Benvenuti su Il Sanitario

Il Bagno è un luogo di piacere, un ambiente rilassante, ma anche divertente; non solo un luogo per le funzioni corporee che spesso possono essere un punto di partenza per affrontare diversi argomenti come: scienza, tecnologia, arte, design e storia. Senza escludere consigli, fenomeni virali e notizie più o meno divertenti.

Quindi benvenuti in questo blog per esplorare il bagno da diversi punti di vista cercando di abbattere i tabù sul luogo di cui molti si vergognano, ma che tutti frequentano.

Sedetevi comodi!

Ultimi articoli
8 Aprile 2024Comprendere e mitigare i getti di aerosol provenienti dai servizi igienici Ogni volta che si tira lo sciacquone, piccole gocce d’acqua vengono rilasciate nell’aria circostante in forma di vapore. Queste goccioline, note come aerosol, possono potenzialmente esporre gli utilizzatori dei bagni pubblici a malattie infettive e diffondere agenti patogeni provenienti dalle deiezioni umane. Come spiegato qui, poiché gli aerosol sono generalmente invisibili, la comprensione scientifica della loro propagazione e la conoscenza pubblica della loro esistenza sono rimaste limitate. Con l’uso di laser ad alta potenza, John Crimaldi, Aaron True, Karl Linden, Mark Hernandez, Lars Larson e Anna Pauls sono riusciti a fotografare e misurare in modo molto dettagliato la diffusione degli aerosol prodotti dallo sciacquone dei servizi igienici commerciali. In alto anziché in basso Durante la fase di scarico, l’acqua viene spinta nel contenuto della tazza, facendo volare in aria un sottile spruzzo di particelle. Entro otto secondi dall’inizio dello sciacquone, i ricercatori hanno scoperto che un WC commerciale standard produce un potente getto d’aria verso l’alto che viaggia a una velocità superiore a 2 metri al secondo. Questo getto trasporta rapidamente le particelle fino a 1,5 metri di altezza sopra la tazza. Nel loro laboratorio hanno installato un WC commerciale standard senza coperchio con una valvola di tipo flushometer, ampiamente disponibile in tutto il Nord America, al fine di osservare queste emissioni. Le valvole flushometer distribuiscono l’acqua nella tazza utilizzando la pressione anziché la gravità. I ricercatori hanno illuminato l’area che va dalla parte superiore della tazza al soffitto con un sottile foglio verticale di luce laser creato utilizzando un’ottica sofisticata. Le particelle di aerosol diffondono una quantità di luce laser tale da diventare visibili dopo aver tirato lo sciacquone con un pulsante elettrico a distanza, che ci permette di fotografare le particelle con una macchina fotografica. I ricercatori sono stati sorpresi dalla forza con cui il getto ha espulso le particelle dalla tazza, nonostante si aspettassero la loro presenza. Uno studio correlato ha previsto la creazione di nuvole di aerosol utilizzando un modello computazionale di un WC idealistico; il modello ha mostrato che le particelle avrebbero viaggiato verso l’alto sopra la tazza a una velocità di circa 3,3 piedi al secondo (1 metro al secondo), che è circa la metà di quello che hanno visto quando hanno usato un WC reale. Perché i laser? Da molti anni gli scienziati sanno che le particelle di aerosol possono essere rilasciate nell’aria quando si tira lo sciacquone del bagno. Tuttavia, per determinare la quantità e le dimensioni delle particelle prodotte dai servizi igienici, la ricerca sperimentale si è basata prevalentemente su dispositivi che raccoglievano campioni d’aria in siti fissi. Sebbene questi approcci precedenti possano verificare l’esistenza degli aerosol, non ci dicono nulla sulla fisica delle particelle, ovvero quanto sono grandi, quanto velocemente si muovono o come appaiono. Lo sviluppo di tecniche di mitigazione per ridurre la creazione di aerosol e il loro potenziale di diffusione delle malattie dipende da queste informazioni. L’uso del laser per determinare i molti modi in cui i complessi fluidi si muovono è un settore del laboratorio di John Crimaldi, professore di ingegneria la cui ricerca si concentra sui collegamenti tra la fisica dei fluidi e i processi ecologici o biologici. Questi elementi sono spesso invisibili finché non vengono illuminati con il laser. Uno dei vantaggi di misurare i flussi di fluidi con la luce laser è che, a differenza di una sonda fisica, la luce non interferisce né modifica ciò che viene misurato. Inoltre, poiché gli esseri umani sono creature visive, l’uso del laser per rendere visibili oggetti invisibili aiuta a comprendere la complessità dell’ambiente dinamico in cui vivono. Aerosol e malattie Importanti vettori di malattie umane sono le particelle di aerosol che trasportano malattie. Le persone possono essere esposte a problemi respiratori a causa di particelle più piccole che rimangono nell’atmosfera per un certo tempo. Quando le particelle più grandi entrano in contatto con le mani o le labbra, possono facilmente depositarsi sulle superfici e diffondere infezioni intestinali come il norovirus. Le concentrazioni di agenti patogeni nell’acqua della tazza del water contaminata dalle feci possono durare per decine di sciacquoni. Se i getti di aerosol del water rappresentino o meno un rischio di trasmissione è ancora oggetto di dibattito. Limitare la diffusione degli aerosol dei bagni La metodologia sperimentale qui impiegata pone le basi per future indagini finalizzate a testare varie soluzioni per ridurre il potenziale di esposizione alle malattie derivante dallo sciacquone del water. Ciò potrebbe comportare la valutazione di modifiche ai getti di aerosol emessi da tazze o valvole di scarico di nuova concezione che alterino la durata o la forza del ciclo di scarico. Nel frattempo, esistono tecniche che riducono l’esposizione umana alle esalazioni del water. La tattica più ovvia è quella di chiudere il coperchio prima di tirare lo sciacquone. Tuttavia, questo non elimina completamente le esalazioni di aerosol e molti bagni pubblici, commerciali e ospedalieri sono sprovvisti di coperchi. Nel bagno, l’esposizione ai vapori di aerosol può essere potenzialmente ridotta grazie ai sistemi di disinfezione a raggi UV o alla ventilazione. [...]
1 Aprile 2024Una ridefinizione dell’esperienza del bagno con un capolavoro scultoreo e funzionale Il designer Samuel Ross ha creato il suo primo WC per il marchio Kohler con l’intento di sfidare i preconcetti su come dovrebbe essere un gabinetto. Il WC farà il suo debutto durante la Settimana del Design di Milano. Come spiegato in questo articolo, il WC intelligente Formation 02 ha un suggestivo colore arancione e una forma asimmetrica che ricorda gli angoli acuti e gli spigoli dell’architettura brutalista. Il vaso in porcellana è circondato da un guscio in resina epossidica riciclata che presenta una texture scoscesa e porzioni che ricordano la roccia naturale, oltre a sorprendenti ritagli. Formation 02, la cui produzione è limitata, è un tentativo, secondo Ross, di elevare il comune bagno allo status di “scultura funzionale”. “Ha un’intensità tale da attirare l’attenzione grazie al colore e all’asimmetria”, ha dichiarato. “Quindi direi che è più vicino a una scultura”. “C’è anche una nuova fascia di prezzo per questo tipo di prodotto, che sarà venduto al dettaglio a circa 25.000 dollari per unità”, ha aggiunto. “Si colloca quindi in questa incredibile zona grigia del design attuale, tra oggetto e artefatto e tra oggetto di design e oggetto funzionale”. Dopo la presentazione dell’angolare rubinetto Formation 01 al Design Miami dello scorso anno, Kohler e lo studio di design industriale di Ross, SR_A, hanno lavorato insieme per creare diversi progetti; il WC è il più recente. Ross, che proviene dall’industria della moda e ha lavorato per Off-White sotto la guida di Virgil Abloh prima di fondare il proprio marchio di streetwear, A Cold Wall, nel 2015, considera la collaborazione come un’opportunità per ripensare il mercato convenzionale dei sanitari. “È dagli anni ’60 o ’70 che non si assiste a una forma aberrante e dirompente”, ha dichiarato. “Sembrava che ci fosse una tale familiarità con l’oggetto da renderlo una delle ultime pietre non lavorate nell’ambito del design”. “Essere un designer significa fondamentalmente essere al limite del rischio quando si tratta di proporre nuove idee”, ha aggiunto Ross. “E qui si trattava di avere un senso del rischio e del pensiero elastico applicato a una categoria funzionale”. Con questo obiettivo in mente, Ross ha affrontato il progetto più come un’opera d’arte che come un incarico di design, disegnando forme su carta piuttosto che su file CAD e KPI. “Volevo produrre forme che non erano mai state viste prima”, ha spiegato. “Perciò ho voluto partire da un punto di vista molto puro, ovvero carta e penna, sensazioni ed emozioni, per determinare la direzione da prendere nel processo”. Oltre ad essere di colore arancione brillante, Ross sostiene che il design finale è più “estroverso” di un normale WC, poiché è più alto e significativamente più largo. Kohler ha sviluppato una resina epossidica riciclata che è stata modellata in stampi unici e inserita intorno alla base in ceramica del WC, conferendogli le varie sfaccettature e i lati ruvidi e strutturati. “Se pensiamo all’uso di resina epossidica testurizzata o riciclata nei bagni, questa non esiste letteralmente”, ha detto Ross. “Quindi quello che proponiamo è una vera e propria creazione di categoria nell’ambito delle soluzioni sanitarie”. “Il modo in cui la texture entra in gioco, la quantità di concavi e convessi che sono stati lavorati sull’epossidico, che abbiamo brevettato come parte della partnership tra SR_A e Kohler, tutte queste innovazioni sono nuove”. Insieme, Ross aspira ad aiutare l’utente a percepire inizialmente il WC come una scultura, prima di conoscere le sue capacità operative e l’integrazione tecnologica. Il progetto comprende una luce notturna, un sedile riscaldato e un comando a schermo tattile che può essere utilizzato per azionare il bidet, oltre che per aprire, tirare lo sciacquone e pulire il WC. La galleria d’arte e design milanese Spazio Maiocchi sarà la prima sede permanente del gabinetto, dopo la presentazione come parte di un’installazione temporanea durante la Settimana del Design di Milano. “Per lo più, se vogliamo essere onesti, saranno collocati in gallerie, musei, aziende di alto valore, che hanno un’affinità con le arti o apprezzano l’estetica”, ha commentato Ross. Altri recenti tentativi di reinventare il gabinetto si sono concentrati soprattutto sulla funzionalità. Per esempio, Samsung e Bill Gates hanno collaborato alla creazione di un WC che brucia i rifiuti “riducendoli in cenere”, mentre il marchio svedese di bagni Harvest Moon ha introdotto un WC compostato che non richiede acqua. [...]
25 Marzo 2024Fate attenzione ad usare le foglie come carta igienica Nelle foreste pluviali dell’Australia orientale si trova uno dei peggiori incubi botanici del mondo: il Dendrocnide moroides, più comunemente chiamato albero pungente gigante australiano o la “carta igienica del diavolo”. Questo albero senza alcuna apparenza ha un pungiglione incredibilmente potente, emesso da appendici aghiformi sulle sue foglie e sulla sua corteccia. L’intenso dolore causato dallo sfiorare la pianta pungente gigante è stato descritto come un incendio che si propaga rapidamente sulla zona colpita. Il dolore può durare settimane o mesi, e la puntura iniziale provoca un forte arrossamento, gonfiore e pulsazioni. Alcune anime sfortunate che hanno incontrato la pianta sono rimaste temporaneamente paralizzate o sono finite in ospedale. Ma perché viene chiamata “carta igienica del diavolo”? Poiché usare le grandi foglie come carta igienica di fortuna nella boscaglia sarebbe una delle idee peggiori che si possano immaginare. Gli aghi con la punta di silice che ricoprono la pianta possono conficcarsi così profondamente nella pelle che il tentativo di rimuoverli spesso spezza le punte, peggiorando la ferita. Il meccanismo di difesa unico dell’albero si è evoluto per allontanare gli animali che lo sfiorano. Le punte si comportano come aghi ipodermici in miniatura che rilasciano un potente cocktail di neurotossine quando penetrano nella carne. Il veleno provoca un’agonia tremenda, colpendo gli stessi recettori del dolore attivati dal peperoncino rosso o dagli spray di autodifesa. La puntura iniziale, intensa e bruciante, può durare fino a diverse ore o addirittura un giorno intero. È stata descritta come un’eruzione cutanea molto forte, pulsante e con gonfiore. Dopo la puntura iniziale, la zona colpita può rimanere dolorosamente sensibile al freddo e al caldo per molti giorni o addirittura settimane. In alcuni casi, è stato riferito che il dolore intenso può durare per mesi o più di un anno dopo la puntura prima di attenuarsi completamente. Esistono alcuni rimedi consigliati che possono dare un po’ di sollievo in caso di puntura di questa pianta: Rimuovere i peli/aghi residui. Rimuovere con cautela i peli/aghi ancora conficcati nella pelle utilizzando un nastro adesivo o una striscia di cera per la rimozione dei peli. Non cercate di estrarli per evitare di rompere le punte sotto la pelle. Applicare acido cloridrico diluito. L’applicazione di una soluzione diluita di acido cloridrico (come quella dell’acido gastrico) può aiutare a neutralizzare il veleno tossico del peduncolato. L’assunzione di antistaminici da banco come la fexofenadina o la loratadina può aiutare a ridurre l’infiammazione, il prurito e il gonfiore dovuti alla puntura. Usare la cera calda. L’applicazione di cera calda industriale o di un prodotto per la rimozione delle impurità può consentire alla resina di raffreddarsi e staccarsi, rimuovendo gli aghi/tossine intrappolati. Farmaci antidolorifici. In caso di dolore intenso e pulsante, possono essere necessari antinfiammatori da banco come l’ibuprofene o addirittura antidolorifici da prescrizione, soprattutto nei primi giorni. Creme anestetiche. Le pomate anestetiche topiche contenenti ingredienti come la lidocaina o la benzocaina possono intorpidire temporaneamente l’area. È consigliabile rivolgersi a un medico, poiché in alcuni casi l’intensa puntura può causare anafilassi. La maggior parte dei rimedi casalinghi fornisce solo un sollievo parziale e a breve termine dall’immensa agonia inflitta dalle punture di questo albero. Coyote Peterson, educatore della fauna selvatica e avventuriero noto per i suoi audaci incontri con varie creature e piante, si è offerto volontario per farsi pungere dalla ‘carta igienica del diavolo’ per sensibilizzare l’opinione pubblica sul dolore lancinante causato dalla sua puntura. L’esperienza di Peterson con questa pianta è stata documentata nel seguente video, in cui mostra gli effetti della puntura e fornisce informazioni preziose su come trattarla. [...]
18 Marzo 2024L’evoluzione del design dei servizi igienici e la percezione del pubblico Come riportato qui, nell’ultimo film di Wim Wenders, Giorni perfetti, seguiamo il personaggio di Koji Yakusho, Hiroyama, mentre pulisce i bagni del Tokyo Toilet Project. I bagni in questione sono ospitati in edifici creati dai leggendari architetti Tadao Ando e Kengo Kuma e sono senza dubbio di gran lunga superiori anche ai più lussuosi bagni pubblici del paese o di qualsiasi altro luogo. Il Tokyo Toilet Project è stato avviato da Koji Yanai, dirigente del settore della vendita al dettaglio, nel 2020 e avrebbe dovuto attirare l’attenzione internazionale durante le Olimpiadi estive del 2020. Tuttavia, la pandemia ha distrutto quei piani. Yanai ha quindi contattato i registi che ammirava per vedere se fossero interessati a collaborare al progetto. Il New York Times riporta che Wenders, un “ammiratore” di lunga data del Giappone, è caduto nell’inganno. Perfect Days ha ottenuto recensioni prevalentemente positive ed è stato candidato all’Oscar 2024. Tuttavia, alcuni recensori hanno subito sottolineato che Wenders sta essenzialmente feticizzando il Giappone e i colletti blu. Tuttavia, i bagni stessi – a parte Yakusho – sono le vere star del film. Anche se probabilmente Wenders voleva che gli spettatori contemplassero l’immobilità, la lentezza e l’indescrivibile bellezza dell’ordinario, ciò che più incuriosisce del film è il rispetto che viene riservato al bagno. Sebbene ci siano state alcune iniziative, almeno negli Stati Uniti, per migliorare il loro stato, i bagni pubblici non sono generalmente un luogo in cui si desidera trascorrere molto tempo. Nel 2017, il bagno di Bryant Park è stato rinnovato grazie a un progetto di finanziamento privato di 300.000 dollari. Sono stati collocati nuovi fiori sui piani d’appoggio, è stata riprodotta musica classica con gli altoparlanti e gli addetti ai servizi igienici hanno reso piacevole l’esperienza di utilizzo del bagno pubblico. Le persone potrebbero usare più spesso i bagni pubblici se fossero puliti e non sembrassero una landa desolata post-apocalittica. Qualsiasi attenzione alla situazione dei bagni, sia dal punto di vista estetico che funzionale, è una buona notizia. Certo, ci vorrà un po’ di tempo prima che il resto del mondo raggiunga il livello di pulizia, servizio e ospitalità offerto, per esempio, da un bagno pubblico in una stazione ferroviaria di Taipei (molto pulito, funzionale). È interessante notare che le possibilità di sviluppo dei servizi igienici in casa sono diventate ampie e, a dire il vero, stranamente affascinanti, anche se probabilmente ci vorrà un po’ di tempo prima che lo stato dei bagni pubblici migliori in modo apprezzabile. Gli spazi per i servizi igienici, essenzialmente una piccola stanza del bagno in cui si trova il wc, sono un pilastro delle ristrutturazioni di HGTV e della vita reale. I servizi igienici sono tradizionalmente un pugno in un occhio e sono una parte del bagno che molti progettisti nascondono. Questo perché nessuno vuole guardare o pensare al bagno e a ciò che vi accade. Tuttavia, non tutte le case ristrutturate o preesistenti hanno lo spazio per nascondere il WC, perché tutti fanno la cacca, come dice un noto libro per bambini. Ci sono molte possibilità se si gioca con il WC e lo si mette al centro dell’attenzione. Per commemorare il suo 150° anniversario, nel 2023 Kohler ha riportato in auge i colori del passato. Ha proposto vasche, lavabi e WC nei colori Peachblow e Spring Green, due colori pastello tenui simili a quelli che si possono trovare in un bagno con piastrelle vintage colorate. Per il 2024, l’azienda ha ripreso in mano gli archivi e ha riproposto tre colori verdi: Aspen Green, un verde salvia tenue e di tendenza; Teal, un verde scuro e annerito; e Fresh Green, una tonalità quasi avocado che suggerisce l’eterno ottimismo della primavera. Se siete stati a lungo su Instagram, potreste esservi imbattuti nelle custodie 3D di Bailey Hikawa. La sua ultima ossessione sono i gabinetti: sedili in resina ricoperti di capelli e telefoni cellulari del 2000. Se non vi va di ristrutturare l’intero bagno per ospitare un water di colore scuro, pensate a un bagno minimalista con un sedile del water massimalista come un modo semplice per abbracciare la ridicolaggine del pezzo stesso. Le recenti incursioni di Hikawa si troverebbero a loro agio in un bagno industriale di un bar che serve caffè macchiati di adattogeni; le sue creazioni hanno un che di sgradevole e sovversivo che invita l’utente a soffermarcisi. Se la tazza è di solito di porcellana bianca e non ha altri colori, texture o finiture, sembra particolarmente poco pratica. Forse questo è un segno che ci stiamo allontanando dall’estetica tradizionale per passare a un’estetica un po’ più giocosa e, oserei dire, funzionale. Non è mai divertente pulire il bagno. Questi produttori sembrano però sostenere che se la vostra casa esprime la vostra personalità in tanti altri modi, anche il vostro bagno dovrebbe farlo. Toto e altri produttori di bagni giapponesi sono notoriamente produttori di lusso, perché offrono ai clienti la sensazione di una vera e propria esperienza termale nel comfort della propria casa. Pur avendo un aspetto generalmente gradevole, hanno una sensazione di freddezza e sterilità che trasmette utilità piuttosto che divertimento. Sebbene i prodotti di fascia alta di Toto possano sembrare l’apice dell’innovazione nel campo dei WC, di recente diversi marchi hanno introdotto scelte che combinano veramente stile e funzionalità. Sono solo tre gli articoli disponibili del marchio francese di bagni Trone: due WC a parete e una placca a parete coordinata che regola lo sciacquone. Rilasciato nel 2021, Callipyge è abbastanza raffinato da essere il punto focale del bagno, pur avendo una leggera somiglianza con il Guggenheim. Il vaso è senza bordo, ma non ha le funzioni di bidet che hanno Toto e altri modelli di fascia alta. In un WC tradizionale, l’acqua scorre sotto il bordo della tazza quando si tira lo sciacquone, mentre in un modello senza bordo l’acqua scorre orizzontalmente lungo i lati, facilitando la pulizia. Con il Numi 2.0, ad esempio, che assomiglia leggermente a un bel bidone dell’immondizia ed è dotato di tutte le caratteristiche che ci si aspetta: luci a LED, aria calda che colpisce le parti basse, acqua a temperatura controllata in una funzione bidet che pulisce sia la parte anteriore che quella posteriore, Kohler si è fatta carico anche di questo. La cosa più importante, però, è l’integrazione con Alexa. Poi ci sono le aziende che combinano stile ed eleganza. Agape Design, un marchio italiano di sanitari, presenta lavori di designer come Studiopepe, Angelo Mangioratti e Patricia Uriquola, il cui tavolo Shimmer del 2015 per Glas Italia è stato copiato al punto da sembrare onnipresente. Agape Design tratta lavabi e sanitari con la stessa premurosa attenzione che si potrebbe riservare a una cucina o a una suite principale. Pears 2, il wc del 2019 creato da Trone per Agape, ha un aspetto piuttosto convenzionale per ridurre la confusione nel bagno, ma spicca per la sua tonalità sorprendente e le sue linee semplici. Sebbene il minimalismo europeo di Agape e Trone sia una delle direzioni in cui va il bagno, molti individui stanno sperimentando anche il kitsch. L’idea alla base dello sviluppo di un progetto come il Tokyo Toilet Project è più simile alla scelta del bagno di casa vostra di quanto possa sembrare inizialmente. Ovvero, tutti dovrebbero essere in grado di trovare un po’ di bellezza nell’ordinario, perché solo così possiamo rompere la monotonia di una tipica vita quotidiana. [...]
