Figura 01 + ChatGPT = L’integrazione rivoluzionaria solleva preoccupazioni etiche

Un nuovo robot umanoide che funziona con ChatGPT di OpenAI inizia a ricordare l’IA Skynet del film di fantascienza Terminator.

Sebbene Figure 01 non sia un robot letale, è in grado di svolgere attività autonome di base e, con l’assistenza di ChatGPT, conversazioni umane in tempo reale.

Secondo questo articolo, la macchina utilizza ChatGPT per visualizzare oggetti, pianificare azioni future e persino riflettere sulla propria memoria, come mostrato in un video dimostrativo fornito da Figure AI.

Il robot cattura le foto dalle sue telecamere che riprendono l’ambiente circostante e le inoltra a un modello di linguaggio visuale di grandi dimensioni addestrato da OpenAI, che traduce le immagini al robot.

Nel video, un uomo chiede all’umanoide di lavare i piatti, mettere via i vestiti sporchi e dargli qualcosa da mangiare e il robot porta a termine i compiti, anche se Figure sembra più esitante nel rispondere alle domande rispetto a ChatGPT.

Nel tentativo di far fronte alla carenza di lavoratori, Figure AI prevede che il suo primo robot umanoide dotato di intelligenza artificiale si dimostrerà in grado di svolgere compiti pericolosi per i lavoratori umani.

“Due settimane fa abbiamo annunciato che Figure + OpenAI stanno unendo le forze per spingere i confini dell’apprendimento dei robot”, ha scritto il fondatore di Figure Brett Adcock su X.

“Insieme, stiamo sviluppando modelli di intelligenza artificiale di prossima generazione per i nostri robot umanoidi”, ha aggiunto.

Adcock ha aggiunto che il robot non è stato controllato a distanza e che “è stato filmato a velocità 1.0x e ripreso in modo continuo”.

Il commento sull’assenza di controllo potrebbe essere una frecciatina a Elon Musk, che ha condiviso un video del robot Optimus di Tesla per mostrarne l’abilità; ma in seguito si è scoperto che un umano lo manovrava a distanza.

Nel maggio 2023, investitori come Jeff Bezos, Nvidia, Microsoft e OpenAI hanno contribuito con 675 milioni di dollari al progetto Figure AI.

“Speriamo di essere uno dei primi gruppi a portare sul mercato un umanoide”, ha dichiarato Brett Adcock ai giornalisti lo scorso maggio, “che possa effettivamente essere utile e svolgere attività commerciali”.

Nell’ultimo video, un uomo affida a Figure vari lavori da completare, uno dei quali consiste nel chiedere al robot di dargli qualcosa di commestibile dal tavolo.

Adcock ha dichiarato che il video ha dimostrato il ragionamento del robot attraverso l’uso delle sue reti neurali end-to-end, un termine che indica il processo di addestramento di un modello attraverso l’acquisizione del linguaggio. ChatGPT è stato addestrato per avere interazioni conversazionali con gli utenti umani utilizzando grandi quantità di dati. Il chatbot è in grado di seguire le istruzioni di un prompt e di fornire una risposta dettagliata, che è il modo in cui funziona il modello di apprendimento linguistico di Figure. Il robot “ascolta” una richiesta e risponde con l’aiuto della sua intelligenza artificiale.

Tuttavia, un recente studio che ha impiegato scenari di gioco di guerra per testare ChatGPT ha mostrato che, come Skynet in Terminator, essa decide di distruggere i nemici quasi il 100% delle volte.

Ma al momento Figure assiste le persone. L’uomo nel video ha eseguito un’altra dimostrazione, chiedendo al robot di identificare ciò che vedeva sulla scrivania di fronte a lui.

Figure ha risposto: “Vedo una mela rossa su un piatto al centro del tavolo, uno scolapiatti con tazze e un piatto, e tu in piedi vicino con la mano sul tavolo”.

Oltre a comunicare, Figure utilizza le sue capacità di eseguire faccende domestiche quando mette i piatti nello scolapiatti e porta via la spazzatura.

Le immagini provenienti dalle telecamere del robot e il testo trascritto dal parlato catturato dai microfoni vengono inviati a un modello di grandi dimensioni multimodale addestrato da OpenAI che comprende sia le immagini che il testo”, ha dichiarato Corey Lynch, ingegnere AI di Figure, in un post su X.

