanto lo sia l’uomo. Questa percezione potrebbe presto diventare una scusa per ridurre la responsabilità in caso di decisioni difficili. Lo vediamo già con i sistemi automatizzati di alcune piattaforme che bannano gli utenti, a volte per motivi inaccettabili, senza possibilità di appello. Ciò è particolarmente problematico quando gli utenti si affidano a queste piattaforme come fonte primaria di reddito.

Questi esempi dimostrano l’uso potenzialmente antidemocratico dell’IA per decisioni che possono avere un impatto radicale sulla vita delle persone. Per andare avanti, dobbiamo esaminare criticamente il modo in cui l’IA viene implementata nei processi decisionali, in particolare quelli che riguardano l’occupazione e i mezzi di sussistenza. Dobbiamo stabilire solidi meccanismi di supervisione, garantire la trasparenza nel processo decisionale dell’IA e mantenere la responsabilità umana.

Inoltre, mentre navighiamo in questa trasformazione guidata dall’IA, dobbiamo reimmaginare le nostre strutture sociali. Ciò potrebbe comportare l’esplorazione di concetti come il reddito di base universale, la ridefinizione della produttività o lo sviluppo di nuovi modelli economici che non si basino così pesantemente sull’occupazione tradizionale. L’obiettivo dovrebbe essere quello di sfruttare i benefici dell’IA garantendo che il progresso tecnologico serva all’umanità nel suo complesso, anziché aggravare le disuguaglianze esistenti.

In conclusione, sebbene l’IA offra un immenso potenziale per migliorare il nostro lavoro e la nostra vita, la sua integrazione nel luogo di lavoro e nella società in generale deve essere affrontata con cautela, lungimiranza e impegno per ottenere risultati etici ed equi. La sfida che ci attende non è solo tecnologica, ma profondamente sociale e politica, e ci impone di ripensare i nostri assunti fondamentali sul lavoro, sul valore e sulla prosperità umana nell’era dell’IA.