11 Marzo 2024Pro e contro del bere la propria urina Probabilmente vi viene il vomito solo a pensarci. Ma se siete interessati alla sopravvivenza in natura, vi sarete sicuramente chiesti quali siano le conseguenze del bere urina. Come riportato qui, è legittimo chiederselo: una persona può vivere per circa tre minuti senza aria, tre ore senza riparo in caso di maltempo, tre giorni senza acqua e tre settimane senza cibo, secondo la comunemente citata Regola del Tre. Se siete bloccati lontano da un ruscello o da un laghetto, bere acqua dovrebbe essere la vostra priorità assoluta. Dopo un giorno o due, la sete potrebbe essere più forte della reazione ai conati di vomito. Tuttavia, “dovresti bere la tua pipì?” e “puoi bere la tua pipì” sono due domande diverse. In ogni caso, no, consumare la propria pipì non fa ammalare. Tuttavia, questo funziona solo se si è ben idratati, e non è questo l’argomento in questione. Contrariamente a quanto si può vedere in televisione, bere pipì può prosciugare rapidamente la forza vitale: contiene più sali e minerali dell’acqua di mare. Dopotutto, si tratta di acqua di scarto; parte del suo scopo è rimuovere l’urea e altri materiali tossici dal corpo. L’uso di un normale filtro da zaino non vi aiuterà affatto. Inoltre, diventa sempre più concentrata quanto più a lungo la si consuma. Siete abbastanza disperati o determinati da farlo comunque? L’urina deve essere lasciata evaporare completamente prima di essere raccolta. Versate le urine in un grande contenitore, riscaldatelo, catturate e fate condensare il vapore, quindi trasferite l’acqua pulita in un altro contenitore. Se disponete di una stufa o di un fuoco da campo, mettete una tazza all’interno (su una pietra piatta), coprite il tutto con il coperchio capovolto in modo che il manico sia rivolto verso la tazza e fate bollire. In alternativa, potete costruire un dissalatore: create una buca profonda 30 centimetri e riempitela di pipì e di tutto il verde che trovate. Posizionate una tazza al centro. Coprite l’ingresso con la plastica, tiratela, quindi usate terra e sassi per sigillare i bordi. Per garantire che l’acqua goccioli nella tazza, appesantite il telo con una pietra. Sebbene la stufa sia più veloce, il dissalatore potrebbe essere in grado di estrarre più acqua dal terreno. Ad ogni modo si riceverà solo una piccola parte di ciò che si mette in entrambi i casi e l’acqua saprà di pipì in entrambi i casi. Distillare la propria urina non è l’approccio migliore per ottenere acqua in caso di emergenza. Piuttosto, aspettate la sera, quando la temperatura si abbassa, e usate questa energia per cercare pozzanghere o abbeveratoi che potrebbero esservi sfuggiti (suggerimento: nelle regioni aride gli animali tendono a riunirsi intorno alle fonti d’acqua, quindi seguite le loro impronte). Meglio ancora, evitate del tutto il dramma pianificando e mettendo in valigia più acqua di quella che pensate di avere bisogno, informando qualcuno di dove siete partiti e quando pensate di tornare e portando con voi un comunicatore satellitare, se disponibile. [...]
4 Marzo 2024Come l’accesso ai servizi igienico-sanitari migliora la salute, la sicurezza e molto di più Nonostante abbia diversi nomi, tra cui cesso, WC, gabinetto e latrina; il bagno è uno degli oggetti più comuni della vita ed è essenziale per la civiltà. Tuttavia, il problema dell’impossibilità di accedere ad una latrina rudimentale – che riguarda quasi un terzo della popolazione mondiale – potrebbe peggiorare. Infatti, secondo recenti ricerche statistiche, nel 2100 ci saranno 11 miliardi di persone sul pianeta. Ecco quindi cinque modi in cui i servizi igienici migliorano il mondo, dalla promozione dell’istruzione alla riduzione delle malattie: 1. Mantenere le persone in salute Secondo questo articolo, i reflui umani smaltiti in modo improprio possono provocare gravi malattie. Le persone che non hanno accesso ai servizi igienici defecano di solito all’aperto, spesso in prossimità di aree residenziali o di fiumi che forniscono acqua per lavarsi o bere. Per esempio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che ogni minuto 1,1 milioni di litri di liquami grezzi entrano nel fiume Gange in India. Le malattie diarroiche come il colera sono causate dall’acqua contaminata e colpiscono un gran numero di persone in modo cronico. Nel 2012 si è verificata un’epidemia fatale di colera che ha causato la malattia di oltre 25.000 persone e la morte di oltre 392 persone, a causa dell’allagamento delle latrine in Sierra Leone e Guinea a causa delle forti piogge, secondo quanto riportato dai notiziari. Le malattie legate alla contaminazione fecale provocano anche crescita stentata, basso peso alla nascita, malnutrizione e problemi cognitivi. Due delle tre principali cause di morte prevenibili per i bambini al di sotto dei cinque anni sono legate alla carenza di servizi igienici. 2. Prevenire la cecità La principale causa di cecità evitabile, il tracoma, è diffusa dalle mosche che depongono le uova solo sulle feci umane. Il batterio Chlamydia trachomatis, che causa anche la malattia a trasmissione sessuale Chlamydia, è la causa della malattia. Essa può essere diffusa dalle mosche e dal contatto con lo scarico oculare di una persona infetta. L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che 21,4 milioni di persone nel mondo soffrano di tracoma. Circa 2,2 milioni di loro sono ciechi, mentre 1,2 milioni sono ipovedenti. 3. Mantenere le donne al sicuro Le donne che vivono in aree prive di servizi igienici sono costrette ad andare più lontano per lavarsi, il che le espone al rischio di aggressioni sessuali. Molte donne usano “gabinetti mobili” – in pratica, sacchetti di plastica che conservano in casa – per ridurre al minimo questo rischio. I gabinetti mobili sono un habitat ideale per i microrganismi patogeni, compresi i batteri che causano il tracoma. 4. Promuovere la frequenza scolastica In molti Paesi è ancora un tabù parlare di servizi igienici, soprattutto per le donne. Se la struttura non dispone di bagni privati, le ragazze possono decidere di non andare a scuola, il che finisce per limitare il loro accesso all’istruzione. Tuttavia, non è sempre una soluzione facile. Ad esempio, alcuni operatori umanitari hanno proposto di costruire bagni pubblici. Nel novembre 2008, tuttavia, gli uomini avevano una probabilità doppia rispetto alle donne di utilizzare i servizi igienici costruiti a Bhopal, in India, nell’ambito di una ricerca. 5. Risparmio energetico L’energia biomeccanica dei rifiuti dei servizi igienici è circa dieci volte superiore all’energia necessaria per trattarli. Per recuperare acqua potabile e risparmiare energia, scienziati e ingegneri stanno creando nuovi metodi di trattamento delle acque reflue. Per sviluppare servizi igienici senza acqua che non richiedano energia o un allacciamento alla rete fognaria e che costino meno di cinque centesimi per utente al giorno, la Bill and Melinda Gates Foundation ha lanciato la Reinvent the Toilet Challenge. Un gabinetto ha quindi diversi scopi oltre a quello di contenere i rifiuti. [...]
26 Febbraio 2024Innovazioni nella tecnologia dei servizi igienici e dei sistemi fognari Pensate al gabinetto, quell’insignificante tazza di porcellana che elimina discretamente i nostri rifiuti più volte al giorno. Non è un oggetto di design, né un pezzo di tecnologia che riceve frequenti miglioramenti (anche se opzioni come il doppio scarico, il riscaldamento del sedile e il bidet elettronico possono sicuramente renderlo più lussuoso). Tuttavia, molti designer, ingegneri ambientali e specialisti del settore igienico-sanitario desiderosi di apportare un cambiamento di paradigma sostengono che i servizi igienici, insieme al nostro intero approccio alle acque reflue, hanno un estremo bisogno di essere modernizzati. Secondo la CNN, l’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente (EPA) afferma che circa un terzo del consumo di acqua negli ambienti interni delle famiglie statunitensi è attribuito allo spreco dello sciacquone. L’uso dei servizi igienici ad acqua è diventato più rischioso in molte parti del mondo a causa dei cambiamenti climatici, che stanno portando siccità e inondazioni che fanno traboccare le fosse settiche e intasare le fognature. L’innovazione è particolarmente necessaria nelle aree prive di accesso all’acqua corrente o nelle zone colpite da calamità. Potrebbe essere utile rivalutare le nostre pratiche di gestione dei rifiuti: essi possono essere riciclati per produrre elettricità, calore e fertilizzanti. “I rifiuti non sono rifiuti, sono una risorsa”, ha dichiarato l’architetto e artista finlandese Arja Renell, che ha introdotto l’argomento alla Biennale di Architettura di Venezia come curatrice del padiglione della sua nazione l’anno precedente. Pur non essendo un’autorità in materia, si è preoccupata di scoprire che una parte delle acque reflue di Venezia viene scaricata direttamente nei canali e ha voluto mettere in evidenza il gabinetto “a secco” come approccio circolare ai servizi igienici. Renell ha raccontato alla CNN, nel corso di una videochiamata, che i servizi igienici a secco, noti anche come “Huussi” in finlandese, sono molto comuni nei remoti cottage estivi della Finlandia. Separano l’urina dalle feci e sono dotati di un sistema di ventilazione per tenere lontani gli odori. Dopo aver usato i servizi igienici, gli utenti aggiungono torba o segatura al contenitore del water. Quando il contenitore è pieno, i rifiuti vengono trasferiti per diversi mesi in un contenitore più grande, ermetico, per garantire l’eliminazione dei microbi. Invece di utilizzare i tipici fertilizzanti sintetici che emettono gas a effetto serra, il materiale residuo, ricco di azoto e fosforo, può essere utilizzato come fertilizzante naturale. Chi vive fuori dalla rete fognaria conosce bene il processo di compostaggio a secco. Negli Stati Uniti, le persone che non possono permettersi di costruire una fossa settica neutralizzante – che può costare migliaia di dollari – o che vivono in residenze rurali senza accesso a un sistema fognario, hanno tradizionalmente costruito bagni di compostaggio a secco come alternativa ai bagni a scarico. Secondo l’ingegnere ambientale Kelsey McWilliams, la cui società Point of Shift installa sistemi igienici circolari in tutta la nazione, la richiesta di soluzioni sostenibili aumenterà solo nelle regioni colpite da inondazioni o siccità. “In questo momento ci sono diversi Stati in cui si sta lavorando per cambiare le norme edilizie attuali e consentire non solo i WC compostati, ma anche soluzioni più innovative per le persone che li desiderano”, ha detto l’ingegnere. “Le fosse settiche sono ottime: servivano a uno scopo. Sono un tipo di tecnologia molto antica e in genere proteggono ancora i nostri pozzi dai rifiuti e dai batteri. Ma ci sono soluzioni migliori”. Tuttavia, ci sono diversi ostacoli da superare prima che l’uso dei bagni a secco compostati possa essere adottato su larga scala, che vanno dalle leggi della contea o dello Stato alle preferenze individuali. L’installazione e la manutenzione in ambiente urbano possono essere impegnative, soprattutto per le abitazioni più grandi rispetto a quelle monofamiliari. C’è anche la questione del tempo: Molte persone potrebbero essere scoraggiate se dovessero aspettare fino a un anno prima che i loro rifiuti vengano riciclati in modo sicuro, e la sensazione di repulsione potrebbe essere difficile da superare. “Si tratta di chiedere alle persone di interessarsi a qualcosa che sono biologicamente predisposte ad evitare”, ha detto McWilliams. Atto di sparizione Tuttavia, cosa succederebbe se i rifiuti potessero scomparire dal water? Change:WATER Labs, una startup gestita dalla scienziata e imprenditrice Diana Yousef, si è posta questa domanda al fine di brevettare un materiale evaporativo che ha il potenziale di ridurre l’accumulo di rifiuti fino al 97% in un solo giorno. “Abbiamo sviluppato una tecnologia che chiamiamo affettuosamente la “pellicola termoretraibile per la merda””, ha spiegato Yousef. L'”iThrone”, una gabinetto portatile a basso costo e completamente senz’acqua di Change:WATER Labs, trattiene i rifiuti organici in un sacchetto rivestito di materiale speciale. Yousef ha dichiarato che il materiale rimanente deve essere recuperato solo una volta ogni uno o due mesi, ma deve comunque essere raccolto e trattato perché è riciclabile ma non neutralizzato. L’iThrone è stato testato in comunità disagiate in Uganda e Panama che non hanno accesso a servizi igienici sicuri da quando è stato fondato nel 2018 dall’Humanitarian Grand Challenge, un premio di accelerazione internazionale. Change: WATER Labs intende ampliare la portata del progetto. Secondo le stime dell’OMS e del Programma di monitoraggio congiunto dell’UNICEF, lo scorso anno circa 3,5 miliardi di persone, ovvero il 43% della popolazione mondiale, non hanno accesso a un bagno o a una latrina collegati al trattamento delle acque reflue o a uno smaltimento sicuro. Di questi, quasi un miliardo utilizza secchi o pericolose latrine a fossa, oppure defeca all’aperto. “Quando si riducono i rifiuti nel punto di produzione, in sostanza, si fa un lavoro migliore per contenerli in modo igienico, così da ripulire le comunità”, ha spiegato Yousef. “Ma poi, oltre a questo, non si utilizza né si inquina l’acqua”. Al momento iThrone non tratta gli escrementi, ma Yousef sostiene che con il passare del tempo il dispositivo “diventerà sempre più sofisticato” e che in futuro potrebbe essere in grado di trasformare l’umidità evaporata dall’urina o dalle feci in acqua potabile o di trasformare i rifiuti accumulati in energia rinnovabile. Non credo che chi vive in una casa con lo sciacquone sia in grado di dire entro cinque o dieci anni: “Sì, voglio rinunciarci””, ha affermato. “Ma ci sono così tante altre applicazioni. E non sono solo per le popolazioni a basso reddito o in difficoltà e fragili. C’è l’igiene pubblica, la bioedilizia, i trasporti. E ci sono così tanti posti in cui le persone rimangono legate alle fosse settiche”. Riciclaggio dei rifiuti I sistemi fognari ben sviluppati nelle città possono causare cambiamenti drastici e invisibili. Per esempio, San Francisco ora impone che le nuove costruzioni di oltre 100.000 metri quadrati abbiano impianti di riciclaggio delle acque reflue in loco, anche se la California sta lottando con una siccità sempre più grave. La startup locale Epic Cleantec sta espandendo il suo sistema a edifici residenziali, campus aziendali, fabbriche e hotel in tutto lo Stato. Epic Cleantec ha sviluppato il primo sistema di riutilizzo delle acque grigie in città nell’opulento grattacielo Fifteen Fifty. Nel frattempo, un impianto di depurazione convenzionale in un nuovissimo complesso costiero della città svedese di Helsingborg è stato completamente rinnovato per diventare un nuovo impianto di trattamento all’avanguardia noto come RecoLab, che sta per “Recovery Lab”. RecoLab è una struttura imponente che utilizza bocchette d’aria per dissipare gli odori. È collegato a tutti gli edifici del nuovo quartiere tramite un sistema a tre tubi che ricicla e separa l’acqua contenente rifiuti (noti anche come acque nere) provenienti da servizi igienici a basso consumo d’acqua, acque grigie provenienti da lavatrici e vasche da bagno e sostanze organiche provenienti dai sistemi di smaltimento degli alimenti. Quando il complesso abitativo sarà terminato nel 2030, RecoLab fornirà case a 2.500 persone. “Quando si ‘separa alla fonte’ l’acqua di scarico, è lo stesso principio di quando si separa la plastica dal metallo: è più facile da riciclare”, ha spiegato Amanda Haux, business developer di RecoLab. “Il 94% delle acque reflue delle nostre città è in realtà molto facile da pulire”, ha detto, ma l’aggiunta di acque nere contamina quella che potrebbe essere una risorsa riutilizzabile. RecoLab converte l’azoto e il fosforo dei rifiuti organici e del compost alimentare in pellet fertilizzanti in una struttura vicina, proprio come fanno i bagni a compostaggio secco. Mentre l’acqua riciclata viene usata nella piscina comunale, il biogas dei rifiuti riciclati viene convertito per essere usato come riscaldamento. A causa delle severe leggi del governo svedese che vietano il riutilizzo delle acque reflue per uso umano, l’impianto non ricicla attualmente le acque grigie. Haux, tuttavia, spera che questa situazione possa cambiare, soprattutto nelle città in cui i cambiamenti climatici potrebbero rendere più frequente la carenza d’acqua. Haux intende costruire un giorno un giardino pensile e un ristorante sulla proprietà di RecoLab, utilizzando l’acqua riciclata e i fertilizzanti per coltivare gli ingredienti, al fine di mostrare la circolarità del progetto. “Lo scopo è quello di aumentare la consapevolezza che le acque reflue sono una risorsa. Non dovremmo nasconderle nelle nostre città”, ha detto. “Si tratta in realtà di un frutto a portata di mano quando si parla di circolarità”. Renell ha invitato Haux a presentare RecoLab a un seminario autunnale sulle tecniche innovative di gestione dei rifiuti durante la Biennale di Venezia. Anche se si trovano a estremità diverse dello spettro, un sistema fognario urbano su larga scala e un semplice WC a secco sono entrambi soluzioni allo stesso problema. “Molte persone si entusiasmano per questo argomento”, ha detto Renell. “Certo, su scala urbana è un po’ più scoraggiante, ma anche all’interno di questa scala ci sono esempi straordinari”. “Andare in bagno deve essere abbastanza semplice”, ha detto Renell. “Se vogliamo competere con il sistema attuale, dobbiamo offrire qualcosa di altrettanto semplice”. [...]
