L’area di nuova concezione, degna di Instagram, celebra la defecazione integrando un simpatico stile giapponese

Una mostra immersiva che celebra la cacca in modo divertente è stata presentata in anteprima al nuovo Unko Museum di Melbourne. Potrete riflettere sul significato degli escrementi e sul nostro rapporto con essi mentre vi rilassate con una creatura a forma di cacca pelosa di nome Jenny, o curiosate tra gli scaffali di un supermercato a tema cacca e prendete un tè.

Come riportato qui, il primo Unko Museum in Australia si trova di fronte alla sede del primo bagno pubblico di Melbourne, aperto nel 1859. Negli ultimi cinque anni, i musei Unko sono spuntati in tutta Shanghai e in Giappone (la parola “unko” è un gioco di parole per “cacca”). Al costo di 23,50 dollari (o 18 dollari per ogni bambino se lo accompagnate voi), l’ingresso consiste principalmente in una collezione di oggetti da immortalare su Instagram e in alcuni giochi a tema cacca.

La cacca qui esposta, disposta in un’area giochi, sospesa al soffitto e che brilla sinistramente in un corridoio scarsamente illuminato, incarna la quintessenza della forma morbida della cacca, superando anche il tanto ricercato ma sfuggente Tipo 4 della scala delle feci di Bristol, la cui forma è descritta come “simile a una salsiccia o a un serpente, liscia e morbida”.

Nel descrivere il fascino della forma, Masaru Kobayashi, direttore del T Museum, l’organizzazione che ha creato l’Unko Museum, fa riferimento sia alle pagode a gradoni dei templi di Kyoto sia alla sezione aurea di Euclide.

Egli cita la serie manga Dr. Slump di Akira Toriyama degli anni ’80, in cui una ragazza androide lotta con la sua insaziabile voglia di infilzare la cacca con dei bastoncini e alla fine si imbatte in una varietà di oggetti senzienti accattivanti.

>>>  La cacca in guerra

“Per i giapponesi si tratta di una cosa normale, un tipo di intrattenimento”, ha spiegato Kobayashi. Ciò è dovuto in parte allo stile kawaii del Giappone, che riesce a rendere carine anche “cose puzzolenti e molto sporche”. “Si può trovare qualcosa di kawaii in qualsiasi cosa”, ha affermato.

Egli ha sottolineato anche l’importanza dell’agricoltura per il Giappone e come la “cacca come fertilizzante” abbia contribuito a destigmatizzarla. Tuttavia, oltre la metà della terra australiana è utilizzata per l’agricoltura e qui, per lo più, ignoriamo l’argomento o ci fissiamo in modo malsano su di esso.

Il fatto che il Museo Unko abbia puntato a una città che nel XIX secolo era stata soprannominata “Smellbourne” [da ‘smell’ (odore)] a causa dell’incuria nel mantenere un sistema fognario adeguato è, in un certo senso, appropriato.

L’Unko Museum non ha tabù di questo tipo. Uno stand incoraggia gli spettatori a calpestare cacche colorate per guadagnare punti per un gioco. In un’altra, tre bambini urlano “cacca!” in un microfono, facendo illuminare una di esse su uno schermo. Sebbene i bagni veri e propri siano nascosti sul retro, molti altri sono ben visibili. Alcuni di essi premiano addirittura con una rappresentazione in plastica dei risultati ottenuti quando ci si siede sopra e si fa finta di fare la cacca. I bambini ne sono entusiasti e gli adulti ridacchiano mentre pizzicano con cautela uno o due cacche. Ci sono anche coppie che si scattano una foto romantica mentre sono seduti uno di fianco all’altra sul water.

C’è da dire che il 38% degli australiani che dichiarano di soffrire di incontinenza si sente stigmatizzato; di questi, la maggior parte non si rivolge a un professionista e quasi un terzo dichiara che l’incontinenza ha un impatto negativo sulla propria salute mentale. Uno studio ha scoperto che un semplice elogio può aiutare un ragazzo su cinque che ha difficoltà a imparare a usare il vasino. Immaginate cosa succederebbe se tutti i presenti applaudissero mentre fate finta di vincere un giocattolo facendo finta di fare la cacca.

>>>  L'emoji della cacca è la più "cagata"

Oggi gli scienziati stanno studiando come un’accettazione più letterale delle feci – sotto forma di trapianto – possa aiutare a curare qualsiasi cosa, dal cancro ai problemi gastrointestinali. Nel 2022, l’Australia è stata tra le prime nazioni a livello globale a concedere l’approvazione per il trattamento.

Non è in gioco solo il nostro benessere corporeo. Il biologo della conservazione Joe Roman propone di utilizzare gli escrementi degli animali come strategia per affrontare la catastrofe climatica nel suo libro Eat, Poop, Die: How Animals Make Our World, pubblicato nel 2023. Le vivaci esposizioni a colori dell’Unko Museum diventano meno bizzarre quando Roman racconta i suoi oltre vent’anni di raccolta di feci di balena. Con un tocco poetico, aggiunge che “a volte brillano come squame, come il sole che luccica sull’acqua”. “I pennacchi fecali delle balene possono essere di colore verde neon o rosso vivo”.

L’escremento delle balene è molto più di un bel viso: nutre altre creature e sottrae carbonio alla superficie dell’oceano. Questo è solo uno dei tanti modi in cui molti animali rispondono alla chiamata della natura per sostenere la vita, riparare gli ecosistemi e mantenere la terra fresca.

Il Pooseum, l’altro museo della cacca australiano, si trova a Richmond, in Tasmania, e offre “educazione alla defecazione”, una discarica di informazioni con una maggiore inclinazione scientifica. Potrete scoprire maggiori informazioni all’Unko Museum.

Tuttavia, l’Unko Museum vale la pena di essere visitato se siete alla ricerca di trenta minuti spensierati e freschi per scherzare e scattare qualche foto.

Foto di Unko Museum