Nonostante contengano fino al 25% di cacca umana, i mattoni di argilla si sono mantenuti resistenti dopo i test

I ricercatori hanno scoperto un modo per trasformare i residui di feci umane in mattoni. Attualmente, i liquami fognari vengono sottoposti a un trattamento accurato e vengono essiccati, ma il materiale “biosolido” avanzato viene disperso e gettato nelle discariche.

Secondo questo articolo, è stata creata una tecnica innovativa per produrre un tipo unico di materiale da costruzione combinando le feci con l’argilla. I ricercatori hanno realizzato dei mattoni utilizzando il 25% di feci e la restante parte di argilla normale, scoprendo che i blocchi superano comunque rigorosi test di resistenza. Sono anche dei migliori isolanti e più porosi.

poop bricks

Il 30% dei liquami che attualmente vengono scaricati in discarica o stoccati potrebbe essere ridotto combinando il materiale biosolido con l’argilla per utilizzarlo nella produzione di mattoni.

Nel loro ultimo lavoro, pubblicato sulla rivista Buildings, i ricercatori della RMIT University in Australia affermano che il processo “è una proposta pratica e sostenibile per riciclare tutti i biosolidi avanzati in tutto il mondo”.

L’utilizzo di solo il 15% dei biosolidi nella produzione di mattoni ridurrebbe le emissioni di carbonio della produzione di mattoni, soddisfacendo al contempo tutti i requisiti ambientali e ingegneristici per i mattoni”.

I mattoni possono resistere alle norme edilizie più severe e richiedono meno energia per essere prodotti. Sia la situazione finanziaria che l’impronta di carbonio trarranno beneficio da questa riduzione di energia. I mattoni comuni vengono creati in forni che superano i 1400 °C e rilasciano una quantità significativa di CO2.

L’uso di biosolidi nei mattoni potrebbe essere la soluzione a queste grandi sfide ambientali”, spiega Abbas Mohajerani, ingegnere dell’RMIT, come riporta ScienceAlert.

>>>  Gli uomini si siedono per fare pipì?

È una proposta pratica e sostenibile per riciclare i biosolidi attualmente stoccati o destinati alle discariche in tutto il mondo”.

Tuttavia, l’idea di produrre mattoni con la cacca non è nuova. Il Museo italiano della merda espone un esempio di argilla artigianale fatta di cacca, chiamata “merdacotta”.

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche prima di produrre i mattoni, i primi risultati sembrano incoraggianti. Attraverso indagini simili si è anche scoperto che è possibile trasformare l’urina umana in mattoni.

Gli studenti di Città del Capo hanno raccolto l’urina dagli orinatoi dei dipartimenti universitari e li hanno combinati con batteri e sabbia. Rispetto alla cottura dei mattoni di argilla, la tecnica di precipitazione microbica del carbonato produce i materiali da costruzione a temperatura ambiente, con un’efficienza energetica nettamente superiore.

Il nuovo processo produce invece potassio e azoto che possono essere venduti come fertilizzanti commerciali. Negli orinatoi innovativi che producono anche fertilizzanti, l’urina viene raccolta e utilizzata per fabbricare un prodotto industriale solido. Il liquido viene poi utilizzato per produrre mattoni.

Attraverso un processo chimico, i batteri sotto forma di ureasi scompongono l’urea contenuta nell’urina liquida per produrre carbonato di calcio. In questo modo la sabbia si solidifica nella forma desiderata, che può essere un mattone rettangolare o una colonna.

Il processo è chiamato precipitazione microbica del carbonato. I ricercatori lo descrivono come simile al modo in cui si formano le conchiglie. La sabbia sciolta viene colonizzata da batteri che producono ureasi.

I batteri potrebbero rendere il mattone più resistente facendolo “crescere” più a lungo nella miscela di sabbia e urina.

Foto: RMIT

>>>  La più grande cacca umana del mondo in mostra in un museo britannico