19 Febbraio 2024Come i rifiuti corporei modellano le emozioni, i disturbi, i ruoli di genere e le visioni morali Come riportato qui, secondo un sondaggio del 2010, il water con scarico è al 9° posto nella storia delle invenzioni per il pubblico britannico, leggermente al di sopra del motore a combustione. Al 22° posto, la carta igienica, al 62°, e i pannolini sono preferibili al pane a fette, che si colloca al 70° posto. Queste classifiche danno un contributo significativo alla comprensione dei problemi umani o sono solo un altro esempio della perversione britannica? Se è così, la psicologia l’ha trascurato. La psicobiologia del mangiare, del dormire e del sesso è stata ampiamente studiata dagli psicologi, che hanno anche dedicato a questo argomento un gran numero di riviste. Il movimento delle sostanze chimiche dall’esterno all’interno è stato studiato, ma il traffico nella direzione opposta ha ricevuto meno attenzione. Alcune voci diffuse da un ex leader nazista infuriato sostenevano che la vita sentimentale di Adolf Hitler fosse ostacolata da un feticismo per l’urina. Charles Darwin ha sofferto per decenni di “flatulenza spasmodica quotidiana e notturna”, con ronzii nelle orecchie che precedevano ogni episodio. Carl Jung, da giovane studente, ebbe la visione di Dio che lasciava cadere “un enorme stronzo” su una cattedrale mentre era seduto su un cesso d’oro. Seduto sulla latrina, Martin Lutero ricevette le sue rivelazioni spirituali, soffrì di stitichezza e ritenzione urinaria e denunciò il diavolo con una vasta gamma di terminologie scatologiche. Inoltre, un altro che soffriva di stitichezza era Sigmund Freud. È più probabile che gli psicologi si imbattano negli escrementi attraverso le teorie di Freud che attraverso i problemi digestivi. Gli studenti di psicologia conoscono bene l’affermazione del fondatore del movimento psicoanalitico secondo cui i bambini trovano piacere nel trattenere ed espellere le feci e che i conflitti durante questa fase dello sviluppo possono manifestarsi come conflitti adulti in una fase detta anale. Meno persone sanno che Freud descrisse anche un tipo di personalità uretrale caratterizzata da “ambizione ardente” e ipotizzò che reprimere l’impulso a urinare sul fuoco fosse un passo cruciale nell’evoluzione dell’uomo primitivo in una specie civilizzata. Allo stesso modo in cui le persone cercano di cancellare gli escrementi dalla loro mente, vogliono anche nascondere i loro rifiuti corporei e premiano gli oggetti che permettono loro di farlo: i bagni con scarico sono classificati 73 posizioni sopra Facebook. Nick Haslam ha scritto il libro Psychology in the Bathroom (Haslam, 2012) perché sospettava che la psicologia facesse la stessa cosa, cioè evitasse di guardare al bagno. “Immaginate se il 10% della natura umana fosse stato separata da un muro di tabù irrazionale. Non vorreste sbirciare per vedere cosa si nasconde lì dietro?”. Certo che lo fareste”, come scrive lo psicologo sociale Jonathan Haidt in una recensione. È emerso che esiste una quantità significativa di lavoro sulla psicologia ‘dell’escrezione’; tuttavia, è spesso criptica e dispersa nel campo. Gli studiosi hanno esaminato una serie sorprendente di fenomeni legati all’escrezione, come varie psicopatologie, tratti della personalità, aberrazioni sessuali, emozioni, pregiudizi e pratiche linguistiche. Disturbi mentali Per cominciare, consideriamo la psicopatologia. L’escrezione svolge un ruolo in diverse condizioni di salute mentale, tra cui tic, parafilie, ossessioni, compulsioni e deliri. La forte ansia di urinare in pubblico, nota come “paruresi“, è diffusa e spesso limitante, che riduce i movimenti della persona infliggendole umiliazione e dolore. Una persona ha perso persino i sensi ed è caduta a terra mentre cercava di trovare sollievo in un bagno pubblico. Nonostante condivida molte caratteristiche con l’ansia sociale, la paruresi è abbastanza distinta da indurre un autore a suggerire una nuova categoria di fobie, denominata “fobie sfinteriche”. Uno studio che ha misurato i flussi di pipì degli uomini in un orinatoio pubblico utilizzando un periscopio in un bagno vicino ha dimostrato che le forme più lievi di vescica pigra sono comuni. Il tempo per iniziare a urinare aumentava notevolmente quanto più un individuo si avvicinava all’inconsapevole partecipante (Middlemist et al., 1976). I pazienti affetti da sindrome di riferimento olfattivo sperimentano un tipo di ansia distinta quando temono di emanare un odore offensivo, spesso fecale. Queste fobie sono di natura ossessivo-compulsiva e possono occasionalmente diventare deliranti. È noto che i pazienti interpretano il regalo di un profumo o persino l’abbaiare dei cani vicini come prova del loro “fetore alimentare”. In un caso molto noto, le scoregge hanno iniziato a ispirare sicurezza piuttosto che terrore. Secondo l’analisi junghiana, un ragazzo utilizzava la flatulenza come mezzo per costruire un “contenitore olfattivo difensivo” per proteggersi dalle preoccupazioni di persecuzione e disintegrazione, formando così una “nuvola protettiva di familiarità” in caso di minaccia. La capacità di controllare l’intestino e la vescica nei bambini è una tappa importante dello sviluppo e una fonte di preoccupazione per i genitori, al punto che gli “incidenti” sono talvolta usati come scusa per maltrattare i bambini. Secondo un recente studio, gli adulti costretti a bere cinque bicchieri d’acqua senza poter urinare erano in grado di resistere meglio a tentazioni non correlate, come prendere decisioni finanziarie avventate, rispetto agli adulti con la vescica vuota. Spesso i genitori considerano l’educazione al vasino come un esempio di sviluppo dell’autocontrollo, e questa conclusione non è del tutto priva di fondamento (Tuk et al., 2011). Nel corso della storia e delle culture, gli approcci per raggiungere la continenza sono stati molto diversi. Nel Medioevo, una delle cure per la “pipì a letto” consisteva nel mangiare un riccio di terra, mentre tra i Dahomeani dell’Africa occidentale i recidivi veniva attaccata alla vita ua rana viva per indurli a modificare il loro comportamento o migliorare l’autocontrollo. Secondo le mutevoli tendenze della cura dei bambini, il pendolo ha oscillato tra rigore e lassismo nel corso della storia occidentale contemporanea. Se in passato alcuni psicologi ritenevano che la pipì a letto nell’infanzia, l’appiccare il fuoco e il maltrattamento degli animali fossero tutti legati alla criminalità adulta, ricerche più recenti hanno smentito questa teoria. La coprolalia, che si traduce in ” linguaggio sporco”, è un sintomo comune della sindrome di Tourette. Le espressioni scatologiche sono le più diffuse, ma si possono usare anche altri tipi di bestemmie e frasi scortesi. La marchesa di Dampierre, una donna dalle “maniere distinte”, documentata originariamente da Jean Itard nel 1825, gridava occasionalmente “merda e maiale del cazzo”; un altro dei casi iniziali di Gilles de la Tourette era un bambino che preferiva dire “stronzo di merda”. Il linguaggio escrementizio sembra essere preferito in molte culture, ma ci sono eccezioni, come il particolare termine giapponese kusobaba (nonna di merda). Dato che le espressioni scatologiche sono “il leader indiscusso tra i temi tabù” secondo gli studi interculturali sulle parolacce, la prevalenza di espressioni escrementizie nella sindrome di Tourette non è certamente una coincidenza (Ljung, 2011, p. 135). Le frasi d’abuso con tematiche anali sono estremamente comuni, in particolare negli Stati Uniti e in Germania. La prima relazione, secondo il controverso folklorista Alan Dundes (1984), questo faceva parte di un modello più ampio che comprendeva anche una presunta affinità culturale per la musica flatulenta (come i fiati e gli ottoni), l’umorismo sanitario e i cibi a tema (come le salsicce). La sua analisi non ha risparmiato gli Stati Uniti, trovando temi anali diffusi anche nel football americano. Coprofilia e coprofagia sono disgustosamente specifici, ma la coprolalia si riferisce semplicemente agli escrementi in senso metaforico. Mangiare escrementi è comune in diverse malattie, come psicosi, demenza e disabilità intellettiva. È stato persino registrato come una forma spettacolare di simulazione nel caso di un imputato che rischiava una terza condanna in base alla legge californiana “tre colpi e sei fuori” e che ha accumulato i suoi escrementi per diversi giorni prima di mangiarli in modo plateale. Questo è stato documentato come un esempio impressionante di malingering (ossia fingersi malati per non adempierea un dovere). È sorprendente che i bambini piccoli non si oppongano naturalmente a questo comportamento; secondo una ricerca, i bambini di due anni hanno volontariamente messo in bocca finta cacca di cane fatta di burro di arachidi e formaggio puzzolente (Rozin et al., 1986). Esiste anche un godimento feticistico per gli escrementi, sebbene siano più comuni le perversioni che comportano il toccare, annusare o fare pipì su altre persone o sui loro oggetti. Disturbi dell’intestino e della vescica I ricercatori nei campi della gastroenterologia e della medicina psicosomatica hanno dimostrato che una componente psicologica significativa è presente in molti disturbi legati all’intestino e alla vescica. Per esempio, una malattia relativamente diffusa chiamata sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è caratterizzata da costipazione e diarrea cronica o ricorrente, oltre che da malessere, gonfiore e dolore addominale. Coincide con un’ampia gamma di malattie somatiche, come dispepsia, asma, stanchezza e dolore cronico, dismenorrea e fibromialgia e non ha una chiara origine organica. I soggetti affetti da sindrome dell’intestino irritabile riportano spesso storie di maltrattamento, somatizzano il loro disagio, hanno difficoltà ad affermare se stessi e ottengono un punteggio elevato nelle misure di nevroticismo (Talley et al., 1998). I soggetti affetti da questa malattia sperimentano spesso un’aumentata sensibilità al dolore e alla sensibilità viscerale; questa caratteristica viene solitamente misurata gonfiando lentamente un palloncino rettale. Secondo le scansioni cerebrali eseguite durante questo tipo di distensione, le persone affette da IBS mostrano livelli anormalmente elevati di attivazione del centro del dolore; tuttavia, queste attivazioni possono anche essere parzialmente attribuite all’ansia e alla depressione (Elsenbruch et al., 2010). Ne consegue che la rappresentazione cerebrale degli stati emotivi influenza il disagio viscerale, contribuendo al meccanismo top-down della sindrome dell’intestino irritabile piuttosto che solo a quello bottom-up. Non tutti gli eventi somatopsichici legati all’escrezione sono correlati a problemi digestivi. Anche i problemi alla vescica possono avere cause psicologiche e manifestarsi come sintomi di conversione in determinate situazioni. Per esempio, è ampiamente noto che l’aver subito abusi fisici o sessuali è fortemente legato alla ritenzione di urina e ad altri disturbi della minzione; i sopravvissuti agli abusi presentano anche tassi più elevati di incontinenza (per esempio, Link et al., 2007). In sintesi, le funzioni escretorie alterate sono una manifestazione fisica comune di avversità, stress e sofferenza. La fase anale L’escrezione è stata collegata a un’ampia gamma di disturbi psicologici. È anche indirettamente collegata a una personalità normale. L’esempio più lampante è l’idea di Freud della fase anale, che è considerata una follia screditata dalla maggior parte degli psicologi della personalità moderni (Haslam, 2011). La cosiddetta “triade anale” dell’ordine, dell’ostinazione e della parsimonia, secondo Freud, sono caratteristiche che si raggruppano nelle persone che ricordano di aver provato piacere nel trattenere e svuotare l’intestino quando erano giovani. Secondo la sua teoria, queste caratteristiche – che comprendono la rigidità nei confronti del denaro, una coscienza rigida, la testardaggine e l’ossessione per la pulizia – rappresentano sublimazioni o formazioni di reazione contro queste abitudini intestinali. In seguito, Ernest Jones e Karl Abraham aggiunsero ulteriori abbellimenti alla descrizione di Freud, ipotizzando che gli individui anali siano perfezionisti, pedanti, preoccupati per i dettagli e le classificazioni, facilmente disgustati, ossessionati dal lavoro e privi di gioia (Jones, 1918/1950). Freud suggerì che le abitudini intestinali precoci o l’educazione al bagno sarebbero state collegate ai tratti anali; tuttavia, la ricerca non è stata favorevole alla sua teoria, anche se queste caratteristiche sembrano essere collegate all’avversione per i rifiuti corporei. Nello studio forse più divertente di questo tipo, i partecipanti con caratteristiche anali hanno svolto male un compito di coordinazione occhio-mano mentre le loro braccia erano immerse in una miscela maleodorante e “fecale” di farina e olio usato (Rosenwald et al., 1966). Tuttavia, nonostante l’errore di Freud sulla genesi del carattere anale, esiste una prova persistente che le sue caratteristiche costituiscono di fatto un modello coerente. In effetti, la fase anale sopravvive come disturbo ossessivo-compulsivo di personalità (OCPD), le cui otto caratteristiche diagnostiche lo rispecchiano in modo impressionante. Le persone con diagnosi di OCPD presentano una serie di tratti, tra cui l’ossessione per i dettagli, le regole e le liste, una natura perfezionistica, un’eccessiva dedizione al lavoro e alla produttività, un codice morale inflessibile e scrupoloso, rigidità, testardaggine, riluttanza a delegare, parsimonia e incapacità di separarsi da oggetti logori o privi di valore. Anche una serie di caratteristiche interconnesse che sono colonne portanti della psicologia della personalità contemporanea, come il perfezionismo, l’autoritarismo, la propensione al disgusto e la coscienziosità, portano tracce della fase anale che resiste ostinatamente. Escrezione e morale L’escrezione è particolarmente rilevante per la psicologia sociale, anche se è evidentemente legata a preoccupazioni che gli psicologi clinici, della salute e della personalità trovano preoccupanti. Nonostante sia un argomento molto personale, tocca anche le emozioni pubbliche, i giudizi morali e i pregiudizi. Nell’ambito del dominio affettivo, l’escrezione è fortemente associata al disgusto e alla vergogna, due sentimenti finora ignorati che sono strettamente legati all’inaffidabilità e alla sporcizia intrinseca del nostro corpo (Nussbaum, 2004) e tra loro (Giner-Sorolla & Espinosa, 2011). Il disgusto indica che qualcosa al di fuori del sé è contaminante, sia simbolicamente – come nel caso di una condotta impura – sia letteralmente – come nel caso di feci e cibo avariato. La vergogna, invece, trasmette la convinzione di essere sporchi o viziati. Le regole della sacralità e della purezza vengono infrante e il risultato è la repulsione morale. Questo sentimento può intensificare la condanna morale, anche nei casi in cui non ha nulla a che fare con l’oggetto della condanna. In un esperimento, il disgusto causato da uno spray per scoregge o dall’ipnosi, ad esempio, ha fatto sì che i partecipanti mostrassero una maggiore avversione per una serie di comportamenti moralmente discutibili (Schnall et al., 2009; Wheatley & Haidt, 2005). Il passo dalla connessione dell’escrezione con il giudizio morale alla sua correlazione con le opinioni sociali è breve. Esistono prove convincenti che collegano il pregiudizio alla propensione al disgusto. Per esempio, la ricerca di Yoel Inbar e colleghi (2009) ha dimostrato che le persone sensibili al disgusto sono particolarmente inclini ad avere atteggiamenti anti-gay. Altri hanno collegato la xenofobia e l’etnocentrismo all’inclinazione al disgusto. Secondo Thornhill et al. (2009), una recente tesi suggerisce che le variazioni transnazionali nell’intolleranza e nella mentalità chiusa sono causate dall’escrezione. In particolare, le nazioni con livelli più elevati di stress da parassiti, legati al disgusto psicologico e carenti a livello igienico, hanno meno probabilità di avere democrazie forti, libertà individuale, equa distribuzione delle risorse economiche e parità di genere. Il genere è un costrutto sociale strettamente legato all’escrezione. Rispetto agli uomini, le donne sono in genere più disgustate dagli scarti corporei, più censurate dalla flatulenza, più preoccupate di nascondere i suoni e gli odori quando usano il bagno e più inclini a lavarsi le mani dopo. I maschi hanno meno probabilità di offendersi per il linguaggio scatologico e sono più propensi a usarlo loro stessi. Rispetto alle donne, i graffiti sui bagni sono in genere più brevi e meno discorsivi, oltre che più libidinosi, aggressivi e incentrati sugli escrementi (Green, 2003). Sembra che la mascolinità, la femminilità e le norme sociali che le sostengono siano strettamente legate al bagno. Il fatto che l’escrezione delle donne sia più nascosta, carica di emozioni e repressa di quella degli uomini è un tema prevalente tra queste disparità. La poesia di Jonathan Swift “Il camerino della signora”, che ritrae un corteggiatore che entra nella stanza della sua amata e vede i segni della sua sporca corporeità – come i vestiti macchiati di sudore, gli asciugamani imbrattati e i pettini incrostati – illustra chiaramente l’incompatibilità tra femminilità ed escrementi. Egli si ritira terrorizzato quando si rende conto che lei sta nascondendo il suo vaso da notte, lamentandosi: “Oh! Celia, Celia, Celia caga!”. Uno studente americano afferma, in modo meno poetico, che “si suppone che le donne non facciano la cacca” (Weinberg & Williams, 2005, p. 327). Anche con le odierne opinioni progressiste sull’uguaglianza di genere, le donne sono ancora tenute a uno standard di purezza più elevato rispetto agli uomini per la trasgressione di questo ideale. In uno studio specifico (Goldenberg & Roberts, 2004), una sperimentatrice che si è scusata per andare in bagno ha ricevuto una valutazione inferiore rispetto a chi si è scusata per sbrigare delle pratiche; nessuna differenza è stata osservata per gli sperimentatori maschi. Risultati come questi evidenziano la profondità e l’interesse di un argomento che inizialmente potrebbe sembrare semplicemente puerile. L’escrezione, puerile o meno, è uno degli argomenti trascurati e sottovalutati in psicologia, che Paul Rozin (2007) definisce un “buco” nella disciplina. Il “buco” – una psicologia degli orifizi corporei che è stata per lo più abbandonata dopo la parziale eclissi della psicoanalisi – è stato individuato da Rozin per un’attenzione particolare. Anche se questo campo non è ancora pronto per il Journal of Toilet Psychology, potrebbe essere il momento di iniziare a colmare il vuoto. Scritte sul muro I graffiti nei bagni, che un accademico ha chiamato “latrinalia“, hanno attirato l’interesse di numerosi ricercatori e teorici nel corso degli anni. Molti di loro si sono concentrati sul genere, esaminando le differenze di sesso nella forma e nel contenuto di questi scarabocchi utilizzando i bagni pubblici come laboratori. Uno dei primi ricercatori in questo campo, Alfred Kinsey, esaminò le pareti di oltre 300 bagni pubblici all’inizio degli anni Cinquanta e scoprì che il contenuto dei bagni delle donne era più romantico di quello erotico dei bagni degli uomini. Studi successivi hanno rivelato che gli uomini sono anche più propensi a scrivere graffiti scatologici, offensivi, di parte e basati su immagini. Inoltre, sono meno propensi a dare consigli o a rispondere in altro modo alle osservazioni precedenti. Differenze come queste si sono rivelate difficili da spiegare per i teorici. Kinsey, in linea con i tempi, le attribuiva alla presunta minore reattività sessuale delle donne e al maggiore rispetto delle norme sociali. Gli autori psicoanalitici hanno suggerito che gli uomini che scrivevano graffiti lo facevano perché erano segretamente invidiosi della capacità delle donne di generare figli o perché era un tipo di “espressione fallica”. Secondo i semiologi, i graffiti sui bagni degli uomini esprimono e significano la supremazia politica, mentre quelli delle donne reagiscono alla loro sottomissione. I teorici dell’identità sociale hanno proposto che le differenze di genere nei latrinalia riflettano la salienza del genere nei bagni pubblici segregati: uomini e donne polarizzano il loro comportamento in questi ambienti contrassegnati dal genere per enfatizzare la loro mascolinità o femminilità piuttosto che rivelare semplicemente le loro reali differenze di fondo. Secondo un primo studio, le donne producevano meno messaggi rispetto agli uomini, ma indagini successive hanno rivelato che avevano raggiunto o addirittura superato gli uomini in termini di quantità e di esplicitezza. Ultimamente sembra che i graffiti nei bagni siano meno numerosi. Si potrebbe obiettare che nell’era di Internet non ha senso scrivere idee tabù sui muri dei bagni. Perché scarabocchiare per un misero pubblico unico quando si possono fare commenti anonimi altrettanto volgari su un forum di discussione pubblico o una chat? [...]
