I primi passi in un tribunale da parte di un’IA

Come riportato qui, a febbraio di quest’anno l’intelligenza artificiale presenterà la sua prima battaglia legale in un tribunale. Il caso sarà semplice. Si tratta di una normale multa per eccesso di velocità, il che è presumibilmente il fattore principale che ha spinto il tribunale a concedere l’insolita richiesta di assistenza legale. La vita dell’imputato non sarà a rischio; è in gioco solo una piccola multa, ma sarà un’occasione per testare come un’intelligenza artificiale gestirà un’udienza reale.

Naturalmente, non ci sarà alcun robot che si rivolgerà al giudice e alla giuria mentre si aggira per l’aula; l’IA è progredita notevolmente dal 2018, ma non così tanto. Al contrario, il cliente riceverà le risposte pertinenti alle argomentazioni presentate durante l’udienza utilizzando un telefono con software dotato di intelligenza artificiale e un auricolare.

Anche se l’intelligenza artificiale impiegata in questo caso è diversa dal bot per l’analisi degli accordi di non proliferazione del 2018, questo algoritmo è stato creato dall’organizzazione di difesa dei consumatori DoNotPay per aiutare i consumatori a evitare multe, tasse e abbonamenti indesiderati. Inoltre può anche aiutare a ottenere rimborsi da aziende che cercano di far credere che non si abbia altra scelta che pagare per i loro errori.

“L’app DoNotPay è la casa del primo avvocato robot del mondo”, si vanta la società. “Combatti le società, sconfiggi la burocrazia e fai causa a chiunque premendo un pulsante”.

Per mantenere un ambiente controllato per l’esperimento, l’azienda ha mantenuto il segreto sul nome dell’imputato e sulla sede del tribunale. L’imputato potrà dire solo ciò che il bot gli dirà. DoNotPay si impegnerà a pagare tutte le multe e i costi relativi alla causa se il giudice si esprimerà a sfavore dell’imputato.

>>>  Il lato oscuro di Replika

Nel 2015, il “robot avvocato” di DoNotPay è apparso per la prima volta sotto forma di chatbot, come quelli che si trovano sui siti web di assistenza tecnica. DoNotPay ha pianificato di implementare un’intelligenza artificiale più avanzata nel 2020 e ora ritiene che sarà in grado di discutere efficacemente un caso giudiziario del mondo reale in tempo reale. Josh Browder, fondatore e CEO di DoNotPay, ha dichiarato che intende utilizzare il caso per migliorare l’accuratezza e l’integrità della sua IA.

Alla fine, Browder vuole che la sua applicazione sia così efficace da ridurre drasticamente il costo dell’assunzione di un avvocato.

“È tutta una questione di linguaggio, ed è per questo che gli avvocati si fanno pagare centinaia o migliaia di dollari all’ora”, ha dichiarato. “Ci saranno ancora molti bravi avvocati là fuori che potranno discutere alla Corte europea dei diritti dell’uomo, ma molti avvocati si fanno pagare troppo per copiare e incollare documenti, e credo che saranno sostituiti, e dovrebbero essere sostituiti”.

I piani della Cina

In ogni caso, l’idea di introdurre l’intelligenza artificiale nel campo della legge non è un caso isolato. Entro il 2025, la Cina intende dotarsi di un’infrastruttura di intelligenza artificiale a supporto del proprio sistema legale. La direttiva intende far progredire l’uso dell’IA nel sistema giuridico e migliorare i servizi legali.

In un articolo del quotidiano statale China Daily, che cita le linee guida emesse dalla Corte Suprema del Popolo, si legge che tutti i tribunali dovranno implementare un sistema di IA “competente” entro tre anni.

Il documento sostiene inoltre che tutti i processi necessari per affrontare le questioni legali saranno supportati da un’infrastruttura “meglio regolamentata” e più efficiente per l’uso dell’IA. Secondo l’Alta Corte, ciò dovrebbe includere un’integrazione completa dell’IA, lo sviluppo di tribunali intelligenti e un più elevato standard di “giustizia digitale”.

>>>  L'I.A. è capace di generare contenuti pornografici

Tuttavia, un uso più sofisticato dell’IA non dovrebbe mettere a rischio la sicurezza nazionale, compromettere i segreti di Stato o violare la sicurezza dei dati personali, ha aggiunto la dichiarazione, sottolineando l’importanza di sostenere la legalità e la sicurezza dell’IA in contesti giuridici.

Inoltre, la dichiarazione afferma che le decisioni saranno comunque prese da giudici umani, mentre l’IA sarà utilizzata come risorsa e strumento aggiuntivo per aumentare la produttività dei giudici e ridurre il loro carico di lavoro nei casi di routine. Secondo la Corte Suprema del Popolo, un sistema guidato dall’IA aumenterebbe anche l’accesso del pubblico ai servizi legali e contribuirebbe a una risoluzione più efficiente delle controversie.

La Corte ha inoltre richiesto ai tribunali di tutto il Paese di concentrare i propri sforzi per imparare a utilizzare l’IA, in modo da poter individuare le incongruenze nella gestione dei casi.

Negli ultimi dieci anni, l’Alta Corte ha lavorato per promuovere l’uso della tecnologia nel settore. In più, per favorire la fusione tra legge e tecnologia e assistere meglio la crescita socio-economica, ha annunciato l’intenzione di creare un’alleanza giudiziaria basata su blockchain tra i tribunali cinesi e altri settori entro il 2025.

Nel settembre del 2022, 350.000 mediatori e più di 90.000 centri di mediazione si sono uniti a una piattaforma creata dalla Corte Suprema del Popolo per assistere gli avvocati nella risoluzione delle controversie online. Inoltre, nel 2021 i tribunali hanno presentato più di 11,43 milioni di casi online.

Entro il 2030, il governo cinese ha promesso di creare altre 50 zone ad alta tecnologia per l’aumento del PIL del Paese e per consentire “scoperte” nell’intelligenza artificiale, nell’informatica quantistica e nelle comunicazioni 5G. Gli scienziati e le imprese che operano nelle zone ad alta tecnologia hanno costruito il primo chip di intelligenza artificiale e il primo satellite per le comunicazioni quantistiche del Paese.

>>>  Un'I.A. per generare voci con sentimenti

Le cause legali sono spesso costose e richiedono molto tempo, anche quando si tratta di casi di routine come le multe. Pertanto, in queste situazioni, un avvocato basato sull’intelligenza artificiale è più economico e potrebbe essere utile oltre che più accessibile, anche per via di meno burocrazia. Tuttavia, il rischio è che, nel corso degli anni, verdetti importanti possano essere decisi dall’intelligenza artificiale quando questa sarà sempre più parte del sistema. La questione, più riguardo la neutralità, è la mancanza di profondità nel gestire la varietà di eccezioni che la vita umana presenta. Abbiamo esempi di moderazione automatica sui social media, dove un’intelligenza artificiale decide di bandire o sospendere persone dal loro account, non sempre per buone ragioni. E spesso è difficile fare ricorso perché alcune decisioni sono inappellabili anche se si ha ragione. Sappiamo che questo accade anche con il sistema giudiziario standard, ma con l’automazione è difficile far sentire la propria voce. Pertanto, abbiamo bisogno di un sistema che ci permetta di contestare più che sentenziare.