Potrebbero essere più di una trasgressione

Quando si parla di robot, ad un certo punto, si finisce sicuramente per pensare al loro uso sessuale. La tecnologia attuale non è ancora abbastanza buona per quello che intendiamo come un robot sessuale. Abbiamo le RealDoll, ma non sono esattamente la stessa cosa.

Sesso e robot portano inevitabilmente a implicazioni sociali sulle possibili conseguenze dell’aumento dell’isolamento delle persone. Tuttavia Neil MacArthur, direttore del Centro per l’etica professionale e applicata all’Università di Manitoba e redattore di Robot Sex: Social and Ethical Implications non è d’accordo.

“Nessuno sta forzando i sex robot al pubblico”, ha affermato. “A volte dimentichiamo che questa è una tecnologia di consumo e le tecnologie di consumo vengono adottate perché la gente le adotta”.

Secondo la sua opinione, le persone che sono veramente interessate o che hanno bisogno di un sex robot lo useranno e non significa che tutti finiranno per usare solo loro come è successo per altre tecnologie. Quindi, proprio come non tutti hanno smesso di fare musica dal vivo quando è stato inventato il fonografo, non tutti smetteranno di fare sesso con persone reali per via dei sex robot.

“Proprio come abbiamo disuguaglianze e accesso all’assistenza sanitaria e tutto il resto, abbiamo un sacco di disuguaglianze quando si tratta di accedere all’intimità e al sesso”, ha spiegato MacArthur. Molte persone non sono in grado di trovare partner sessuali a causa della loro età, salute, abilità fisica, geografia, livello di attrattiva convenzionale, o qualsiasi altro fattore.

“Parliamo molto di accesso all’assistenza sanitaria. Perché ci preoccupiamo di queste cose? La salute è un bene umano, l’educazione è un bene umano e la conoscenza è un bene umano. Beh, il sesso e l’intimità. Sono beni umani allo stesso modo”.

>>>  Una nuova pelle artificiale può procurarsi dei lividi come negli esseri umani

In questo modo, un sex robot potrebbe non essere per tutti, ma non esclude la possibilità che lo sia per qualcuno. Non possiamo e non dobbiamo mettere fine alle tecnologie emergenti solo perché non ne abbiamo bisogno.

Comunque, c’è qualcosa che mancherà sempre ai robot, la reciprocità: “Noi desideriamo qualcuno che ci desidera e loro desiderano il nostro desiderio”, ha sottolineato MacArthur. Anche se un giorno potranno simulare il desiderio, i robot non saranno mai in grado di ricambiarlo.

È possibile che la tecnologia cresca così bene e in maniera così irresistibile da superare i nostri desideri umani più basilari e soppiantare i rapporti umani genuini? Può darsi. Ma non è mai successo nella storia secolare della gente che si preoccupa proprio di questo.

I robot possono essere usati per coloro che non possono altrimenti avere accesso a esperienze sessuali. Poi potrebbero essere interessanti per il resto delle persone, non come un sostituto degli umani, cosa che non vogliamo, ma come parte del nostro naturale bisogno di varietà, proprio come il porno può essere un buon elemento di una vita sessuale più complessa.

E questo è solo l’inizio. La ricerca sui sex robot potrebbe portare allo sviluppo di una serie di altre tecnologie sessuali, e nuovi strumenti utili che possono aiutarci a vivere più felici e soddisfatti. I progettisti stanno già lavorando su dispositivi sessuali non umanoidi, come un cuscino che ti avvolge, stando a quanto dice MacArthur.

“Se abbiamo questi pregiudizi, significa che la ricerca non verrà finanziata”, ha sottolineato MacArthur. “Penso che avere un approccio aperto e salutare alla cosa la farà arrivare più velocemente e la farà arrivare anche in un modo più sano. Voglio dire, ci sono ogni sorta di progetti pazzeschi e innovativi là fuori, e penso che se sprigioniamo il tipo di creatività che spesso è all’opera nel mondo della tecnologia, penso che potrebbe essere un futuro davvero eccitante. Oppure, potremmo non avere questa conversazione o averla in un modo molto ristretto, e allora saremo solo intrappolati in un futuro molto lento e poco interessante”.

>>>  Che cos'è il Perturbante e perché lo sperimentiamo?

Le questioni legate al sesso e alla tecnologia non sono iniziate oggi, ma l’evoluzione di internet ha permesso alle persone di usare chat e webcam per il sesso virtuale o semplicemente per guardare video. I sex robot saranno la prossima generazione di sesso virtuale con tutti i pro e i contro della nuova tecnologia. Si potrebbe dire che internet ha aumentato l’isolamento sociale ma allo stesso tempo permette alle persone che sono lontane di parlarsi o a quelle che hanno difficoltà a socializzare di entrare in contatto con nuove persone più facilmente. Dipende. I sex robot potrebbero aiutare le persone con problemi di salute o problemi sociali o semplicemente chi cerca una nuova trasgressione. Tuttavia, se il problema di qualcuno fosse risolvibile, sarebbe meglio usare un robot del sesso come un passo verso un approccio alla vita reale. In ogni caso, ci sono anche risvolti più oscuri in cui i robot potrebbero essere usati per scatenare i peggiori istinti. In questo caso, lo sfogo nei confronti di un robot significherà una vittima in meno a subire tale violenza? O sarà un incoraggiamento? È difficile rispondere ora, ma potremmo rimanere sorpresi.

Fonte menshealth.com