12 Febbraio 2024Decodificare i graffiti sulle pareti dei bagni dei pub “Sono innamorato del mio amico e non sono pentito”. “Iscriviti a un sindacato”. “I cani dovrebbero poter votare”. “DIRITTO ALL’ABORTO”. “Non fidatevi degli uomini emo del Midwest!”. Come riporta il Guardian, questi sono tutti scarabocchi trovati nei bagni delle donne del tradizionale Rutland Arms di Sheffield, un pub dai mattoni gialli. I residenti dai capelli grigi si mescolano agli studenti dai capelli blu in questo locale affidabile e caldo, dove la pinta più economica costa 3,30 sterline. I bagni sono interamente ricoperti di graffiti, come in molti pub della nazione. Le pareti, i soffitti e le porte ne sono ricoperti. I proclami di emancipazione femminile si intersecano con le confessioni di autolesionismo. Questa rete di relazioni enigmatiche è al tempo stesso accattivante e rassicurante, ma anche inquietante e spettrale. I bagni maschili sono decorati in modo simile, con scritte indistinguibili in tutti i colori dell’arcobaleno accanto a dichiarazioni introspettive. I bagni dei pub sono spazi sia pubblici che privati, quindi anche se è improbabile che qualcuno venga sorpreso a fare graffiti, è molto probabile che il suo lavoro venga notato. Gli studiosi si riferiscono ai segni prodotti nei bagni pubblici come latrinalia. Per secoli, gli individui sono stati affascinati da questo argomento. Anche se il folklorista americano Alan Dundes ha usato per la prima volta il termine nel suo saggio del 1966, Here I Sit. Graffiti scatologici sono stati trovati anche nelle latrine di Pompei. Sono state proposte numerose teorie sul perché aggiungiamo questi scarabocchi. Si va dal suggerimento dei teorici dell’identità sociale secondo cui servirebbero ad accentuare le caratteristiche stereotipate di genere nei bagni appartati alle interpretazioni psicoanalitiche dei graffiti dei bagni come forma di “espressione fallica”. Numerose ricerche sui latrinalia provenienti da Cina, Zimbabwe, Giordania, Canada, Cuba e altri Paesi hanno esaminato i graffiti trovati nei bagni delle università. Al di là delle teorie, però, c’è sicuramente qualcosa da dire sul fatto di trovarsi in uno spazio ristretto ed esprimersi in modo inappropriato o vulnerabile come si vuole. “In qualsiasi periodo storico, c’è la necessità di lasciare un segno, un’espressione, e di avere la sensazione che la gente possa sentirti”, dice Richard Clay, professore di culture digitali all’Università di Newcastle, che ha scritto e presentato il documentario A Brief History of Graffiti. ” Il bagno è uno spazio in cui si può fare questo discorso un po’ trasgressivo, che spesso è vestito di umorismo”. I bagni dei pub sono luoghi davvero unici, se mettiamo da parte l’aspetto corporeo. Le persone possono fare graffiti in questi luoghi con tranquillità, poiché si tratta di un caso unico di luogo sia pubblico che privato, che aumenta la probabilità che il loro lavoro venga notato piuttosto che scoperto. Quando un luogo sceglie di accettare i suoi graffiti, nasce un dialogo spesso politico. Per Clay, queste conversazioni sono manifestazioni della cultura underground che si è sviluppata intorno al luogo: “Hanno un loro gruppo autoselezionato che condivide più o meno valori e gusti musicali simili, quindi si ottiene un’istantanea di un momento della vita di uno specifico interesse pubblico”. Le immagini possono essere divertenti, toccanti o spaventose. Nel nord-est di Londra si possono trovare molti graffiti che riguardano i tatuatori, il riscaldamento globale e i padroni di casa. Una nota sul muro di The Crooked Billet, un pub popolare per i giovani professionisti e creativi nel quartiere gentrificato di Clapton, dice: “Per favore prendete in considerazione uno stile di vita vegano per gli animali e il nostro pianeta… grazie”. La parola “vegano” è cancellate e al loro posto c’è scritto “bacon” con un deciso pennarello nero. La riga successiva è stata scritta con una penna a sfera chiara: “Ragazza stai zitta, scommetto che ti fai di coca”. La maggior parte degli studi sulla latrinalia ha di solito confrontato i graffiti nei bagni maschili e femminili, perché i bagni misti sono diventati più diffusi solo negli ultimi dieci anni. Gli scarabocchi nei bagni delle donne tendono a essere più vulnerabili, a discutere di relazioni e a dimostrare solidarietà, mentre gli uomini sono più propensi a scrivere messaggi dispregiativi e a fare disegni. James A. Green ha osservato quanto segue nella sua analisi del 2003 di 723 iscrizioni provenienti dalla biblioteca centrale dell’Università di Otago in Nuova Zelanda: “Le donne discutevano di aspetto fisico più di quanto non facessero gli uomini. C’era anche una differenza nell’obiettivo: le femmine elencavano la loro altezza e il loro peso, mentre i maschi elencavano le dimensioni del loro pene”. Lo stesso documento affermava anche che gli argomenti più dominanti nei bagni maschili erano la politica e le tasse, mentre le iscrizioni nei bagni femminili tendevano a chiedere consigli personali e, tristemente, “discutevano su quale preciso gesto costituisca uno stupro”. Dopo vent’anni, cosa è cambiato? È difficile esserne certi. Non si è scritto molto sui graffiti nei bagni misti, ma è ovvio che ci sono nuove discussioni. “Servizi igienici separati per genere, perché?”, si legge in una scritta in stampatello affissa nel bagno delle donne del Dog House di Edimburgo. Gli uomini tendono a scarabocchiare parole offensive e a fare disegni nei bagni delle donne, mentre gli scarabocchi delle donne esprimono vulnerabilità e solidarietà. Al Ventoux, un vivace pub di Edimburgo con vasche per pesci alle pareti e biciclette sul soffitto, qualcuno scrive nei bagni femminili: “Le donne trans sono donne”. Un’altra penna cancella l’ultimo “wo” di “women”, trasformando la parola in “men”, prima che qualcuno riscriva definitivamente “wo” con uno spesso pennarello rosso. Dall’altra parte della città, a Marchmont, nel The Argyle and Cellar Bar, una porta del bagno delle donne riporta: “Una persona transgender ha fatto pipì in questo bagno e non è successo nulla di male… non siamo i vostri capri espiatori e non ce ne andremo mai”. Il motivo per cui la maggior parte dei locali controlla i graffiti è l’incitamento all’odio. Il co-proprietario e direttore generale del Rutland Arms, Chris Bamford, aggiunge: “Ci sono state alcune cose che ci hanno sorpreso per il fatto di essere transfobiche o simili, in un pub che è molto solidale”. “Se qualcosa è offensivo, ce ne liberiamo”. Oltre a esporre alcuni degli argomenti più divisivi della nostra cultura, i graffiti sui bagni hanno anche un tono malinconico. Nei bagni femminili si parla spesso di depressione, solitudine e sopravvivenza alla violenza sessuale. All’Art Bar, che si trova vicino all’istituto d’arte di Dundee, è affisso un avviso che mette in guardia dai potenziali predatori del quartiere. Tuttavia, potrebbe anche esserci un certo conforto nel vedere estranei che interagiscono con la loro comunità—pensateli come amici non identificati—che interagiscono con loro. Jodie, 25 anni, di Edimburgo, stava trascorrendo una serata in una discoteca nell’est di Londra quando ha notato dei graffiti in un bagno fatiscente. La domanda “Stai passando una bella serata?” era scritta su due colonne etichettate “Sì” e “No”, con commenti di sostegno intorno. In ognuna delle due colonne sono stati fatti venti o più segni di conteggio; alcuni sono stati graffiati e altri sono stati scritti con vari colori a penna o rossetto. “Nel corso della serata, si vedevano aggiungere diversi segni di conteggio e ci si sentiva parte della serata in un modo più ampio rispetto agli amici con cui si era venuti, in questa comunità di collaboratori”, racconta Jodie. “L’aspetto importante è che i commenti erano tutti molto vari, quindi c’erano molte persone che avevano vissuto la stessa serata, ma con esperienze diverse. Ti faceva sentire come se qualsiasi cosa provassi quella sera fosse considerata valida”. Più tardi, quella sera, Jodie è tornata nello stesso angolo con l’eyeliner in mano. “Ho segnato la colonna ‘Sì’, ma ricordo di aver pensato che ero stata in serate in cui non mi ero divertita molto, e vedere quella mi avrebbe davvero fatto sentire più felice o meno sola”. ‘È una distruzione dell’anima avere un solo cliente il sabato’: È finita la festa per i pub e i club del Regno Unito? Diventa più difficile identificare i locali nel Regno Unito. I locali si stanno rinnovando e ogni segno di danneggiamento viene rapidamente cancellato, mentre la gentrificazione si insinua in un numero sempre maggiore di aree delle città. E gli spazi stessi stanno diminuendo. Oltre 150 bar hanno chiuso in Inghilterra e Galles nei primi tre mesi del 2023 a causa dell’aumento dei costi energetici, mentre l’industria dei locali notturni ha registrato un calo delle vendite del 12% l’anno scorso, secondo i nuovi dati dell’Associazione delle Industrie del Tempo Notturno. I graffiti che adornano le pareti dei nostri bagni rivelano il grado di riverenza che questi spazi hanno di notte. Per qualche motivo siamo spinti a connetterci in questi spazi scomodi e pieni di fetore, anche se possiamo nasconderci dietro le tastiere e trovare gruppi online. Forse perché latrinalia è così anonima e non mediata che ci sembra autenticamente appropriata. O forse perché parlare con degli sconosciuti può essere consolante nella sua solidarietà. I graffiti sui cessi, in qualsiasi forma si presentino, sono come una lettera d’amore ai locali stessi, anche se consistono solo nel disegno di un pene. [...]
5 Febbraio 2024L’area di nuova concezione, degna di Instagram, celebra la defecazione integrando un simpatico stile giapponese Una mostra immersiva che celebra la cacca in modo divertente è stata presentata in anteprima al nuovo Unko Museum di Melbourne. Potrete riflettere sul significato degli escrementi e sul nostro rapporto con essi mentre vi rilassate con una creatura a forma di cacca pelosa di nome Jenny, o curiosate tra gli scaffali di un supermercato a tema cacca e prendete un tè. Come riportato qui, il primo Unko Museum in Australia si trova di fronte alla sede del primo bagno pubblico di Melbourne, aperto nel 1859. Negli ultimi cinque anni, i musei Unko sono spuntati in tutta Shanghai e in Giappone (la parola “unko” è un gioco di parole per “cacca”). Al costo di 23,50 dollari (o 18 dollari per ogni bambino se lo accompagnate voi), l’ingresso consiste principalmente in una collezione di oggetti da immortalare su Instagram e in alcuni giochi a tema cacca. La cacca qui esposta, disposta in un’area giochi, sospesa al soffitto e che brilla sinistramente in un corridoio scarsamente illuminato, incarna la quintessenza della forma morbida della cacca, superando anche il tanto ricercato ma sfuggente Tipo 4 della scala delle feci di Bristol, la cui forma è descritta come “simile a una salsiccia o a un serpente, liscia e morbida”. Nel descrivere il fascino della forma, Masaru Kobayashi, direttore del T Museum, l’organizzazione che ha creato l’Unko Museum, fa riferimento sia alle pagode a gradoni dei templi di Kyoto sia alla sezione aurea di Euclide. Egli cita la serie manga Dr. Slump di Akira Toriyama degli anni ’80, in cui una ragazza androide lotta con la sua insaziabile voglia di infilzare la cacca con dei bastoncini e alla fine si imbatte in una varietà di oggetti senzienti accattivanti. “Per i giapponesi si tratta di una cosa normale, un tipo di intrattenimento”, ha spiegato Kobayashi. Ciò è dovuto in parte allo stile kawaii del Giappone, che riesce a rendere carine anche “cose puzzolenti e molto sporche”. “Si può trovare qualcosa di kawaii in qualsiasi cosa”, ha affermato. Egli ha sottolineato anche l’importanza dell’agricoltura per il Giappone e come la “cacca come fertilizzante” abbia contribuito a destigmatizzarla. Tuttavia, oltre la metà della terra australiana è utilizzata per l’agricoltura e qui, per lo più, ignoriamo l’argomento o ci fissiamo in modo malsano su di esso. Il fatto che il Museo Unko abbia puntato a una città che nel XIX secolo era stata soprannominata “Smellbourne” a causa dell’incuria nel mantenere un sistema fognario adeguato è, in un certo senso, appropriato. L’Unko Museum non ha tabù di questo tipo. Uno stand incoraggia gli spettatori a calpestare cacche colorate per guadagnare punti per un gioco. In un’altra, tre bambini urlano “cacca!” in un microfono, facendo illuminare una di esse su uno schermo. Sebbene i bagni veri e propri siano nascosti sul retro, molti altri sono ben visibili. Alcuni di essi premiano addirittura con una rappresentazione in plastica dei risultati ottenuti quando ci si siede sopra e si fa finta di fare la cacca. I bambini ne sono entusiasti e gli adulti ridacchiano mentre pizzicano con cautela uno o due cacche. Ci sono anche coppie che si scattano una foto romantica mentre sono seduti uno di fianco all’altra sul water. C’è da dire che il 38% degli australiani che dichiarano di soffrire di incontinenza si sente stigmatizzato; di questi, la maggior parte non si rivolge a un professionista e quasi un terzo dichiara che l’incontinenza ha un impatto negativo sulla propria salute mentale. Uno studio ha scoperto che un semplice elogio può aiutare un ragazzo su cinque che ha difficoltà a imparare a usare il vasino. Immaginate cosa succederebbe se tutti i presenti applaudissero mentre fate finta di vincere un giocattolo facendo finta di fare la cacca. Oggi gli scienziati stanno studiando come un’accettazione più letterale delle feci – sotto forma di trapianto – possa aiutare a curare qualsiasi cosa, dal cancro ai problemi gastrointestinali. Nel 2022, l’Australia è stata tra le prime nazioni a livello globale a concedere l’approvazione per il trattamento. Non è in gioco solo il nostro benessere corporeo. Il biologo della conservazione Joe Roman propone di utilizzare gli escrementi degli animali come strategia per affrontare la catastrofe climatica nel suo libro Eat, Poop, Die: How Animals Make Our World, pubblicato nel 2023. Le vivaci esposizioni a colori dell’Unko Museum diventano meno bizzarre quando Roman racconta i suoi oltre vent’anni di raccolta di feci di balena. Con un tocco poetico, aggiunge che “a volte brillano come squame, come il sole che luccica sull’acqua”. “I pennacchi fecali delle balene possono essere di colore verde neon o rosso vivo”. L’escremento delle balene è molto più di un bel viso: nutre altre creature e sottrae carbonio alla superficie dell’oceano. Questo è solo uno dei tanti modi in cui molti animali rispondono alla chiamata della natura per sostenere la vita, riparare gli ecosistemi e mantenere la terra fresca. Il Pooseum, l’altro museo della cacca australiano, si trova a Richmond, in Tasmania, e offre “educazione alla defecazione”, una discarica di informazioni con una maggiore inclinazione scientifica. Potrete scoprire maggiori informazioni all’Unko Museum. Tuttavia, l’Unko Museum vale la pena di essere visitato se siete alla ricerca di trenta minuti spensierati e freschi per scherzare e scattare qualche foto. Foto di Unko Museum [...]
29 Gennaio 2024Nonostante contengano fino al 25% di cacca umana, i mattoni di argilla si sono mantenuti resistenti dopo i test I ricercatori hanno scoperto un modo per trasformare i residui di feci umane in mattoni. Attualmente, i liquami fognari vengono sottoposti a un trattamento accurato e vengono essiccati, ma il materiale “biosolido” avanzato viene disperso e gettato nelle discariche. Secondo questo articolo, è stata creata una tecnica innovativa per produrre un tipo unico di materiale da costruzione combinando le feci con l’argilla. I ricercatori hanno realizzato dei mattoni utilizzando il 25% di feci e la restante parte di argilla normale, scoprendo che i blocchi superano comunque rigorosi test di resistenza. Sono anche dei migliori isolanti e più porosi. Il 30% dei liquami che attualmente vengono scaricati in discarica o stoccati potrebbe essere ridotto combinando il materiale biosolido con l’argilla per utilizzarlo nella produzione di mattoni. Nel loro ultimo lavoro, pubblicato sulla rivista Buildings, i ricercatori della RMIT University in Australia affermano che il processo “è una proposta pratica e sostenibile per riciclare tutti i biosolidi avanzati in tutto il mondo”. L’utilizzo di solo il 15% dei biosolidi nella produzione di mattoni ridurrebbe le emissioni di carbonio della produzione di mattoni, soddisfacendo al contempo tutti i requisiti ambientali e ingegneristici per i mattoni”. I mattoni possono resistere alle norme edilizie più severe e richiedono meno energia per essere prodotti. Sia la situazione finanziaria che l’impronta di carbonio trarranno beneficio da questa riduzione di energia. I mattoni comuni vengono creati in forni che superano i 1400 °C e rilasciano una quantità significativa di CO2. L’uso di biosolidi nei mattoni potrebbe essere la soluzione a queste grandi sfide ambientali”, spiega Abbas Mohajerani, ingegnere dell’RMIT, come riporta ScienceAlert. È una proposta pratica e sostenibile per riciclare i biosolidi attualmente stoccati o destinati alle discariche in tutto il mondo”. Tuttavia, l’idea di produrre mattoni con la cacca non è nuova. Il Museo italiano della merda espone un esempio di argilla artigianale fatta di cacca, chiamata “merdacotta”. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche prima di produrre i mattoni, i primi risultati sembrano incoraggianti. Attraverso indagini simili si è anche scoperto che è possibile trasformare l’urina umana in mattoni. Gli studenti di Città del Capo hanno raccolto l’urina dagli orinatoi dei dipartimenti universitari e li hanno combinati con batteri e sabbia. Rispetto alla cottura dei mattoni di argilla, la tecnica di precipitazione microbica del carbonato produce i materiali da costruzione a temperatura ambiente, con un’efficienza energetica nettamente superiore. Il nuovo processo produce invece potassio e azoto che possono essere venduti come fertilizzanti commerciali. Negli orinatoi innovativi che producono anche fertilizzanti, l’urina viene raccolta e utilizzata per fabbricare un prodotto industriale solido. Il liquido viene poi utilizzato per produrre mattoni. Attraverso un processo chimico, i batteri sotto forma di ureasi scompongono l’urea contenuta nell’urina liquida per produrre carbonato di calcio. In questo modo la sabbia si solidifica nella forma desiderata, che può essere un mattone rettangolare o una colonna. Il processo è chiamato precipitazione microbica del carbonato. I ricercatori lo descrivono come simile al modo in cui si formano le conchiglie. La sabbia sciolta viene colonizzata da batteri che producono ureasi. I batteri potrebbero rendere il mattone più resistente facendolo “crescere” più a lungo nella miscela di sabbia e urina. Foto: RMIT [...]
22 Gennaio 2024Una tecnica spiegata da un agopunturista e diffusa su TikTok TikTok è un luogo strano e bizzarro. Così strano che si possono trovare tecniche intelligenti per indurre rapidamente lo stimolo ad evacuare scoprendo vecchie idee presentate in modo intrigante. In ogni caso, è curioso che l’agopunturista Anita Tadavarthy, nota anche come empiricalgraceacu, abbia condiviso un post virale su TikTok in cui sostiene che la stitichezza può essere curata utilizzando la digitopressione della medicina tradizionale cinese. Come spiegato qui, nello specifico, l’autrice suggerisce di strofinare la pelle morbida che si trova tra il pollice e l’indice per alcuni minuti, mentre si è al bagno o alcune volte nel corso della giornata. @empiricalgraceacu Did you know? 💩 #constipation #bloating #digestions #hemorrhoids #diarrhea #constipationrelief #digestivehealth #gas #acidreflux #acupressure ♬ original sound – Empirical Grace Acupuncture È davvero così semplice? Provando, soprattutto perché il video sembrava aver raccolto feedback contrastanti, alcuni hanno lodato l’efficacia del trucco, mentre gli esperti lo hanno definito pseudoscientifico. La strategia sembrava funzionare; non è certo se fosse solo la consapevolezza che avrebbe funzionato o il fatto che il processo di sfregamento delle mani costringesse a stare un po’ più seduti sul water. A dire il vero, quando l’abbiamo provato non eravamo stitici, ma anche se abbiamo tentato più tardi nel corso della giornata, quando normalmente non andiamo in bagno, sembrava che l’intestino si muovesse. Questo specifico punto di pressione, a volte indicato come Joining Valley o Intestino Crasso 4, è altamente raccomandato dagli agopuntori. Come funziona? Nell’incipit del video, Anita Tadavarthy chiede al pubblico: “Hai fatto la cacca oggi?”. Continua dicendo che circa il 20% delle persone soffre di stitichezza (il National Institutes of Health stima questa percentuale al 12%). “La prevalenza della stitichezza mi lascia senza parole”, continua l’agopuntrice. “Tutto quello che dovete fare è questo”, aggiunge, fornendo un esempio della tecnica di sfregamento delle mani che deriva dalla digitopressione tradizionale cinese, che utilizza punti di pressione su varie aree del corpo per trattare dolori, problemi di digestione e altri disturbi. L’agopuntura senza aghi è chiamata digitopressione. Tra i numerosi punti di pressione collegati all’alleviamento della stitichezza c’è il punto 4 dell’intestino crasso. Toccate la parte di pelle morbida tra il pollice e l’indice stendendo la mano con il pollice rivolto verso l’esterno e le altre quattro dita vicine. L’Intestino crasso 4 è questo. Non è necessario massaggiare entrambi i punti insieme con i pollici rivolti verso l’esterno e il resto delle dita a formare una palla come nel video di TikTok; invece, è sufficiente applicare una pressione su questo punto con movimenti circolari, prima su una mano e poi sull’altra, secondo Healthline. “Un paio di minuti, un paio di volte al giorno, o mentre si è seduti sul water, e si avrà un movimento intestinale. È così facile”, ha condiviso Tadavarthy. In un’intervista a BuzzFeed News, la dottoressa ha dichiarato di aver scoperto questo trucco durante la scuola di specializzazione e di aver constatato personalmente che ha aiutato i pazienti che si sono rivolti alla sua clinica gratuita nell’area di Hyderabad, in India. È importante notare che Tadavarthy sconsiglia l’uso di questo trucco di TikTok alle donne in gravidanza, a causa della possibilità che la stimolazione dell’intestino crasso 4 possa causare il travaglio. “La stitichezza è quando le feci si bloccano e non riescono a passare attraverso il colon”, ha spiegato la dottoressa. “La digitopressione/agopuntura accede a vari aspetti del nostro corpo, come la riflessologia. Ci sono punti di connessione sulla mano che si collegano al colon. È fondamentale per portare il flusso sanguigno e la stimolazione alle aree interessate”. Secondo un agopunturista, è possibile indurre un movimento simile di contrazione nel colon strofinando avanti e indietro il punto di pressione dell’Intestino Crasso 4 per aiutare a smuovere le cose, ma i suoi consigli su TikTok non si fermano qui. Ci sono altri video in cui parla di vari punti di agopressione, come lo Stomaco 36, che si trova sotto le ginocchia, e uno in cui applica la pressione a un’area sotto la bocca. Comprensibilmente, gli esperti medici sono divisi sul video virale di TikTok, ma pensiamo che sia perché hanno approcci diversi. Ogni persona è diversa e quindi ciò che funziona bene per alcuni può non funzionare per altri. Tuttavia, se invece di screditare ciò che ci sembra nuovo, lo affrontassimo dalla giusta prospettiva, forse potremmo godere di nuovi benefici. [...]
