Un robot per tutti

È stato mostrato il primo prototipo del tanto atteso robot di Tesla. Come già dichiarato, l’umanoide chiamato Optimus è dotato di alcuni dei sensori e del software di intelligenza artificiale che si trovano nelle auto Tesla.

Come spiegato qui, le aspettative di Musk per questo robot sono di venderlo a meno di 20.000 dollari, sperando che venga prodotto in massa in milioni di unità rispetto ad altri robot umanoidi. E improvvisamente ci viene in mente il film “Io, robot”.

Durante la presentazione, il suo team ha mostrato un prototipo di robot senza pelle chiamato “Bumble C” che camminava in avanti e faceva una mossa di danza. Tuttavia, non abbiamo visto molto delle sue capacità, ma l’azienda ha mostrato alcuni filmati di altre capacità del robot, come quella di raccogliere delle scatole.

Successivamente, il team ha portato sul palco un altro prototipo del robot, ma più vicino alla versione utilizzata per la produzione, questa volta completamente assemblato ma ancora non del tutto funzionante e non ancora pronto a camminare.

È dotato di connettività Wi-Fi e LTE, di una batteria da 2,3 kWh e di un SoC Tesla. Le articolazioni del robot, come le mani, i polsi e le ginocchia, sono state al centro di dimostrazioni che hanno illustrato come siano stati analizzati i dati relativi a ciascuna articolazione prima di cercare punti in comune tra i progetti per identificare una tecnica che richiedesse solo sei attuatori distinti. Secondo gli ingegneri, il “design biologicamente ispirato” delle mani simili a quelle umane le renderà più adatte a raccogliere oggetti di varie forme e dimensioni e ad avere una presa precisa su componenti minuscoli.

>>>  KODA: il primo cane robot al mondo con I.A. decentralizzata

Il software Autopilot di Tesla è stato trasferito dalle sue auto al bot e riprogettato per funzionare nella nuova veste e nel nuovo design. Il movimento di Tesla ha registrato i movimenti degli esseri umani (tramite motion capture) mentre eseguivano compiti reali, come sollevare una scatola, e ha fatto sì che Optimus replicasse i movimenti utilizzando la cinematica inversa. La regolazione del movimento in modo remoto viene utilizzato per ridurre la rigidità di queste attività e consentirne l’affinamento in un ambiente non strutturato.

“Sarà una trasformazione fondamentale per la civiltà come la conosciamo”, ha dichiarato Musk. E ha continuato sostenendo che Optimus potrebbe potenzialmente aumentare la produzione economica di “due ordini di grandezza”.

Tuttavia, Musk ha esortato i suoi seguaci a non aspettarsi che il prototipo assomigli alla rappresentazione lucida in bianco e nero mostrata per la prima volta all’evento dello scorso anno. In ogni caso, potrebbe diventare più importante dell’azienda automobilistica.

Gli usi futuri potrebbero riguardare la cucina, il giardinaggio o persino i rapporti sessuali, secondo Elon Musk, che ha anche dichiarato che la produzione potrebbe iniziare molto presto.

Gli esperti di robotica hanno messo in guardia dal dare troppa importanza alle promesse di Musk nei giorni che precedono l’AI Day. Hanno infatti sottolineato che altre aziende sono molto più avanzate nella creazione di robot in grado di correre, saltare e camminare, ma nessuna di loro sostiene di essere vicina a sostituire i lavoratori.

Molti si aspettavano di più da questo robot se confrontato con quelli di altre aziende come Atlas di Boston Dynamics o Asimo di Honda, ormai fuori produzione, mentre la sua testa nera può apparire un po’ inquietante. Tuttavia, i suoi movimenti sembrano più fluidi di quelli del robot di Xiaomi. In ogni caso, la produzione di robot è ancora agli inizi se si pensa a dove sta andando l’intelligenza artificiale. Non conosciamo l’evoluzione di questo robot, ma probabilmente sarà uno dei primi a entrare nelle nostre case.

>>>  Ragni morti usati come necrobot

I robot sostituiranno il lavoro umano?

Quando si parla di robot, il primo argomento che viene fuori è il lavoro umano. Tuttavia, è strano che le persone temano di perdere lavori ripetitivi e noiosi invece di pensare a una società più equa in cui siamo meno oppressi da un lavoro che non ci migliora o che semplicemente non ci piace. Se i robot potessero sostituire questi lavori, potremmo concentrarci su lavori più creativi e piacevoli ed evitare quelli più pericolosi. Dovremmo però immaginare un mondo in cui si lavora meno e si è meno frustrati, e in cui i beni primari siano garantiti a tutti. I robot, per esempio, potrebbero essere tassati per ridistribuire la ricchezza. Nel prossimo futuro, bisognerà lavorare di meno e meglio non lavorare duramente e aiutare chi non può lavorare o perde il lavoro. Abbiamo bisogno di un sistema in cui tutti siano in grado di rimettersi in piedi. Bisognerebbe rendere più facile l’inserimento lavorativo, anche per gli autonomi, ma nessuno dovrebbe temere di perdere il lavoro poiché quando si è tagliati fuori, ci sarà sempre un aiuto.