Il modello elabora l’intera cronologia della conversazione, comprese le immagini passate, per elaborare le risposte linguistiche, che vengono riproposte all’uomo tramite text-to-speech”, ha aggiunto.

Nel video dimostrativo, Figure ha mostrato esitazione nel rispondere alle domande, tentennando dicendo “uh” o “um”, cosa che secondo alcuni utenti ha dato al bot una voce più simile a quella umana. Adcock ha dichiarato che lui e il suo team stanno “iniziando ad avvicinarsi alla velocità umana”, anche se il robot si muove ancora più lentamente di una persona.

Poco più di sei mesi dopo il giro di raccolta fondi da 70 milioni di dollari, nel maggio dello scorso anno, Figure AI ha rivelato un accordo rivoluzionario per l’impiego di Figure negli stabilimenti della BMW.

La casa automobilistica tedesca ha firmato un accordo per impiegare gli umanoidi inizialmente in uno stabilimento BMW multimiliardario a Spartanburg, nella Carolina del Sud, che produce veicoli elettrici e assembla batterie ad alto voltaggio.

Sebbene l’annuncio sia stato vago sulle esatte responsabilità dei bot alla BMW, le aziende hanno dichiarato di voler “esplorare aspetti di tecnologia avanzata” nell’ambito del loro “approccio basato sugli attuali progressi” alla collaborazione.

Adcock ha presentato i suoi obiettivi come una risposta a una carenza di manodopera complessa e qualificata che i metodi tradizionali di automazione non sono stati in grado di risolvere.

Abbiamo bisogno di [robot] umanoidi nel mondo reale, che facciano un lavoro reale”, ha detto Adcock.

Era prevedibile che la capacità conversazionali di ChatGPT venisse utilizzata come cervello per i robot che ragionano e dialogano, viste le sue già eccellenti prestazioni. Gradualmente, si sta delineando un sentiero verso robot capaci di movimenti fluidi e capacità di ragionamento incomparabili con quelli della generazione precedente, prima dell’avvento di OpenAI.

Se da un lato l’integrazione di ChatGPT in un robot umanoide come quello di Figure 01 dimostra un progresso entusiasmante nell’IA e nella robotica, dall’altro solleva importanti questioni di sicurezza e considerazioni etiche. ChatGPT, come molti modelli linguistici di grandi dimensioni, è essenzialmente una “scatola nera”; i suoi processi decisionali sono opachi e i suoi risultati possono essere imprevedibili o distorti in base ai dati di addestramento utilizzati.

Nel momento in cui ci avviciniamo all’impiego di questi sistemi di intelligenza artificiale in robot fisici che possono interagire con il mondo reale e influenzarlo, dobbiamo esercitare cautela e implementare solide misure di sicurezza. Le potenziali conseguenze come guasti o comportamenti involontari di questi sistemi potrebbero essere gravi, soprattutto in ambienti sensibili come gli impianti di produzione o in presenza di lavoratori umani.

Forse è giunto il momento di rivedere e adattare principi simili alle famose “Tre leggi della robotica” di Isaac Asimov all’era dell’intelligenza artificiale avanzata. Abbiamo bisogno di chiare linee guida etiche e di meccanismi di sicurezza per garantire che questi robot alimentati dall’IA diano priorità alla sicurezza umana, rimangano sotto il controllo umano e operino entro limiti ben definiti.

Lo sviluppo e la diffusione responsabile di queste tecnologie richiederanno una stretta collaborazione tra ricercatori di IA, esperti di robotica, esperti di etica e autorità. Sebbene i potenziali benefici della robotica alimentata dall’IA siano vasti, dobbiamo procedere con cautela e dare priorità alla sicurezza e all’etica insieme al progresso tecnologico.

In definitiva, mentre continuiamo a spingere i confini di ciò che è possibile con l’IA e la robotica, dobbiamo rimanere vigili e proattivi nell’affrontare i potenziali rischi e le conseguenze indesiderate che potrebbero derivare da questi potenti sistemi.

>>>  Come l'IA disgrega la nostra realtà