15 Gennaio 2024Il sedile bidet PureWash E930 di Kohler aggiunge il controllo vocale, la connettività con lo smartphone e i getti spray aggiuntivi al vostro WC per renderlo più intelligente La maggior parte delle persone trova un po’ eccessivo buttare via 10.000 dollari per un WC intelligente completo. Per coloro che hanno sempre desiderato un WC di fascia alta, Kohler lancerà al CES 2024 un’opzione più accessibile. Con il sedile bidet a comando vocale PureWash E930 da 2.149 dollari, potrete aggiornare il vostro vecchio WC con uno molto più intelligente. I sedili per bidet sono interessanti perché consentono di aggiornare il proprio bagno ordinario con uno molto più sfarzoso a un costo decisamente inferiore. Sebbene i sedili per bidet di Kohler siano in circolazione da tempo, il PureWash E930 si distingue per la sua connettività con Google Home e Amazon Alexa. Ciò consente di utilizzare l’assistente virtuale preferito per attivare il getto del bidet, l’asciugatura ad aria calda e le funzioni di pulizia a raggi UV. La parte migliore è che non è necessario toccare nulla. È possibile personalizzare le impostazioni predefinite e le preferenze utilizzando l’app Kohler Konnect. Inoltre, il PureWash E930 vanta diverse impostazioni per il getto, un sedile riscaldato, pressione e temperatura dell’acqua regolabili e un telecomando. Il PureWash E930 è dotato di un getto ” potenziato” a piena pressione e di una modalità per bambini più morbida e delicata. Kohler afferma che l’acqua è costantemente riscaldata per un “comfort costante” e che è disponibile anche un getto oscillante o pulsante. Secondo Alfred Richardson, direttore del marketing e della commercializzazione dei canali di Kohler, l’E930 dovrebbe essere adatto alla maggior parte dei WC allungati perché il produttore ha dato priorità a un profilo basso e a un design sottile. Inoltre, l’E930 non rinuncia ad alcune delle caratteristiche più trendy dei WC intelligenti. Contiene luci a LED, proprio come il Numi 2.0, per cui può essere utilizzato come luce notturna. In altre parole, è possibile ottenere le funzionalità di un intero bagno intelligente senza doverne acquistare uno nuovo. Kohler ha in programma altre tecnologie intelligenti per il bagno al CES. I ventilatori da bagno Atmo, del valore di 266 dollari, combinano illuminazione e ventilazione intelligenti. Il ventilatore intelligente è in grado di rilevare automaticamente l’umidità e la temperatura del bagno e di regolare di conseguenza l’orario di accensione e spegnimento. Utilizzando l’app Kohler Konnect, è inoltre possibile regolare la temperatura del colore della luce e la velocità della ventola per adeguarsi all’illuminazione circadiana. Nel frattempo, è possibile personalizzare l’esperienza della doccia e tenere sotto controllo il consumo d’acqua con l’ultima novità di Kohler, la serie di controller per doccia Anthem. Anthem Plus, che costa 2.800 dollari, è dotato di quattro funzioni aggiuntive. Ora è possibile aggiungere fino a 12 uscite d’acqua, come un soffione a pioggia o un soffione staccabile, e regolare completamente l’illuminazione, il suono e il vapore. Come per gli altri dispositivi Kohler, Alexa e Google Home consentono il controllo vocale. Sono inoltre incluse nove preimpostazioni per situazioni diverse, come prima di andare a letto, dopo un allenamento e prima del mattino. Benessere a casa Kohler ha fatto colpo al CES di quest’anno con la sua tecnologia per docce, che aiuta a trasformare il bagno di casa in una spa. Aggiornato rispetto all’Anthem originale (441 dollari), l’Anthem+ Digital Control è essenzialmente un hub di visualizzazione del bagno che consente di regolare la temperatura dell’acqua, la pressione e altre impostazioni da un elegante schermo montato a parete. All’Anthem+ possono essere collegati diversi tipi di soffioni e altri dispositivi connessi presenti nel bagno, come i regolatori di musica e luci. La Stillness Bath, una gamma di vasche intelligenti di Kohler che si riempiono, si riscaldano e si svuotano automaticamente, è un esempio di questo tipo di tecnologia. Grazie alla luce, ai profumi e alla nebbia, è possibile creare esperienze rilassanti e coinvolgenti. È da notare che il componente chiave di un bagno completamente intelligente sembra essere costituito dalle valvole intelligenti, che devono essere installate nella linea d’acqua stessa. Tuttavia, una volta installate le valvole intelligenti, il loro funzionamento tramite un’app o un’interfaccia fisica è semplice. [...]
8 Gennaio 2024La scienza dietro le scoregge causate dalle proteine C’è una cosa su cui sia gli scienziati di Reddit che i professionisti della nutrizione sono d’accordo: le proteine fanno aumentare la massa muscolare. Le uova sode e le bistecche a strisce aiutano a costruire i muscoli, ma hanno anche l’effetto collaterale indesiderato di far puzzare le scoregge peggio delle ascelle dopo un allenamento. Secondo questo articolo, le proteine di per sé non sembrano causare gas, stando a Mike Shea, fondatore di Hierarchy Nutrition. Tuttavia, possono far puzzare le scoregge. Che cosa fa sì che le proteine provochino le scoregge? Come si può evitare di scoreggiare dopo aver consumato un frullato proteico? Alcune proteine contengono zolfo, che quando viene digerito e metabolizzato produce un gas che fa venire il mal di testa. Altre fermentano nello stomaco e rilasciano gas. Mangiare le proteine giuste, che contengono i composti giusti nelle giuste proporzioni, è la strategia migliore per prevenire gli episodi di meteorismo che si verificano troppo di frequente. I diversi composti presenti nelle fonti proteiche vegetali e animali possono influenzare la frequenza dei gas e del conseguente fetore. Proteine animali Carni e uova Lo zolfo è un minerale presente in tacchino, manzo, uova e pollo. È necessario per la sintesi dell’insulina, del collagene e della cheratina, proteine che formano e rafforzano la pelle, i capelli e le unghie. Inoltre, lo zolfo è necessario per la sintesi e il riciclo del glutatione, un antiossidante vitale che può contribuire a ridurre l’infiammazione e ad arrestare i danni cellulari legati allo stress ossidativo. Secondo Shea, l’odore sulfureo delle uova in decomposizione è causato dalla scomposizione e dal metabolismo delle proteine animali. Questo processo può anche portare alla formazione di gas. Secondo Shea, lo zolfo è presente anche in alcuni aminoacidi essenziali, come la metionina, che si trova nelle proteine animali. Anche il contenuto di zolfo di questi aminoacidi contribuisce alla formazione di gas. Latticini Il lattosio, uno zucchero presente nel latte, si trova anche nello yogurt e in alcune polveri proteiche a base di latte, come alcune marche di siero di latte concentrato e di caseina. Il lattosio viene trasferito all’intestino crasso, dove i batteri fermentano gli zuccheri, causando gas e gonfiore quando l’intestino tenue non è in grado di produrre una quantità sufficiente di lattasi, l’enzima digestivo necessario all’organismo per assorbire il lattosio. Le proteine in polvere e le barrette aromatizzate a base animale hanno un doppio effetto gassoso, poiché per addolcirle si usano spesso alcoli dello zucchero come il sorbitolo, il mannitolo e lo xilitolo, e l’intestino non digerisce facilmente questi esaltatori di sapidità a basso contenuto calorico. Proteine vegetali I carboidrati a catena corta si trovano nelle fonti proteiche vegetali come fagioli, lenticchie e ceci. Possono passare attraverso lo stomaco e l’intestino tenue potrebbe non assorbirli bene. I batteri intestinali dell’intestino crasso li fermentano per utilizzarli come rifornimento, con conseguente produzione di gas come anidride carbonica, idrogeno e metano. Alcuni gas vengono riciclati dai batteri, altri vengono rilasciati attraverso la respirazione, altri ancora vengono assorbiti e altri sono costretti a uscire dal corpo attraverso l’espulsione. Gli alimenti vegetali come l’avena includono la fibra solubile, un tipo di fibra che si scioglie in acqua creando una sostanza simile a un gel che rallenta la digestione e può causare un aumento dei gas perché è più fermentabile. Poiché la fibra solubile è stata rimossa durante la lavorazione, secondo Shea le proteine in polvere di origine vegetale hanno meno probabilità di produrre gas rispetto alle fonti vegetali integrali. Tuttavia, Shea fa notare che se la polvere a base vegetale contiene alcoli dello zucchero aggiunti per aromatizzare, può causare flatulenza da proteine. Cambiate le proteine in polvere L’isolato di siero di latte è l’opzione migliore se vi piacciono le proteine del siero del latte. “Le proteine isolate del siero di latte contengono meno lattosio, carboidrati e grassi rispetto alle proteine concentrate del siero del latte”, spiega Shea. Questo potrebbe essere di grande aiuto se avete problemi a digerire il lattosio. Secondo Shea, l’isolato di siero di latte è spesso tollerato da alcuni individui intolleranti al lattosio. Se i latticini non sono di vostro gradimento, provate una proteina in polvere a base vegetale senza lattosio, come la proteina di pisello. Un ulteriore vantaggio: non si consumeranno meno proteine. Un misurino di proteine isolate del pisello contiene fino a 20 grammi di proteine ogni 100 calorie, una quantità paragonabile a quella contenuta nella maggior parte delle proteine isolate del siero del latte. Aggiungete spezie Alcune spezie possono calmare e controllare lo stomaco in subbuglio. Un numero crescente di ricerche ha dimostrato che la menta piperita allevia l’indigestione, i gas e calma i muscoli dello stomaco. Lo zenzero può aiutare la digestione, evitando che il cibo fermenti e faccia sentire lo stomaco gonfio. Lolla di psillio Secondo Shea, la lolla di psillio, una fibra che garantisce la regolarità assorbendo l’acqua nello stomaco, può ridurre la flatulenza. Secondo un piccolo studio pubblicato sulla rivista Gut, lo psillio ha ridotto la produzione di gas legata all’inulina in 19 persone affette da sindrome dell’intestino irritabile, ma non ha rallentato direttamente la fermentazione. Eliminate i carboidrati che inducono gas Oltre a una dieta ad alto contenuto proteico, esistono altri fattori che possono causare scoregge maleodoranti. Alcuni carboidrati includono zuccheri come il fruttosio, che si trova in alcuni cereali integrali e avena del mattino, e il raffinosio, che si trova soprattutto nei fagioli, ma è presente anche in quantità minori nelle verdure crucifere come: broccoli, asparagi e cavoletti di Bruxelles. Se gli enzimi digestivi non funzionano a sufficienza per scomporre questi zuccheri, si possono avere gonfiore e gas. Non mangiate in fretta Se si inspira più aria quando si deglutisce il pasto o si beve il frullato proteico tutto d’un fiato, c’è un solo modo in cui questa può uscire se non si rutta. “Mangiate lentamente e chiudete la bocca mentre masticate. In questo modo si riduce la quantità di aria ingerita e diminuiscono le probabilità di flatulenza”, spiega Shea. La giusta dose di proteine Secondo Shea, le persone spesso esagerano con le proteine, soprattutto quelle in polvere, quando modificano la loro dieta o il loro regime di allenamento. Le proteine in polvere sono spesso consumate in eccesso e, se si ingerisce una quantità di proteine superiore a quella richiesta dall’organismo, si possono verificare scoregge dovute a tali proteine. Una linea guida tipica è quella di mangiare circa un grammo di proteine per ogni chilo di peso corporeo al giorno. Se volete aumentare la massa muscolare riducendo i gas, dividete il consumo giornaliero di proteine in quattro o sei pasti più piccoli e regolari. Per aumentare la massa muscolare in palestra, “è necessario un apporto costante di aminoacidi nel corso della giornata”, afferma Shea. “La leucina è presente in tutte le proteine animali e catalizza la sintesi proteica muscolare, che segnala la crescita e la riparazione muscolare”. Poiché le proteine di origine vegetale includono generalmente un minor numero di aminoacidi essenziali, le proteine animali presentano livelli più elevati di leucina rispetto alle proteine vegetali. Gli integratori di leucina possono contribuire a ottimizzare la costruzione muscolare se si è diventati vegani o si è passati a una polvere a base vegetale. Le scoregge date dalle proteine non sono tanto un problema di salute quanto un fastidio imbarazzante. La flatulenza potrebbe scomparire se si cambia la polvere proteica, si integrano spezie nella dieta, si mangia con attenzione e si tiene sotto controllo la quantità di proteine assunte. Se continuate a produrre scoregge per via delle proteine insieme a sintomi come diarrea, crampi, gonfiore o dolore addominale, rivolgetevi al vostro medico o a un gastroenterologo, come consiglia Shea. Potreste avere un disturbo intestinale come l’intolleranza al lattosio o la sindrome dell’intestino irritabile, che richiede un’ulteriore consulenza medica. [...]
1 Gennaio 2024Una nuova azienda aeronautica ha creato un carburante per jet completamente composto da cacca umana James Hygate, CEO di Firefly Green Fuels, ha dichiarato: “Volevamo trovare una materia prima di basso valore che fosse molto abbondante. E naturalmente la cacca è abbondante”. Secondo questo articolo, i test indipendenti condotti dalle autorità aeronautiche internazionali hanno rivelato che il carburante creato è quasi uguale al normale carburante fossile per aerei. Il team di Firefly ha esaminato l’impatto del carbonio nel ciclo di vita del carburante in collaborazione con l’Università di Cranfield. È stato stabilito che l’impatto del carbonio è inferiore del 90% rispetto a quella del normale carburante per aerei. Nonostante sia chimicamente identico al cherosene di origine fossile, Hygate, che ha trascorso 20 anni ad esplorare combustibili a basse emissioni di carbonio nel Gloucestershire, ha affermato che il nuovo combustibile “non ha carbonio fossile; è un combustibile privo di fossili”. “Certo, l’energia viene utilizzata (per la produzione), ma se si considera il ciclo di vita del carburante, un risparmio del 90% è sbalorditivo, quindi sì, è necessario utilizzare energia, ma è molto inferiore rispetto alla produzione di combustibili fossili”, ha aggiunto. Il volo è responsabile di circa il 2% delle emissioni di anidride carbonica nel mondo, con conseguenti cambiamenti climatici. Anche se si tratta di una piccola parte, il fenomeno si sta espandendo rapidamente. Eliminare le emissioni di carbonio dall’aviazione è uno dei compiti più difficili. Gli aerei elettrici sono in fase di sviluppo e un’azienda di Cotswolds promette voli a idrogeno per una dozzina di passeggeri entro il 2026. Tuttavia, potrebbero essere necessari anni o addirittura decenni prima che vengano utilizzate tecnologie completamente nuove per alimentare i viaggi aerei di massa. È diventata quindi una corsa all’oro globale la scoperta di nuovi modi più puliti per produrre cherosene senza ricorrere ai combustibili fossili. Vent’anni fa, Hygate ha iniziato a produrre “bio-diesel” per auto e camion utilizzando olio di colza in una piccola fattoria nel Gloucestershire. La sua azienda, Green Fuels, serve attualmente clienti in tutto il mondo e offre attrezzature per convertire l’olio da cucina in biodiesel. Ha quindi iniziato a cercare un modo per produrre carburante per jet ecologico. Hanno sperimentato con avanzi di cibo, olio e persino rifiuti agricoli. Hanno poi utilizzato gli escrementi umani nei loro esperimenti. In collaborazione con il dottor Sergio Lima, chimico dell’Imperial College di Londra, ha creato un metodo per trasformare la cacca in energia. Per prima cosa, creano quello che chiamano “bio-crude”. Si presenta come una sostanza gommosa, viscosa e nera come il petrolio. Soprattutto, dal punto di vista chimico, si comporta proprio come il petrolio greggio. Oltre a essere il direttore della ricerca di Firefly Green Fuels, il dottor Lima ha dichiarato: “Quello che stiamo producendo qui è un carburante a zero emissioni”. Il dottor Lima è stato subito entusiasta dei risultati ottenuti. “È così eccitante perché è stato prodotto da una materia prima sostenibile, alla quale tutti noi stiamo contribuendo”. Il laboratorio dello scienziato comprendeva una replica in miniatura delle enormi colonne di distillazione frazionata che si ergono sulle raffinerie di petrolio. La sua funziona allo stesso modo. Dopo aver riscaldato il liquido, i gas vengono estratti a determinate temperature per ottenere il “taglio” corretto per i vari combustibili. Un nuovo liquido chiaro riempie i tubi di raccolta goccia a goccia. “Questo è il nostro biocarburante”, dice sorridendo. “Vedere il carburante finale è qualcosa di straordinario”. In collaborazione con la Washington State University, l’Istituto DLR per la tecnologia della combustione presso il Centro aerospaziale tedesco sta attualmente conducendo test indipendenti sul bio-kerosene. Anche l’ente britannico SAF (Sustainable Aviation Fuels), con sede presso l’Università di Sheffield, condurrà ulteriori test in futuro. Secondo i primi risultati, la composizione chimica del carburante è quasi identica a quella del carburante fossile A1. Il gruppo ha ottenuto una sovvenzione per la ricerca di 2 milioni di sterline dal Ministero dei Trasporti del Regno Unito per consentire al laboratorio di produrre cherosene in provetta. Siamo molto lontani dal fatto che il cherosene possa essere lo standard negli aeroporti di tutto il mondo. Secondo le sue stime, ogni persona genera ogni anno una quantità di acque reflue sufficiente a produrre quattro o cinque litri di carburante bio-jet. Le acque reflue annuali di 10.000 persone sarebbero necessarie per far funzionare un jet passeggeri da Londra a New York. E ci sono altre diecimila persone che devono tornare indietro. In altre parole, l’intera rete fognaria del Regno Unito potrebbe coprire circa il 5% del consumo totale di carburante per l’aviazione della nazione. Può sembrare poco, ma lui insiste: “È piuttosto eccitante”. “C’è un requisito del 10% di carburante sostenibile per l’aviazione; è un mandato legale. E noi potremmo soddisfarne la metà con la cacca”. I carburanti sostenibili per l’aviazione sono carburanti derivati da oli di scarto, oli di mais o altre fonti non fossili. Gli esperti stimano che ciò rappresenti una riduzione dell’80-90% delle emissioni di carbonio dei combustibili fossili, anche se l’aereo emette la stessa quantità di anidride carbonica poiché le piante utilizzate per produrre l’olio hanno raccolto CO2 durante la loro crescita. Gli attivisti ambientali sostengono che piuttosto che utilizzare le colture per produrre carburante per aerei, le persone dovrebbero semplicemente volare di meno e utilizzarle per il cibo o l’energia. Sono più favorevoli al carburante basato sulle acque reflue perché, secondo le parole di Cait Hewitt, direttore politico della Aviation Environment Federation, ” gli escrementi umani sono forse l’unica forma di spazzatura che la società non può evitare di produrre”. Comunque, secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia, i carburanti sostenibili per l’aviazione sono “fondamentali per decarbonizzare l’aviazione”. Sir Richard Branson ha recentemente effettuato un volo da Londra a New York utilizzando carburante ricavato da oli esausti e prodotti di scarto del mais, per dimostrare quanto sia fattibile. Tuttavia, al momento appena lo 0,1% del carburante per l’aviazione è “sostenibile”. Al contrario, l’obiettivo del 5% del signor Hygate sembra piuttosto ambizioso. Inoltre, sta sfruttando una materia prima universale che nessun altro vuole. “Anche se è stata sviluppata qui nel sud-ovest del Regno Unito”, dice, “è un’opportunità globale”. L’azienda cerca fondi per costruire una fabbrica dimostrativa su larga scala nel Regno Unito. Hygate ha spiegato: “Le opportunità nelle città molto popolose sono enormi. La quantità di carburante che possiamo creare è immensa”. [...]
25 Dicembre 2023Un’opera d’arte insolita e realistica su una parete esterna della facoltà che mostra l’artista che marca il suo territorio Tisseren, o “Il pisciatore”, una scultura in bronzo del 2005 di Claus Carstensen, può sembrare realistica a prima vista quando viene collocata all’esterno dell’edificio accademico Panum di Copenaghen, accanto a un muro di mattoni rossi. Avvicinandosi alla figura maschile che urina, l’iniziale divertimento si trasforma in meraviglia quando si notano i tratti minuti che ricordano una statua umana che si esibisce per strada. La visione di quest’opera d’arte pubblica e realistica è quindi strana. Al di là del semplice impatto visivo, la scultura di Carstensen esplora l’idea di “territorio”. L’autoritratto dell’artista raffigura un aspetto distinto della condizione umana: marcare il territorio. Questa impressione in bronzo sfida le nozioni convenzionali di arte all’aperto commentando il potere, l’espressione di sé e gli istinti umani. Secondo questo articolo, importanti artisti danesi hanno elogiato il Panum Institute per aver installato l’opera d’arte di Claus Carstensen, che ha fatto riflettere. La ritenevano audace e allo stesso tempo modesta, resa ancora più notevole dal fatto che si trattava di una scultura che sembrava urinare all’interno dell’edificio dell’università. Tisseren è una delle tre sculture di Carstensen che appartengono a questa serie. Le altre due, a pochi metri di distanza, raffigurano l’artista in modo simile. Una è raffigurata come “Il puntatore”, che sta saldamente in piedi su una sedia e gesticola in avanti come per rivendicare la proprietà. L’altro, noto come “L’accovacciato”, è seduto in contemplazione con le mani che coprono la testa ed è impegnato in un conflitto interiore. Il “Tisseren” è aperto 24 ore su 24 e si trova all’esterno dell’edificio Panum, che ospita la Facoltà di Scienze mediche e sanitarie. Per raggiungerla, prendere gli autobus 6A, 15E, 150S, 184 o 185 fino alla fermata fuori dal Campus di Nørre (Tagensvej), oppure prendere la metropolitana rossa M3 circle line fino a Nørrebros Runddel e camminare per 15 minuti dalla stazione. [...]
