La Corea del Nord inasprisce le tensioni con la Corea del Sud

La Corea del Nord ha rilasciato rifiuti e escrementi attraverso palloni aerostatici su strade affollate, davanti alle case e in altre aree pubbliche in tutta la Corea del Sud, nella più recente escalation di tensioni tra Pyongyang e il suo vicino meridionale.

Come riportato qui, i militari della Corea del Sud hanno dichiarato di aver trovato oltre 260 palloni che trasportavano spazzatura e deiezioni animali, accusando la Corea del Nord di aver compiuto un atto “disumano e di basso livello”. I palloni sembravano essere stati dispersi in tutto il Paese, dato che i media locali hanno riferito di averli visti fino alla provincia di Jeolla, che è vicina al punto più meridionale della terraferma sudcoreana.

Le immagini rese pubbliche dall’esercito sudcoreano hanno rivelato una serie di oggetti destinati alla spazzatura, alcuni dei quali combinati con una sostanza marrone non rivelata, che giacevano sui portici e nelle strade, anche a Seul, la capitale del Paese. L’esercito della Corea del Sud ha avvertito in un comunicato che questi atti sono contrari al diritto internazionale e rappresentano un grave rischio per la sicurezza pubblica.

Alcuni sudcoreani che vivono in aree confinanti hanno ricevuto notifiche di messaggi di testo che li invitavano a non uscire a causa di oggetti che si sospettava provenissero dalla Corea del Nord. All’inizio di questa settimana, la Corea del Nord si è impegnata a intraprendere “un’azione di rivalsa” in risposta a un noto attivista per i diritti umani che ha lanciato nel Paese opuscoli contro la Corea del Nord e chiavette USB contenenti contenuti della cultura pop sudcoreana.

>>>  Una rana che assomiglia alla cacca di uccello

Kim Yo Jong, l’influente sorella del leader nordcoreano Kim Jong Un, ha definito i palloncini pieni di rifiuti un “autentico ‘dono di sincerità'” e un atto di “libertà di espressione” da parte del popolo nordcoreano in una dichiarazione sarcastica.

La dichiarazione sembrava prendere in giro le osservazioni fatte dai funzionari sudcoreani, che hanno dichiarato di non poter essere ritenuti responsabili per non aver impedito a specifici attivisti di distribuire volantini nel Nord. Kim ha affermato che la Corea del Nord avrebbe inviato “decine di volte” altri palloncini nel Sud in risposta a lanci di volantini simili in futuro. L’osservazione è stata pubblicata sull’agenzia ufficiale Korean Central News Agency.

Guerre coi palloni

Per un lungo periodo, il regime dittatoriale della Corea del Nord si è lamentato degli attivisti sudcoreani responsabili dell’ingresso nel Paese di materiale anti-Pyongyang e di altre merci. Gli opuscoli, che di tanto in tanto vengono impacchettati con oggetti di valore come banconote da un dollaro o chiavette USB, spesso prendono in giro il leader nordcoreano, Kim Jong Un, o la situazione del Paese in materia di diritti umani.

Park Sang-hak, un importante attivista per i diritti umani e disertore della Corea del Nord, è stato oggetto di pesanti critiche da parte della Corea del Nord, in particolare per aver inviato circa 20 palloni di grandi dimensioni nel Paese. È stato il primo lancio di Park dopo l’abrogazione di una norma che vietava tali lanci da parte della Corte costituzionale della Corea del Sud.

La legge è stata approvata durante l’amministrazione dell’ex presidente sudcoreano Moon Jae-in, che ha cercato di rafforzare i legami con la Corea del Nord. Il presidente Yoon Suk Yeol, un conservatore che gli è succeduto, ha adottato un atteggiamento più aggressivo nei confronti del Nord. Anche se odia il lancio di volantini, la Corea del Nord ha inviato per decenni la propria propaganda nel Sud per vendicarsi.

>>>  Ansia e cacca

Jacco Zwetsloot, conduttore del Podcast NK News su questioni legate alla Corea del Nord, con sede a Seoul, ha dichiarato che i volantini del Nord fanno parte di una campagna decennale per conquistare i sudcoreani e alimentare la sfiducia nei confronti del loro governo. Tuttavia, ha affermato che gli ultimi lanci di palloncini contenenti escrementi sembrano segnalare un cambiamento nella strategia della Corea del Nord contro il Sud.

“Una volta che si manda la cacca – o la carta igienica o la spazzatura – si rischia di mettere la gente in fuorigioco piuttosto che dalla parte giusta”, ha detto Zwetsloot. “Potrebbe essere parte della strategia di considerare i sudcoreani irrimediabilmente contaminati e indegni di far parte dei futuri piani di unificazione con la popolazione nordcoreana”.

All’inizio di quest’anno, Pyongyang ha ufficialmente abbandonato l’obiettivo di riunificazione della Corea, da tempo perseguito, e ha dichiarato che il Sud è un suo avversario permanente.

Tensioni più ampie

Le azioni si allineano con il discorso sempre più bellicoso della Corea del Nord nei confronti del Sud, spingendo diversi osservatori a ipotizzare che Kim potrebbe organizzare una provocazione più seria, potenzialmente coinvolgendo un conflitto transfrontaliero.

Non è chiaro, nel frattempo, se Kim si spingerà oltre la sua attuale pratica di ricorrere sporadicamente a metodi di “guerra da zona grigia”, che non equivalgono ad atti di guerra. In un’azione particolarmente rischiosa, alla fine del 2022 la Corea del Nord ha attraversato il confine con cinque piccoli droni da ricognizione; uno è arrivato fino a Seul, la capitale del Paese.

La Corea del Nord ha annunciato che il suo ultimo tentativo di mandare in orbita un satellite spia militare è fallito perché il razzo del satellite è esploso subito dopo il decollo. Nell’ambito dei suoi tentativi di tenere d’occhio le forze statunitensi stanziate nell’area, la Corea del Nord ha lanciato con successo il suo primo satellite spia lo scorso anno e si è impegnata a lanciarne altri.

>>>  Pasticcere fa una torta ispirata alla scala della cacca

Il viceministro della difesa nazionale della Corea del Nord ha accusato gli Stati Uniti e la Corea del Sud di “intensificare apertamente” le operazioni di spionaggio aereo e di pattugliamento navale in prossimità del confine intercoreano in una dichiarazione. Secondo la dichiarazione, l’esercito della Corea del Nord ha ricevuto l’ordine dalla sua “suprema leadership militare” di “intraprendere un’azione offensiva contro l’invasione provocatoria del nemico”.