18 Dicembre 2023Le origini evolutive del sedere umano Guardatevi intorno nel regno animale. Nemmeno i gorilla, i bonobo e gli scimpanzé, i nostri parenti più stretti nella famiglia delle grandi scimmie, hanno un sedere proporzionalmente più grande del nostro. Il nostro modo di camminare è molto probabilmente la causa principale di questo fenomeno. Siamo gli unici mammiferi esistenti il cui metodo di spostamento principale è il bipedismo. La trasformazione in bipedi eretti ha avuto conseguenze significative per i nostri posteriori. Secondo questo articolo, la componente anatomica comunemente chiamata “sedere” è composta da grasso, o tessuto adiposo, posizionato sopra i muscoli glutei, che sono attaccati al bacino osseo. La forma del sedere è determinata dalla struttura del bacino, un gruppo di ossa che è cambiato in modo significativo negli ultimi sei milioni di anni circa. Il bacino è formato dall’osso sacro, dai due innominati (talvolta noti come “ossa dell’anca”) e da un altro osso. L’ischio, il pube e l’ilio sono le tre ossa che compongono ciascun innominato e si fondono durante la crescita e lo sviluppo. Il vero fattore che ci separa dai nostri parenti scimmie è l’ilio. L’ilio di uno scimpanzé ha lati piatti e piuttosto alti, rivolti sia in avanti che all’indietro. Il nostro bacino ha la forma di una ciotola perché gli iliaci sono corti e più curvi ai lati. L’evoluzione del bipedalismo e la riorganizzazione dei muscoli glutei, che consentono di camminare in posizione eretta, sono legate a questi cambiamenti di dimensione e forma. Il gluteo massimo, il gluteo medio e il gluteo minimo sono i tre muscoli glutei. Rispetto agli altri primati, il nostro gluteo massimo, soprattutto la parte superiore, è incredibilmente grande. Ci dà forza quando corriamo o saliamo le scale e allunga e ritrae la coscia. Ed è questo che determina in gran parte la forma del nostro didietro. Tuttavia, in altre scimmie, il gluteo massimo non è necessariamente un elemento chiave, perché i cosiddetti “glutei minori” (gluteo medio e minimo) svolgono gran parte di questa funzione. Invece, quando stiamo su una gamba sola – come facciamo ogni volta che facciamo un passo in avanti – i nostri glutei minori impediscono ai fianchi di cadere di lato. Questa capacità è resa possibile dalla forma curva dell’ilia, che modifica la posizione e la funzione di questi muscoli. Più che potenza, i glutei più piccoli forniscono stabilità. Dall’Ardipithecus ramidus, un parente primitivo dell’uomo risalente a 4,4 milioni di anni fa (forse – il bacino di questo fossile era in pessime condizioni quando è stato scoperto), alle australopitecine come Lucy e infine all’Homo erectus, possiamo rintracciare questo cambiamento nella forma dell’ilio e nella funzione dei glutei nel corso della nostra storia evolutiva. Nel corso del tempo, l’ilio è cresciuto tipicamente più corto, più largo e più curvo, il che significa che il nostro sedere ha subito una trasformazione di molti milioni di anni per diventare la caratteristica anatomica che è oggi. Il grasso sul sedere è l’ultima caratteristica che lo rende speciale e potrebbe avere un ruolo nella nostra evoluzione in bipedi. Il cervello degli esseri umani è relativamente grande e richiede molta energia. Per essere un mammifero non acquatico, il nostro corpo immagazzina energia sotto forma di grasso e ne abbiamo una quantità relativamente elevata. Gli antropologi hanno concluso che il grasso corporeo protegge i nostri cervelli, metabolicamente dispendiosi, dai periodi di carestia. Sembra che siamo in grado di ottenere questo risultato perché muoversi sul terreno camminando è un’attività energeticamente efficiente. In questo modo evitiamo anche gli inconvenienti della vita sugli alberi, che richiederebbe molta energia per sostenere tutto il nostro peso sui rami degli alberi e dipendere dalla gravità. Data la loro forza, la flessibilità e le proporzioni degli arti – per non parlare delle grandi dita dei piedi opponibili – gli oranghi se la cavano piuttosto bene. Tutti questi miglioramenti sembrano sorprendenti, ma c’è uno svantaggio significativo nell’avere una quantità di muscoli e grasso simile a quella umana sui nostri posteriori: facciamo la cacca in modo più disordinato rispetto alla maggior parte degli altri primati. Immaginate un quadrupede, come uno scimpanzé, con le gambe e il tronco che si incontrano ad angolo, con l’ano rivolto verso l’esterno e il sedere all’angolo. Inoltre, l’apertura non è confinata tra le grandi chiappe. Per noi esiste solo una linea retta, senza angoli. Abbiamo aumentato l’imbottitura intorno all’ano e l’abbiamo ruotato in modo che puntasse più verso il basso stando in piedi. Quindi, una defecazione più disordinata grazie all’evoluzione. [...]
11 Dicembre 2023La conclusione di un progetto iniziato nel 2020 Il Tokyo Toilet Project è iniziato nel 2020 con l’obiettivo di sfatare le idee sbagliate che circondano i bagni pubblici. L’iniziativa ha coinvolto un totale di 17 bagni pubblici nel quartiere di Shibuya che avevano bisogno di essere rinnovati. Le strutture sono state trasformate da 16 pionieri creativi, principalmente appartenenti alla scena dell’architettura e del design giapponese. Ecco gli ultimi 4 bagni che completano il progetto di design. Sasazuka Greenway Una grande tenda ovale gialla copre una fila di gabinetti cilindrici ad altezza variabile, con sagome di conigli visibili attraverso le finestre rotonde incassate nelle pareti esterne. A causa dei requisiti specifici del sito per una costruzione leggera, si è scelto di costruire l’impianto utilizzando una struttura in pannelli di acciaio resistente agli agenti atmosferici. Per eliminare la sensazione di oscurità e di chiusura della regione sotto i binari sopraelevati della Keio Line, hanno anche fatto in modo che l’ampia tenda pendesse sopra la testa, formando un’apertura simile al cielo. I pannelli di lamiera d’acciaio resistente alle intemperie sono stati sottoposti a ruggine, il che garantisce che la loro forza e consistenza dureranno per sempre. L’obiettivo era progettare un bagno pubblico che emanasse un’atmosfera vivace, pur mantenendo una presenza imponente, simile a quella di un anziano risoluto che veglia sulla popolazione. La struttura ha un aspetto ampio e aperto grazie all’ampio ingresso, mentre l’interno è sicuro, protetto e ben curato. Nishisando Un bagno pubblico funge da fontana cittadina o da abbeveratoio urbano. L’ideatore ha voluto creare una stazione pubblica per il lavaggio delle mani che sia accessibile a un’ampia gamma di persone per vari usi, oltre che agli utilizzatori dei servizi igienici. Il bagno funziona come un unico luogo spazioso a disposizione di tutti. Le postazioni per il lavaggio delle mani a diverse altezze hanno conferito all’edificio il suo design distintivo, che comprende un grande centro concavo. L’obiettivo è quello di creare una piccola comunità in cui tutti, giovani e anziani, si riuniscono intorno al luogo per lavarsi le mani, sorseggiare acqua e conversare. La proposta è quella di creare un nuovo tipo di area pubblica dove le persone possano riunirsi e conversare vicino all’acqua. Urasando Il tetto Minoko in rame e altri elementi dell’architettura tradizionale giapponese sono al centro del progetto. La forma del tetto, che si trova spesso nelle sale da tè, nei templi, nei santuari e nei luoghi rurali, evoca un senso subliminale di serenità e di comfort nonostante l’ambiente vivace e ipermoderno. Con il tempo, la struttura diventerà parte del tessuto urbano di Tokyo grazie alla patina del tetto piramidale in rame. Il bagno deve sembrare onesto e affidabile dall’interno. I suoi interni luminosi sono completati in modo sapiente e igienico in una tonalità monocromatica di verde. Il design del bagno privilegia la longevità, la facilità d’uso e la creazione di un ambiente caldo e accogliente.Come le numerose perle nascoste della città, il bagno diventa qualcosa di magico e di immensamente utile da trovare a Shibuya. Hiroo Higashi Park Il concetto di base di questo progetto, secondo il suo ideatore, è “siamo tutti uguali nel senso che siamo tutti diversi”. Questo è ciò che intendeva catturare nella progettazione di un bagno pubblico. Oltre a essere pulito, sicuro e protetto, il progettista ha voluto che la sua struttura fosse semplice da usare per tutti. Ha creato questo bagno come un’opera d’arte pubblica che fa parte della vita quotidiana e che pone sempre domande all’osservatore, perché si trova all’interno di un parco, è circondato dal verde e viene visitato da molti abitanti e ospiti. L’ideatore spera che si trasformi in un monumento che sollevi altre domande sull’importanza del progetto. Settantanove miliardi è il numero di modi in cui il bagno può illuminare il globo. Non si vedrà mai due volte lo stesso disegno, perché continua a brillare in vari modi, come la luce che attraversa gli alberi di giorno e la luce della luna o delle lucciole di notte. [...]
4 Dicembre 2023La complessa logistica dello scarico dei servizi igienici sui sottomarini Per i sottomarini è molto più difficile svolgere le attività quotidiane, come tirare lo sciacquone, rispetto alle navi. Su Quora, il veterano della Marina statunitense Dale Rich ha confermato questa affermazione. Il National Museum of the US Navy ospita l’USS Will Rogers (SSBN-659), un sottomarino con missili balistici della classe Benjamin-Franklin che è stato in servizio dall’aprile 1967 al novembre 1992. Rich spiega; “I sottomarini hanno serbatoi progettati per contenere i bisogni fisiologici umani provenienti dai bagni. Questi serbatoi vengono svuotati di routine in mare aperto quando il sottomarino è in condizioni operative normali e di solito lo fanno quando è vicino alla superficie durante le manovre di routine a profondità di periscopio. Questi serbatoi vengono svuotati utilizzando l’aria immagazzinata nei banchi d’aria per pressurizzare i serbatoi a una pressione superiore a quella del mare esercitata sull’imbarcazione alla profondità in cui l’imbarcazione sta operando. Ad esempio, se l’imbarcazione si trova a 100 piedi di profondità alla chiglia, la pressione dell’aria per rimuovere i rifiuti deve essere superiore a 44 psi. Questa procedura di routine si chiama ‘blowing sanitaries’ (lett. ‘soffiatura dei sanitari’) e viene eseguita dalla squadra dei macchinisti del sottomarino”. Rich prosegue; “Quando un sottomarino opera in acque ostili, è in missione per seguire un combattente nemico o opera a profondità estreme, i sanitari non possono essere svuotati. Ci sono varie ragioni per questo, ma la ragione principale è che la manovra ha il potenziale di produrre un rumore significativo e utilizza risorse vitali per eseguire la manovra. Se il sottomarino si trova a una profondità estrema (sotto i 500 piedi), la quantità d’aria necessaria per rimuovere i rifiuti aumenta drasticamente. (A 500 piedi, in corrispondenza della chiglia, sarebbe necessaria una pressione dell’aria superiore a 215 psi per spingere i rifiuti dal serbatoio). L’aria è un bene vitale su un sottomarino e potrebbe essere necessaria, e meglio utilizzata, per spingere il sottomarino in superficie in caso di emergenza, piuttosto che essere sprecata per spingere i rifiuti fuori dal serbatoio”. “Non è insolito che un sottomarino rimanga in una posizione in cui non può esporsi per molti giorni. Durante questo periodo, i sanitari iniziano a riempirsi e i bagni sono limitati. Niente docce, niente lavanderia, uso limitato del WC e niente uso extra dell’acqua. Di solito, questo è il momento in cui l’equipaggio inizia a implorare un “colpo di grazia”. L’ufficiale di coperta è sempre al corrente della situazione e informa il capitano del problema. Se possibile, vengono prese misure per alleviare la situazione”. Rich conclude; “Questo è solo un altro problema che i sommergibilisti devono affrontare, ma ricordate che sono tutti volontari e fanno questo lavoro perché lo amano!”. [...]
30 Novembre 2023Design diversi, esigenze diverse L’acquisto di un WC sembra un’operazione molto semplice. Tutti fanno essenzialmente la stessa cosa e le opzioni non sono poi così ampie. Giusto? Falso. Oggi sono disponibili più opzioni che mai per i servizi igienici, che vanno dagli eleganti modelli senza serbatoio a quelli ad altezza comfort. Leah Tuttleman, interior designer di Re-Bath bathroom remodeling, afferma che “le tendenze del design si evolvono nel tempo e i sanitari non fanno eccezione”. Secondo questo articolo, Tuttleman ha oltre 25 anni di esperienza nella progettazione residenziale e commerciale, compresa la fabbricazione, la gestione di progetti e la direzione. È membro dell’American Society of Interior Designers. La dimensione del vaso viene dopo. Quale preferite, un gabinetto rotondo, uno allungato o quadrato? Prima di lasciare il negozio o di cliccare sul pulsante di acquisto online, anche se scegliete il modello standard bianco, assicuratevi di avere la risposta a questa importante domanda. Ognuno di essi offre dei vantaggi in base alle proprie esigenze e preferenze. Di seguito, Tuttleman spiega perché è importante la forma del vostro WC. Servizi igienici rotondi Si tratta di wc tipici, che si possono trovare in piccoli bagni di servizio e in case più vecchie. Secondo Tuttleman, le tazze rotonde sono una buona scelta se lo spazio è limitato, perché in genere sono di dimensioni più ridotte. Considerate le mezze stanze da bagno, gli appartamenti e i bagni per bambini. Un altro vantaggio è il prezzo. “In generale, le tazze rotonde sono meno costose”, afferma Tuttleman. Secondo Tuttleman, è una buona idea sperimentare varie altezze per capire quale sia la più adatta alle proprie esigenze. I WC a tazza rotonda sono disponibili nelle normali dimensioni di installazione (cioè la distanza dalla parete allo scarico a pavimento) anche con un profilo più piccolo. WC allungati Non siete soli se state pensando di utilizzare una tazza allungata. Secondo Tuttleman, “la forma allungata è di gran lunga la scelta più popolare per la forma delle tazza oggi”. La maggior parte delle persone le trova più comode perché si adattano in modo naturale al corpo. Per questo motivo, chi è più alto, più pesante o ha una mobilità limitata le sceglie spesso. Rispetto alle tazze rotonde, quelle allungate offrono una maggiore varietà di stili e colori. Inoltre, secondo Tuttleman, quelle allungate “sono considerate più moderne e conferiscono un aspetto elegante al bagno”. Dato che le tazze allungate richiedono 5cm di spazio in più rispetto a quelle rotonde, è fondamentale prendere in considerazione l’ingombro e le dimensioni complessive del vostro spazio. Verificate le misure per assicurarvi che l’articolo scelto si adatti correttamente al vostro bagno. La parte anteriore del WC non deve toccare la porta. Le tazze allungate hanno una lunghezza di circa 50cm dal centro dei bulloni di montaggio alla parte anteriore del bordo. Se questo è il caso del vostro WC, acquistate un sedile allungato. WC quadrati Il design elegante e moderno dei WC quadrati si adatta ai bagni eleganti e moderni di alcuni spazi commerciali, come i ristoranti. Se volete modernizzare il vostro bagno e aggiungere questa forma insolita di WC, potrete renderlo uno spazio chic, moderno e utile. La quantità di comfort associata ai WC di forma quadrata è un argomento di discussione. Poiché corrisponde maggiormente alla forma naturale di una persona quando si siede, alcuni ritengono che la forma allungata del vaso e del sedile sia la più piacevole. Tuttavia, poiché un WC quadrato può sostenere meglio le cosce rispetto a una sedia normale, alcune persone lo trovano più piacevole. Si ritiene che i gabinetti di forma quadrata abbiano un aspetto più moderno rispetto a quelli con un design rotondo o allungato. I design dei WC quadrati sono disponibili in diversi stili. I WC quadrati a parete o senza serbatoio sono solo due esempi dei diversi tipi che possono migliorare il look moderno di un bagno. Inoltre, esistono altre opzioni di WC smart con sedili riscaldati, luci e bidet. Scegliere la forma ideale del WC Anche se Tuttleman fa notare che la scelta si riduce di solito alle preferenze individuali, ci sono alcune considerazioni da fare quando si decide la tazza. Spazio: Rispetto ai WC allungati e quadrati, i WC rotondi richiedono meno spazio. Comfort: Con le tazze allungate si ha più spazio davanti perché sono più lunghe così come quelle quadrate che si adattano meglio alla forma delle gambe. Varietà: Poiché le tazze allungate sono più comuni, è disponibile una maggiore varietà di colori e stili. Prezzo: In generale, le tazze rotonde sono meno costose di quelle allungate e quadrate. Stile: Le tazze allungate offrono un look classico mentre quelle quadrate sono più moderne. E i bidet? Sebbene i modelli di bidet autonomi stiano diventando sempre più popolari all’estero, non tutti possono mettere a soqquadro il proprio bagno per installarne uno. Fortunatamente, non è necessario. Secondo Tuttleman, le forme delle tazze sono in genere compatibili con gli accessori per bidet. Questi accessori sono solitamente semplici da installare. Per essere sicuri che siano adatti, prima di acquistarli è bene verificare la compatibilità con il produttore del WC. [...]
27 Novembre 2023La cacca racconta molto del passato La studentessa Karen Chin ha collaborato con il famoso paleontologo Jack Horner in un sito di scavo di dinosauri nel Montana. Il suo compito era quello di sezionare sottilmente gli scheletri fossili per poterli esaminare al microscopio. Ma la sua attenzione è stata attirata da qualcosa di diverso dalle ossa. “Ho saputo che qualcuno aveva trovato delle feci fossilizzate e ho pensato che fosse una cosa stranissima”, ha ricordato. Così ha chiesto di poter fare una sezione sottile delle feci. “E quando ho guardato al microscopio, ho visto cellule vegetali ingerite 75 milioni di anni fa da un dinosauro. E questo mi ha sconvolta, perché ho pensato: ‘Cavolo, è così che si possono conoscere le interazioni tra dinosauri, piante e altri organismi'”. Come riportato qui, in quanto esperta riconosciuta di escrementi di dinosauro, o “coproliti” come vengono scientificamente definiti (la parola deriva dal greco e significa “pietre di sterco” o “rocce di cacca”), Chin è molto richiesta in questi giorni. Infatti, un recente libro per bambini intitolato “The clues are in the poo” parla proprio di lei. Durante le sue ricerche nella Formazione Kaiparowits, nello Utah meridionale, Karen Chin ha scoperto che, durante la fase riproduttiva, i dinosauri erbivori consumavano legno in decomposizione insieme a tutti i vermi, i crostacei e gli altri organismi presenti per acquisire proteine e calcio per le loro uova. Karen Chin al lavoro su uno scavo di coproliti di dinosauro nella Formazione Kaiparowits dello Utah meridionale. Karen Chin è il curatore paleontologico del Museo di Storia Naturale dell’Università del Colorado. È un’importante esperta di escrementi conservati di dinosauro e docente di scienze geologiche presso l’Università del Colorado, Boulder. All’Università del Colorado, lei è curatrice di paleontologia e docente di scienze geologiche. Nell’ufficio di Chin, la prima cosa che si nota è l’abbondanza di cacca pietrificata. Riempiono ogni spazio disponibile, occupando cassetti, armadietti e scaffali in scatole poco profonde. Un campione di coprolite “Sembrano sassi neri”, ha spiegato la dottoressa. “Non hanno la forma a salsiccia che ci si aspetterebbe di vedere nelle feci fossili. Sono piuttosto spigolosi”. Questo perché probabilmente si sono frantumati al momento dell’impatto, dato che hanno avuto una bella distanza nel cadere dal sedere del dinosauro al suolo. Per quanto riguarda gli escrementi di dinosauro, Chin sostiene che nessuno è grande quanto i mucchi visti in Jurassic Park. Il più grande che ha osservato pesava sei litri, cioè un po’ meno di un pallone da basket. “Quando ho visto il film, ho pensato che fosse piuttosto umoristico”, ha dichiarato. “Ma in realtà aveva senso perché se c’è un dinosauro in uno zoo, produrrà molto sterco. E cosa ne faranno i guardiani dello zoo se non ammucchiarlo in un posto, in modo che qualcuno possa portarlo via più tardi?”. Lei sostiene che a volte riesce a identificare chi l’ha fatta cercando i resti scheletrici nelle vicinanze. Tuttavia, l’identità dell’autore della cacca è spesso sconosciuta. “Come paleo-ecologista, forse non è la cosa più importante sapere esattamente chi l’ha prodotta”, ha affermato Chin. “Se si riesce a capire chi viene mangiato e a pensare ad alcuni schemi alimentari generalizzati nell’ambiente preistorico, si può avere un’idea di come fosse quell’ambiente. E questo è un altro motivo per cui mi piacciono così tanto i coproliti, perché sono fondamentalmente come ricevute di transazioni di risorse di carbonio che viaggiano attraverso un ecosistema”. Nel corso degli anni, Chin ha scoperto una serie di reperti che forniscono informazioni su queste strutture alimentari antichissime e sulle abitudini alimentari dei dinosauri, informazioni che spesso scarseggiano negli scheletri. In primo luogo, si è scoperto che gli scarabei stercorari, che si riteneva si fossero evoluti insieme ai mammiferi dopo l’estinzione dei dinosauri, erano in realtà presenti durante il Cretaceo e scavavano volentieri negli escrementi dei dinosauri per fornire cibo ai loro piccoli. Un’altra scoperta è stata che, contrariamente a quanto ipotizzato da alcuni scienziati, i tirannosauri mangiavano le loro prede intere, comprese le ossa, invece di essere mangiatori selettivi che rimuovevano la carne dalle ossa. Chin è giunto a questa conclusione dopo aver scoperto pezzi di ossa e carne cruda nei coproliti. “Un tirannosauro avrebbe avuto un cranio lungo circa un metro e mezzo”, ha spiegato. “Non potevano masticare correttamente, quindi avrebbero afferrato e ingoiato”. Le grandi quantità di legno digerito trovate negli escrementi dei dinosauri erbivori sono state una delle sue scoperte preferite. La cosa era ambigua, dato che gli erbivori moderni non sono in grado di scomporre la lignina, che funge da collante e tiene unite le cellule del legno, e quindi non sono in grado di digerire il legno. Ma Chin stava ovviamente osservando, oltre alle strane conchiglie dei crostacei, anche il legno scomposto nelle feci dei dinosauri mangiatori di piante. La sua ipotesi era che potessero consumare legno in decomposizione anziché alberi sani. “I funghi della putrefazione bianca possono distruggere la lignina e, se lo fanno, aumentano la digeribilità del legno del 30-60%”, ha spiegato la ricercatrice. “Questo significa che i dinosauri si nutrivano di legno in decomposizione. È stato davvero sorprendente. Non si sente parlare di questo comportamento negli animali moderni”. Almeno, secondo Chin, non negli enormi mammiferi come elefanti e rinoceronti che gli scienziati utilizzano spesso per simulare le abitudini alimentari dei dinosauri. Tuttavia, i dinosauri non erano mammiferi. Assomigliavano molto di più agli uccelli che ai loro antenati contemporanei. Alcuni uccelli che si nutrono di semi iniziano a consumare insetti mentre stanno deponendo le uova, per ottenere le proteine necessarie a nutrire il tuorlo e il calcio per formare il guscio. “La mia ipotesi era che, avendo trovato questi coproliti nei luoghi di nidificazione dei dinosauri, questi ultimi avessero dovuto cambiare la loro dieta quando si riproducevano”, ha spiegato la ricercatrice. “Sembrava che, se fossi un dinosauro a becco d’anatra lungo circa 8 metri e avessi improvvisamente bisogno di assumere molte proteine, non saresti come un T-Rex a caccia di animali. Ma potresti trovare una fonte prevedibile di proteine nel legno in decomposizione sotto forma di invertebrati, insetti, crostacei e vermi, tutti tipi di cose che si aggirano intorno al legno in decomposizione”. Quindi, la prossima volta che crederete che gli escrementi siano solo rifiuti maleodoranti, ricredetevi. “Questi ci parlano delle interazioni alimentari tra gli organismi, dei processi di riciclaggio”, ha affermato Chin. “Quando si ha in mano un pezzo di cacca fossile, questo ci mostra quanto sia stata dinamica la vita, non solo oggi ma anche in passato”. Foto: Casey A. Cass/University of Colo; Karen Chin [...]
23 Novembre 2023La sorprendente scienza dietro la flatulenza umana Abbiamo fatto ricerche in diversi campi, ma non si è mai smesso di analizzare le scoregge. Anche quando abbiamo capito che dentro di noi ci sono piccoli organismi che scoreggiano molto, abbiamo continuato a imparare nuove cose sulle scoregge. 6. Le scoregge durante la Seconda Guerra Mondiale rappresentavano un rischio per la salute Secondo questo articolo, la Gran Bretagna temeva di essere completamente tagliata fuori dal commercio internazionale durante la Seconda Guerra Mondiale. Le carestie di massa derivano dall’isolamento delle città durante l’assedio e, sebbene le isole britanniche nel loro complesso fossero più autosufficienti di una singola città, dipendevano comunque dalle importazioni di cibo, soprattutto di carne. Il popolo britannico avrebbe sofferto la fame se il commercio fosse cessato? Avrebbero dovuto mettere al primo posto i bisogni dei lavoratori essenziali e lasciare che gli altri morissero? A otto volontari è stato dato l’unico cibo che la nazione poteva realisticamente fornire a tutti i cittadini, e questo è stato testato dagli scienziati di Cambridge nel corso di tre mesi. Ogni settimana hanno consumato mezzo chilo di carne, un uovo e mezza tazza di latte. Dovevano mangiare patate e verdure per riempire il resto dello stomaco. Consumavano anche molto pane, ma senza burro per coprirlo. È interessante notare che nessuno dei mangiatori ha riscontrato un deficit di proteine o di sostanze nutritive e hanno avuto molta energia per svolgere la loro vita quotidiana e persino per fare un’intensa attività fisica. La loro principale lamentela era l’eccessiva quantità di tempo che dovevano trascorrere mangiando, perché dovevano consumare molti pasti ad alta densità calorica per compensare la perdita. Tutte quelle verdure voluminose hanno fatto sì che producessero il 250% di feci in più del solito. Le verdure li hanno anche fatti scoreggiare molto di più. I ricercatori sono stati costretti a riferire che l’aumento della flatulenza era “notevole” perché non l’avevano previsto e non avevano previsto un metodo per documentare quantitativamente l’aumento di gas. In definitiva, anche se il cibo fu razionato in Gran Bretagna sia durante che dopo la guerra, non fu mai completamente tagliato fuori, come si temeva. La dieta di Cambridge non fu mai richiesta e le maschere antigas che i civili portavano con sé si rivelarono superflue. 5. La caccia al campione di scoregge Le vostre scoregge raccontano la vera storia della vostra salute. È molto probabile che abbiate notato un cambiamento nell’odore delle vostre flatulenze dopo un inconveniente intestinale. Più precisamente, le diverse composizioni di idrogeno, metano e idrogeno solforato indicano la salute del vostro microbioma. L’unico problema è che le scoregge rivelano solo ciò che si trova nell’ultimo metro circa del colon. Anche se le scoregge non lo mostrano, anche il resto dell’apparato digerente è pieno di gas. Gli scienziati sono stati storicamente in grado di campionare questo gas non sfruttato esaminando il respiro. In effetti, parte del gas presente nell’intestino crasso passa nel flusso sanguigno ed esce dai polmoni. Ma stiamo sviluppando un nuovo approccio. Quando si ingerisce una pillola dotata di sensori, questa preleva campioni di gas in momenti diversi e comunica i risultati a un computer tablet collegato. Questo approccio in pillole non è una tecnica invasiva per esaminare il colon e potrebbe essere in grado di identificare i primi segni di cancro. 4. Prova di un dispositivo anti scoreggia Presso il Minneapolis Veterans Affairs Medical Center sono presenti numerose questioni mediche che possono essere oggetto di ricerca. Per esempio, nel 1998 hanno affrontato il tema delle scoregge maleodoranti. Dopo aver somministrato ai partecipanti allo studio fagioli pinto per indurre la flatulenza, hanno utilizzato tubi rettali per raccogliere il gas. Questi diversi campioni di gas sono stati poi fatti passare attraverso una serie di materiali. Un gruppo di giudici ha valutato i gas trattati, assegnando a ciascuno un punteggio da “nessun odore” a “molto sgradevole” su una scala di nove punti. Le sostanze migliori per neutralizzare l’odore di scoreggia sono state l’acetato di zinco, che reagisce con l’idrogeno solforato, e il carbone attivo, un tradizionale assorbitore di odori. Anche se la biancheria intima anti-peto è attualmente disponibile per l’acquisto, gli scienziati hanno ritenuto che fosse eccessivamente ingombrante e che i risultati della loro indagine potrebbero portare a prodotti migliori. Il sondaggio ha anche rivelato se i giudici preferiscono l’odore delle scoregge femminili o maschili, anche se questo non era il risultato previsto. Le scoregge femminili sono state costantemente classificate peggio dai giudici nel test olfattivo alla cieca. Gli uomini producono più gas delle donne; quindi, di fatto, il grado di repellenza di una scoreggia dipende sia dalla quantità che dal contenuto del gas. 3. I suoni delle scoregge sono rivelatori Grazie alle videoconferenze, non è più necessario viaggiare tanto per gli incontri professionali di persona. Le visite mediche sono un’eccezione. È possibile ottenere una prescrizione medica, rispondere a domande al telefono e persino chiedere al medico di dare un’occhiata a distanza per verificare se i vostri genitali sono così strani come credete. Tuttavia, ci sono delle limitazioni. Ma cosa succederebbe se un giorno poteste scoreggiare in un’app e scoprire cosa c’è di sbagliato in voi? Anche se non ci siamo ancora, gli scienziati del Georgia Institute of Technology hanno creato una presentazione intitolata “Minzione, defecazione, flatulenza e diarrea: Le quattro stagioni dell’acustica sanitaria” per discutere i potenziali sviluppi in questo campo. Hanno presentato la Synthetic Human Acoustic Reproduction Testing Machine, un generatore artificiale di suoni corporali, per illustrare come questi rumori possano suggerire malattie. Gli scienziati hanno suggerito di utilizzare questo approccio per tracciare tutti i comportamenti intestinali nei bagni pubblici, al fine di individuare eventuali aumenti dei disturbi diarroici, oltre a fornire consulenze volontarie. 2. Espulsione del flatus ad alta quota In questo articolo, il termine “scoreggia” è stato utilizzato al posto di qualsiasi alternativa medica. Per quanto ne sappiamo, non esiste un termine clinico sostitutivo. “Flatulenza” è il verbo che indica la scoreggia, anche se non esiste un termine sostitutivo diretto. “Espellere il flatus” è il termine formale. L’espulsione di flatus ad alta quota, o HAFE (high-altitude flatus expulsion)high-altitude flatus expulsion, è qualcosa che dovreste essere in grado di definire da soli. Si tratta del fenomeno che porta a scoreggiare di più quando ci si trova ad alta quota, come la cima di una montagna. Gli scalatori lo chiamano “ragno che abbaia delle Montagne Rocciose“. Chi riscontra questo problema può prendere in considerazione l’uso di enzimi digestivi o del popolare farmaco anti-gas simeticone. Per questo motivo è necessario avere sempre a portata di mano dell’ossigeno supplementare nel caso in cui qualcuno vicino a noi soffra di HAFE mentre stiamo scalando. 1. La biancheria intima ci protegge dai germi delle scoregge? Un’infermiera australiana ha chiesto al medico australiano Karl Kruszelnicki se stava diffondendo germi quando ha scoreggiato in sala operatoria. È corretto che i membri del personale ospedaliero si coprano il viso con delle mascherine ma non il sedere? In alternativa, si coprono il sedere con diversi strati di stoffa, ma poiché questo ovviamente non impedisce l’odore associato alle scoregge, impedisce anche i germi? Per condurre un esperimento, Kruszelnicki ha fatto scoreggiare un collega in due piastre di Petri. L’una è stata riempita di peti senza alcuna schermatura anale, mentre l’altra ha scoreggiato sulla prima attraverso i pantaloni e la biancheria intima. Nessun batterio è cresciuto sul flatus filtrato. Ma poco dopo, nella seconda piastra sono apparse due colonie batteriche visibili a occhio nudo. È quindi vero che i batteri delle scoregge vengono catturati dagli indumenti normali prima che abbiano la possibilità di diffondersi. Tuttavia, anche i germi che si sono sviluppati nella seconda piastra non rappresentano una minaccia. Ciò significa che non dovete preoccuparvi se vi capita spesso che qualcuno vi scoreggi in faccia. Nessuno vi sta dicendo di modificare il vostro comportamento. [...]
20 Novembre 2023Una leggenda metropolitana che potrebbe essere vera Sembra troppo assurdo e ripugnante per essere vero. Secondo una disgustosa leggenda metropolitana, le persone fanno la cacca e si abbassano i pantaloni mentre aspettano in fila per le attrazioni di Disneyland. Purtroppo per i deboli di stomaco, però, questa storia è vera al 100%. Come riportato qui, nell’ultimo mese, le persone sul subreddit di Disney World hanno lasciato commenti arrabbiati e inorriditi per le cose che sostenevano di aver visto mentre erano in fila. “Sono in coda per – qualcuno ha lasciato che il proprio figlio facesse la cacca per terra, e poi è uscito e l’ha lasciata lì!”, ha scritto uno di loro. Quasi immediatamente dopo l’avvistamento delle feci, una persona che ha dichiarato di lavorare al parco ha confermato l’accaduto. “Per gli scettici… è successo davvero. Fatto curioso: questo è stato uno dei 3 incidenti legati alla cacca avvenuti oggi a Rise. Fatto meno divertente: ero qui per tutti e 3”, ha risposto un utente. In un altro thread, un commentatore si è lamentato del comportamento dei visitatori del parco presso l’attrazione più popolare, Flight of Passage. “I fluidi corporei non mi danno più fastidio dopo aver lavorato alla Disney”, hanno scritto. “Diciamo solo che l’attrazione in cui lavoro ha quello che il cast ha finito per soprannominare ‘la sala della cacca‘ a causa della quantità di volte in cui gli ospiti sono entrati e hanno fatto la cacca. Abbiamo anche messo una telecamera, ma non è servita a fermarli”. “Buon Dio, il corridoio della cacca“, ha risposto un altro commentatore, aggiungendo: “… da ex assistente di volo, questo mi fa venire assolutamente dei flashback di guerra… Ho avuto a che fare con troppi fluidi corporei in quella maledetta attrazione”. Anche due ex lavoratori della squadra di custodia di Disneyland hanno scritto di questo spiacevole argomento nel loro libro “Cleaning the Kingdom: Insider Tales of Keeping Walt’s Dream Spotless“. Nel capitolo intitolato “Cose disgustose”, gli ex “membri del cast” (come vengono chiamati i dipendenti nel linguaggio dell’azienda) Ken Pellman e Lynn Barron rivelano che esiste persino un nome per questi eventi: “Codice umano H” . Gli autori sostengono che il codice H era inizialmente usato per descrivere la “cacca di cavallo”. Il codice indicava che una volta che uno dei cavalli che trainava un veicolo di Main Street aveva terminato i propri bisogni, un addetto alla custodia doveva pulire. In seguito, la frase è stata modificata per indicare i bisogni di un essere umano. “C’è una coppia di bagni ad uso individuale proprio dietro le quinte dello scarico nord”, ha scritto Pellman. “Erano principalmente per i membri del cast, ma gli ospiti potevano usarli e li usavano. Una donna che non lo sapeva ha fatto irruzione nella sala di controllo dell’attrazione e ha depositato il suo regalo proprio lì… Deve essere stato difficile per l’operatore della giostra rimanere al proprio posto prima che venisse tutto ripulito!”. Se mentre siete in fila sentite l’irresistibile richiamo della natura, non seguite l’esempio di questi individui. Per alcune attrazioni, come Flight of Passage, note per le lunghe attese, ci sono dei bagni in mezzo alla fila. Basta chiedere al personale più vicino dove si trova il bagno più vicino. Potete spiegare con rispetto la vostra situazione e chiedere di ricongiungervi al vostro gruppo al ritorno, anche se dovete lasciare la coda. Se il membro del cast all’ingresso della giostra dovesse chiamare gli inservienti per un codice umano H, probabilmente preferirebbe accogliere questa richiesta educata. [...]
16 Novembre 2023La posizione giusta in caso di stitichezza Un medico sostiene che fare la cacca in modo scorretto può provocare il cancro. La nefrologa Daria Sadovskaya, 29 anni, di Singapore, pubblica regolarmente su TikTok contenuti relativi alla salute. Come riporta il New York Post, la specialista di reni ha mostrato una postura per fare la cacca in un video che ha ricevuto oltre 26 milioni di visualizzazioni, aiutando gli spettatori a prevenire la stitichezza e a mantenersi in buona salute. Nel video viene mostrata con la gamba sinistra incrociata sulle ginocchia e il piede appoggiato sulla coscia destra. Poi, come se allungasse il tendine del ginocchio, guarda dietro di sé e ruota il corpo verso sinistra. @sadovskaya_doctor What to do if you’re constipated and can’t poop? Try this position, it will help you to poop fast. #healthypooping #poopfast #constipationhelp ♬ original sound – Jazzzz “Cosa fare se sei stitico e non riesci a fare la cacca? Provate questa posizione; vi aiuterà a fare la cacca velocemente”, si legge nella didascalia del video. Il medico ha spiegato che la stitichezza può influire sulla salute, oltre a essere dolorosa e fastidiosa. “La stitichezza è di per sé un problema, ma [usare una posizione sbagliata] può anche portare a emorroidi, ragadi anali, problemi urinari e persino aumentare il rischio di cancro al colon-retto”, ha spiegato Sadovskaya. “Oltre a tutto ciò, può causare carenze nutrizionali, disfunzioni intestinali e persino problemi psicologici”, ha proseguito, affermando che queste circostanze potrebbero favorire la diffusione del cancro. L’esperta ha detto che il metodo per fare la cacca che mostra nel video è una “sorta di automassaggio, che aiuta le feci a uscire più velocemente e più facilmente”. Questa posizione è un modo per affrontare la “stitichezza leggera” ed è qualcosa che si può fare per migliorare la propria attività intestinale, oltre a seguire una buona dieta. “Oltre a sedersi in questa posizione, è necessario aumentare l’apporto di fibre, mantenersi idratati, fare esercizio fisico regolare, evitare la caffeina e l’alcol”, ha dichiarato la dottoressa. Migliaia di persone hanno ringraziato la dottoressa nella sezione commenti del video sottostante per il suo utile suggerimento su come andare in bagno. [...]
13 Novembre 2023Dai nasi tappati ai bagni macchiati Il vostro livello di igiene si può dedurre molto dalle condizioni del vostro bagno. L’ultima cosa che vorreste è che gli ospiti entrassero nel vostro bagno e notassero sporadiche macchie marroni di sporco. È necessario mantenere il bagno sempre pulito perché può essere la fonte di molti disordini. Questo non vuol dire che le macchie non debbano capitare di tanto in tanto, ma è fondamentale rimuoverle il prima possibile. Ogni volta che una macchia gialla o marrone appare sulla tavoletta del water, non si può semplicemente ignorarla. La buona notizia è che potrebbe esserci una soluzione semplice utilizzando il Vicks VapoRub. Secondo questo articolo, dato che il bagno è uno degli oggetti più utilizzati della casa, le macchie possono verificarsi con una certa frequenza. Per esempio, minerali come il ferro e i sali presenti nell’urina e nel sangue possono depositarsi sulle tavolette del water o sotto di esse, causando macchie. È interessante notare che Vicks VapoRub ha diversi componenti attivi, tra cui mentolo, canfora e olio di eucalipto, che lo rendono ideale per alleviare tosse e congestione nasale. Inoltre, contiene sostanze chimiche detergenti come l’olio di trementina, efficace per rimuovere le macchie ostinate, in particolare quelle oleose. Potreste risparmiare sul costo di una nuova tavoletta del water utilizzando questo utile prodotto essenziale per il bagno. Vicks VapoRub non è solo il rimedio per il naso chiuso che usava la nonna. Usare l’unguento per rimuovere le macchie dal bagno è un metodo senza complicazioni. Questo trucco viene realizzato dall’esperto di pulizia di YouTube @AndreaJean utilizzando un batuffolo di cotone. Inizia immergendo il batuffolo in una bottiglia di Vicks, facendo attenzione a raccogliere un bel po’ di prodotto. Poi lo applica sulla macchia e lo strofina finché non scompare. È la sola cosa da fare. Per far penetrare il materiale in spazi ristretti, si può anche usare un cotton fioc. Il creatore ha anche sottolineato che VapoRub può fare di più che pulire regolarmente le macchie dalla tavoletta del water. “La cosa bella è che può aiutare a prevenire macchie future perché crea una barriera protettiva tra il water, la porcellana e tutto ciò con cui viene a contatto”, ha affermato. I componenti oleosi dello strofinamento sono probabilmente la causa di questa barriera. Oltre alla trementina, gli ingredienti non attivi dello sfregamento sono elencati su Healthline. Questi includono petrolato, olio di foglie di cedro e olio di noce moscata. [...]
9 Novembre 2023A Napoli è stato aperto un bagno pubblico privato In Italia, nel corso degli anni, si è assistito ad una progressiva riduzione dei bagni pubblici, fino alla loro scomparsa in alcune città. Si è passati dalla presenza diffusa di bagni e vespasiani alla loro totale assenza, costringendo molte persone a utilizzare i servizi igienici di bar e negozi. Le motivazioni sono varie. Innanzitutto si ritiene che i bagni pubblici siano diventati luoghi di incontri poco raccomandabili, soprattutto dagli anni ’90, in cui si sono trasformati gradualmente in ritrovi per tossicodipendenti e attività sessuali. Col tempo, la mancata manutenzione e il degrado li hanno resi sempre più fatiscenti e inutilizzabili, al punto che la gente ha smesso di frequentarli. Forse anche i costi eccessivi di gestione e le nuove normative igienico-sanitarie hanno spinto al graduale abbandono. Tuttavia, in alcune città resistono bagni pubblici a pagamento e qualche vespasiano. All’estero la situazione sembra diversa, infatti, ci sono paesi che mantengono e innovano i bagni pubblici con nuovi design e comfort. Ciononostante, dove mancano del tutto, i problemi non scompaiono. L’assenza costringe molti ad usare bar e negozi, quando possibile, ma l’urgenza e gli orari di chiusura dei locali rendono la cosa difficile, spingendo soggetti a urinare per strada, aumentando il degrado. Anche l’aumento della criminalità di alcuni quartieri non agevola la situazione. A Napoli però un giovane imprenditore, Mario Pesce (26 anni), ha avuto l’idea innovativa di aprire un moderno bagno pubblico a pagamento per risolvere il problema, dimostrando spirito d’iniziativa e attenzione al territorio. Elegante e pulitissimo, “Se ti scappa” offre aree separate per uomini e donne, distributori di prodotti igienici, ingressi automatici e scontrino fiscale. Costa 1 euro e se avrà successo, Mario vuole aprirne altri, migliorandone l’accessibilità. In sintesi, anche realizzati privatamente, i bagni pubblici potrebbero tornare grazie all’innovazione tecnologica, migliorando decoro e comfort urbano. Da problema trascurato, potrebbero così trasformarsi in nuove aree di qualità per le città. [...]
6 Novembre 2023Il Tamigi veniva usato come fognatura e come acqua da bere Nel periodo elisabettiano gli inglesi usavano vasi da notte e svuotavano i loro bisogni nelle strade di Londra. La vita nel XIX secolo non era affatto migliore. Negli anni ’40 del XIX secolo, circa 150 milioni di tonnellate di rifiuti venivano scaricati ogni anno nel Tamigi. Uno dei lavori più bizzarri dell’epoca vittoriana era quello dei “toshers”, che si occupavano di scavare nelle discariche fecali, rovistando tra le feci e gli altri rifiuti raccolti in città alla ricerca di oggetti di valore. Si guadagnava bene anche in questo modo. Come si può immaginare, il fiume e i suoi dintorni puzzano terribilmente nella stagione calda. Inoltre, le persone bevevano l’acqua del Tamigi. A quel punto migliaia di persone morivano per le malattie. Così, il governo britannico decise di intervenire per risolvere il problema quando le malattie e la puzza divennero troppo gravi. Un ingegnere e il suo team dovettero lavorare per nove anni per progettare un sistema fognario che deviasse i rifiuti dal Tamigi verso la periferia della città. Il Tamigi utilizzato come fognatura e come acqua da bere Come spiegato qui, il fiume Tamigi, che attraversa Londra e l’Inghilterra meridionale, è stato il diretto destinatario di acque reflue non purificate fino a quando non sono stati costruiti sistemi di trattamento fognario nel XIX secolo. Ancora più ripugnante è il fatto che la gente beveva l’acqua del fiume, il che è ancora peggio. Quindi, oltre a bere acqua, consumavano anche gli escrementi e l’urina dei loro vicini. La “Grande Puzza” I londinesi sono sopravvissuti al colera nel 1853 dopo aver bevuto acqua contaminata dal fiume Tamigi, ma è stata la “Grande Puzza” del 1858 a far sì che la città cambiasse le sue pratiche di gestione delle acque reflue. I liquami, in sostanza, si cucinarono e fermentarono da soli con il caldo di quell’estate e la puzza era così terribile che la gente del posto non poteva più sopportare di vivere la propria vita quotidiana con quella puzza nell’aria. Per affrontare il problema, il governo britannico fu costretto a nominare un ingegnere professionista. “Uomini della notte” Prima della creazione dell’attuale sistema fognario londinese da parte dell’ingegnere civile Joseph Bazalgette, le abitazioni avevano i pozzi neri. Gli uomini che lavoravano come operai a giornata andavano di notte a pulire i pozzi neri delle persone per guadagnare un po’ di soldi in più. Poiché lo spurgo di un pozzo nero era estremamente sgradevole e ritenuto “troppo fastidioso” per essere eseguito durante il giorno, la legislazione imponeva di svolgere il compito di notte. Così, gli “uomini della notte” dovevano strisciare nei pozzi neri, estrarre i rifiuti, depositarli in un cesto di vimini e poi trasportarli su un carro. Enrico VIII Il re Enrico VIII firmò il “Bill of Sewers” nel 1531. Egli propose di dividere Londra in otto distretti fognari, ciascuno con un commissario. Ogni commissario era responsabile della pulizia e della funzionalità della propria porzione di sistema fognario. Tuttavia, il risultato fu una mancanza di controllo costante e i commissari permisero che i loro problemi diventassero quelli dei loro vicini. Questo approccio negligente al trattamento delle fogne è stato senza dubbio trasmesso ai londinesi del XIX secolo, che forse è il motivo per cui spesso consumavano acqua contaminata da escrementi. Strade di Londra e cacca C’erano altri escrementi con cui i londinesi del XIX secolo dovevano fare i conti, oltre ai liquami che avvelenavano i fiumi. Infatti, anche passeggiare per le strade di Londra, piene di fetore e di sporcizia, era un’esperienza piuttosto sporca e puzzolente. Il “fango” che veniva sparso sulle carreggiate era costituito da cacca. E in abbondanza. L’autore di Dirty Old London: The Victorian Fight Against Filth, Lee Jackson, scrive che: “Era essenzialmente composto da sterco di cavallo. A Londra c’erano decine di migliaia di cavalli da lavoro inevitabili conseguenze per le strade. E purtroppo i vittoriani non trovarono mai un modo efficace per eliminarlo”. Colera Un’infezione dell’intestino tenue, chiamata colera, ha causato la morte di quasi 10.000 londinesi nel 1853, a causa delle persone che bevevano dalle acque reflue del Tamigi. Sebbene i sintomi possano variare, la diarrea acquosa è uno dei più tipici. Se non trattata, provoca una grave disidratazione e altri effetti negativi come: rughe di mani e piedi, pelle fredda, occhi infossati e riduzione dell’elasticità cutanea. Occasionalmente la pelle può assumere una colorazione blu. Ma è stato l’odore, e non le numerose morti, a spingere Londra a iniziare a progettare un sistema di trattamento delle acque reflue. Pozzi neri All’inizio del XIX secolo, le famiglie erano solite conservare le acque reflue e i rifiuti liquidi in un pozzo nero. Di solito si trovavano sotto la latrina ed erano costituiti da mattoni, con una profondità di circa sei piedi (1,83 m) e una larghezza di quattro (1,22 m). Si trovavano negli scantinati o nei giardini della maggior parte delle case. Dopo la loro invenzione, i gabinetti furono costruiti sopra tale pozzo, ma l’acqua in più proveniente da tali gabinetti contribuiva a “far entrare in casa un’ondata di rifiuti, feci e odori”. A quel punto, molti cominciarono a temere che malattie come il colera e il tifo potessero diffondersi attraverso l’aria nelle loro case private. I “tesori” nelle fogne di Londra Circa 200 “toshers”, talvolta noti come “cacciatori di fogne”, cercavano nelle prime fogne di Londra gli oggetti che vi erano caduti, tra cui monete, argenteria, corde e pezzi di metallo. Cercavano anche gemme lungo la costa del Tamigi. Anche se il lavoro era pericoloso, gli spazzini guadagnavano l’equivalente di 50 dollari al giorno, che era una bella somma per una persona della classe operaia nella Londra del XIX secolo. I toshers erano importanti perché sapevano dove potevano essere nascosti i migliori tesori nelle fogne, in fessure nascoste e profonde. I tosher lavoravano quindi in gruppi di tre o quattro uomini, sotto la direzione di un capo che poteva avere tra i 60 e gli 80 anni. I tosher avevano più paura di essere morsi dai topi, portatori di terribili malattie, che di esplosioni e asfissia. Gas tossici e incendi Nel XVIII secolo a Londra furono costruite circa 100 fogne. Tuttavia, i pozzi neri, erano molto più diffusi. Nel 1856 la città aveva 360 fogne e circa 200.000 pozzi neri. Il fatto che alcuni pozzi neri rilascino gas estremamente combustibili come il metano rappresenta uno dei problemi. Per questo motivo, era normale che prendessero fuoco ed esplodessero (occasionalmente uccidendo le persone). In altre parole, i pozzi neri non solo non erano in grado di gestire il volume di rifiuti che i londinesi producevano, ma rappresentavano anche un rischio di morte a causa delle esplosioni dovute alla cacca. Cloruro di calce per coprire il fetore Nel giugno del 1858, i membri del governo britannico avevano difficoltà a portare a termine il loro lavoro in Parlamento a causa della puzza opprimente della città. Per risolvere il problema, le tende del lato destro dell’edificio del Parlamento furono spruzzate con cloruro di calce per mascherare l’odore, ma non ebbe alcun effetto. I membri del Parlamento pensarono di trasferire le attività lavorative a Oxford o a St. Albans perché la puzza era troppo forte. Inoltre, è documentato che i parlamentari indossavano fazzoletti sul naso per proteggersi dal cattivo odore emanato dall’esterno. Il sistema fognario Il governo britannico incaricò l’ingegnere Joseph Bazalgette di creare un sofisticato sistema fognario in risposta alla “Grande Puzza” del 1858, per migliorare sia la sicurezza che l’odore di Londra per i suoi cittadini. Lungo il Tamigi, Bazalgette e i suoi collaboratori costruirono 1.100 miglia (1.770 Km) di fognature stradali e 82 miglia (132 Km) di canalizzazioni. Per il progetto furono spesi 4,2 milioni di sterline, pari a 5,3 milioni di dollari. Le vecchie fognature furono deviate nelle nuove super-fognature, che trasportavano i rifiuti a impianti di trattamento al di fuori della città anziché nel fiume. [...]
2 Novembre 2023Una startup del settore spaziale potrebbe includere un bagno con vista per i suoi passeggeri Secondo la CNN, una startup di turismo spaziale chiamata Space Perspective potrebbe sorprendere i visitatori con una vista straordinaria dal loro bagno. L’azienda, con sede in Florida, intende utilizzare una capsula pressurizzata sospesa a un sofisticato pallone aerostatico per trasportare i passeggeri a circa 30 Km di altezza ai confini dello spazio. Naturalmente, la capsula aveva bisogno di un bagno a bordo, dato che le escursioni sono previste per circa sei ore. La fondatrice e co-CEO di Space Perspective Jane Poynter, nata nel Regno Unito, ha avuto l’idea di un “bagno con vista” dopo un brainstorming con il suo team. I progetti dei designer Dan Window e Isabella Trani mostrano un bagno luminoso con un’ampia finestra che consente di vedere le stelle e la curvatura della terra. Secondo Poynter, il bagno dovrebbe servire ai visitatori per riflettere sulle loro avventure spaziali. “In certi momenti sarà quasi opprimente”, afferma Poynter a proposito dell’esperienza. “Per questo volevamo creare uno spazio in cui le persone potessero prendersi un momento per sé”. Sebbene la vista sia l’attrattiva principale, c’è anche una tenda alla finestra, più che altro per garantire la privacy, dato che non ci sono molte altre persone in giro, e per quando i visitatori hanno bisogno di un momento di concentrazione. “Per questo il sedile del bagno ha un cuscino, così ci si può sedere”, ha aggiunto Poynter. Secondo Poynter, il design dei bagni privilegia il “benessere”, motivo per cui il nome ufficiale della struttura è “Space Spa”. In risposta a una domanda della CNN Travel, che chiedeva se il nome implicasse l’installazione di una vasca idromassaggio accanto al lavandino e al gabinetto, Poynter ha risposto ridendo: “L’interno della capsula può essere modificato”, il che potrebbe significare l’aggiunta di qualsiasi cosa, da un tavolo da pranzo a uno spazio di ricerca. Pochi turisti si sono avventurati nello spazio da quando Dennis Tito, il primo del suo genere, lo ha fatto nel 2001. Tuttavia, negli ultimi tempi, note aziende di turismo spaziale come SpaceX, Blue Origin e Virgin Galactic sono attive in questo mercato, promettendo di fare dello spazio la prossima destinazione di tendenza per i viaggiatori. Anche la società francese Zephalto sta organizzando viaggi in pallone stratosferico per offrire pasti stellati ai “confini dello spazio”. È importante tenere presente che i viaggi nello spazio suborbitale, che si trovano a 60 miglia sopra la Terra e comportano una breve esposizione all’assenza di peso e alla vista dello spazio, differiscono notevolmente dai viaggi nello spazio orbitale, che comportano decolli ad alta velocità che sfidano la gravità e durano più a lungo. Inoltre, i viaggi ai “confini dello spazio”, come quelli proposti da Zephalto e Space Perspective, sono unici. Anche se queste capsule non raggiungeranno lo spazio suborbitale, viaggeranno comunque a un’altitudine di gran lunga superiore a quella dei tipici aerei commerciali. Ciò si traduce in una vista mozzafiato delle stelle e della Terra, ma senza la sensazione di assenza di peso e di gravità, motivo per cui un bagno chic è fattibile. Entro la fine del 2024, Space Perspective prevede di iniziare a far volare fino a otto persone. Pur riconoscendo che l’azienda sta lavorando per raggiungere questa data, Poynter consiglia di non fissarla, poiché mancano ancora alcuni passi prima che il pallone e la capsula possano decollare. Secondo Poynter, il team attribuisce un’alta priorità al mantenimento della sicurezza e l’azienda è soggetta alla regolamentazione della Guardia Costiera degli Stati Uniti e della Federal Aviation Administration (FAA). Space Perspective prevede di iniziare a testare i voli a breve. La data precisa del decollo non è ancora nota, ma i biglietti da 125.000 dollari di Space Perspective si stanno vendendo rapidamente. Ancora una volta, i bagni dimostrano di avere un’importanza significativa per migliorare l’esperienza piuttosto che assolvere solo una funzione di bisogno. [...]
30 Ottobre 2023Lo studio Schemata Architects di Tokyo dà nuova vita al sentō Il sentō giapponese (銭湩) è una sorta di bagno pubblico tradizionale dove le persone si recano per rilassarsi e fare il bagno. In Giappone, questi bagni hanno una lunga storia e sono molto importanti dal punto di vista culturale. In genere, un sentō ha spazi distinti destinati alle esigenze maschili e femminili. È un’area condivisa per riposare, socializzare e fare il bagno. Quando visitano un sentō, gli ospiti si cambiano nella zona bagno dopo essersi tolti i vestiti nello spogliatoio. Una volta entrati, fanno un bagno caldo comune dopo essersi puliti adeguatamente nelle singole postazioni. Inoltre, molti sentō offrono diversi tipi di bagni, come vasche calde, bagni freddi e persino saune. La maggior parte dell’acqua è riscaldata, ma alcune stazioni offrono anche acqua ricca di minerali, che si dice abbia effetti benefici sulla salute. La gente del posto ama i sentō per le loro qualità curative e comunitarie. I sentō hanno una lunga storia che inizia nell’antico Giappone. Dalla loro fondazione durante il periodo Nara (710-794), hanno svolto un ruolo cruciale nella cultura giapponese. I sentō, o bagni pubblici, divennero sempre più diffusi durante il periodo Edo (1603-1868). La popolazione del Giappone aumentò durante questo periodo e molti luoghi avevano un accesso limitato all’acqua potabile. Di conseguenza, i bagni pubblici fungevano da centri essenziali per l’interazione sociale e i servizi igienici. Anche se le moderne case giapponesi dispongono sempre più spesso di bagni privati, i sentō mantengono il loro significato culturale e sociale. Per chi ha spazi abitativi più piccoli o preferisce un’atmosfera sociale, sono comunque un’alternativa desiderabile. I sentō hanno spesso caratteristiche architettoniche e di design uniche, come tende vivaci, noren (divisori in tessuto) e talvolta piastrelle o murales creativi. Il prezzo d’ingresso di un sentō è in genere abbastanza ragionevole, il che rende possibile la visita a un gran numero di persone. Sebbene il numero di sentō sia diminuito a causa del cambiamento delle pratiche da bagno, alcuni bagni tradizionali sono sopravvissuti e attirano turisti desiderosi di partecipare a questa usanza culturale. I sentō hanno visto un aumento di popolarità negli ultimi tempi e sono stati fatti dei tentativi per aggiornarli e ringiovanirli. Alcuni sentō sono ora dotati di comfort moderni, pur mantenendo il loro fascino originale. Tuttavia, a Lucio Modesto, un vecchio ingegnere termale romano, si è presentata l’opportunità di impadronirsi delle invenzioni di uno stabilimento balneare pubblico giapponese e di trasportarle indietro nel tempo quando vi si è trovato inaspettatamente. Questo è quanto viene rappresentato nel manga Thermae Romae di Mari Yamazaki, che accompagna il lettore in un viaggio nell’affascinante mondo dei sentō. Secondo questo articolo, l’antico sentō di Tokyo, Koganeyu, ha deciso di reinventarsi. Mentre le piscine storiche sono conservate nel rispetto della tradizione, l’idea di Schemata Architects incorpora caratteristiche più contemporanee per attirare un pubblico eterogeneo, come una sauna e un beer bar, che sfruttano gli spazi liberi del magazzino e della sala macchine. Come nei sentō tradizionali, l’area della piscina principale è divisa simmetricamente in parti maschili e femminili da un muro alto 2,25 metri e aperto all’estremità. Questa caratteristica è stata utilizzata per facilitare la comunicazione tra le due regioni. La sezione in questione ha vasche con temperature diverse, da quella medicata a quella calda, e accanto alla sauna c’è una piccola vasca di acqua fredda collegata all’esterno. L’opera di Yoriko Hoshi è esposta lungo le due regioni degli interni, che sono rivestiti di piastrelle beige chiaro e cemento e comprendono un murale con il Monte Fuji sullo sfondo. L’area comprende anche uno spogliatoio con tende divisorie disegnate da Iichiro Tanaka e arredi in legno, oltre a un’area di benvenuto in bandai (piastrelle beige) all’ingresso con un bar per la birra. Foto di Yurika Kono [...]
26 Ottobre 2023Un urologo spiega come prevenire la nicturia Ora potete smettere di andare in bagno nel cuore della notte per fare pipì. Il dottor Edward Schaeffer, urologo presso la Northwestern Medicine, ha dato consigli su come gli uomini possono controllare efficacemente la frequenza con cui vanno in bagno quando invece potrebbero dormire. Secondo il New York Post, l’esperto di cancro alla prostata Schaeffer ha fornito alcuni consigli per la notte nel podcast “Drive” del Dr. Peter Attia, e alcuni suggerimenti sono davvero inaspettati. “Si tratta in gran parte di educazione e di modifiche comportamentali”, ha spiegato Schaeffer, direttore del programma di oncologia genitourinaria presso il Robert H. Lurie Comprehensive Cancer Center della Northwestern. “Quindi, educare le persone che molto di ciò che si assume viene espulso, che l’idea dei reni è quella di mantenere lo stato dei fluidi del nostro corpo e questo tipo di omeostasi”. Schaeffer ha anche menzionato il collegamento tra la nicturia – lo stimolo a urinare durante la notte – e la pressione sulla vescica causata da un ingrossamento della prostata. Secondo l’American Cancer Society, un uomo su otto riceverà una diagnosi di tumore alla prostata prima o poi nella sua vita e prevede che nell’anno successivo ci saranno 288.300 nuovi casi di tumore alla prostata. 1. Limitare il consumo di bevande prima di andare a letto Quando si considera la frequenza urinaria, le abitudini di consumo devono tenere conto non solo della quantità, ma anche del tipo di bevanda e del momento della giornata in cui viene consumata. “Molte persone arrivano con una frequenza urinaria notturna che può essere modificata con l’educazione”, spiega Schaeffer. “Dicendo: ‘Ehi, non bere un bicchiere d’acqua subito prima di andare a letto’, e ‘Se ti alzi nel cuore della notte perché devi urinare, non bere un altro bicchiere d’acqua proprio quando ti alzi per urinare'”, ha spiegato. “Questo tipo di educazione, il momento in cui si assumono i liquidi e poi cosa contengono i liquidi, in particolare la caffeina”. Ha anche rivelato che alcuni liquidi, come il tè freddo infuso nel caffè, contengono già diuretici naturali e possono causare problemi durante la notte. “Se si assume o si beve qualcosa di diuretico, si produrrà una maggiore quantità di urina, con conseguente aumento dei sintomi urinari nelle due-quattro ore successive all’assunzione del liquido”. 2. Evitare l’alcol prima di andare a letto Nel corso del podcast i due hanno discusso di come il consumo di alcolici possa influire sull’urina notturna. La Cleveland Clinic afferma che il consumo di alcolici la sera può far sentire maggiormente il bisogno di urinare nel cuore della notte. Secondo Schaeffer, un ormone antidiuretico “naturalmente secreto” impedisce di produrre più liquidi. “L’alcol, tra l’altro, inibisce questo ormone, ed è per questo che l’alcol prima di andare a letto è un’ottima ricetta per doversi alzare e fare pipì per due motivi: si ottiene il liquido nella bevanda e poi si ottiene una molecola che inibisce il rilascio dell’ormone antidiuretico”, ha spiegato Attia. “Assolutamente, il classico per questo è la birra, perché è una bevanda con un volume di liquidi più elevato”, ha spiegato Schaeffer. Il “picco” dell’ormone antidiuretico diminuisce con il passare dei decenni, ha continuato. 3. Le calze fino alle ginocchia possono essere utili Secondo Schaeffer, l’edema periferico, ovvero l’accumulo di liquidi nelle gambe, può influire sulla frequenza della minzione sia negli uomini che nelle donne. Secondo Schaeffer, il fluido può fuoriuscire ed entrare nello spazio vascolare quando ci si sdraia di notte, cosa che i reni possono interpretare come “aumento del fluido”. Secondo Schaeffer, anche un moderato edema periferico è una delle principali cause di frequenti urine notturne. “Una delle modifiche comportamentali è… calze alte al ginocchio per le persone che, se le vedo alle 8, 9, 10 del mattino e hanno un edema, un qualsiasi tipo di segno intorno alle calze, le incoraggio caldamente a farlo”, ha affermato. “Dico alle persone che se si alzano due volte a notte e hanno un po’ di edema, con alcune modifiche comportamentali, possiamo ridurre la frequenza urinaria notturna di circa una volta: si può passare da due volte a notte a una volta a notte semplicemente cambiando ciò che si beve e indossando le calze TED”, ha proseguito. Anche se questo consiglio potrebbe non essere valido per tutti, ha sottolineato che può portare benefici alle persone senza richiedere l’assunzione di numerose prescrizioni. [...]
panty mask banner