Decodificare i graffiti sulle pareti dei bagni dei pub

“Sono innamorato del mio amico e non sono pentito”. “Iscriviti a un sindacato”. “I cani dovrebbero poter votare”. “DIRITTO ALL’ABORTO”. “Non fidatevi degli uomini emo del Midwest!”.

Come riporta il Guardian, questi sono tutti scarabocchi trovati nei bagni delle donne del tradizionale Rutland Arms di Sheffield, un pub dai mattoni gialli. I residenti dai capelli grigi si mescolano agli studenti dai capelli blu in questo locale affidabile e caldo, dove la pinta più economica costa 3,30 sterline.

I bagni sono interamente ricoperti di graffiti, come in molti pub della nazione. Le pareti, i soffitti e le porte ne sono ricoperti. I proclami di emancipazione femminile si intersecano con le confessioni di autolesionismo. Questa rete di relazioni enigmatiche è al tempo stesso accattivante e rassicurante, ma anche inquietante e spettrale. I bagni maschili sono decorati in modo simile, con scritte indistinguibili in tutti i colori dell’arcobaleno accanto a dichiarazioni introspettive.

I bagni dei pub sono spazi sia pubblici che privati, quindi anche se è improbabile che qualcuno venga sorpreso a fare graffiti, è molto probabile che il suo lavoro venga notato. Gli studiosi si riferiscono ai segni prodotti nei bagni pubblici come latrinalia. Per secoli, gli individui sono stati affascinati da questo argomento. Anche se il folklorista americano Alan Dundes ha usato per la prima volta il termine nel suo saggio del 1966, Here I Sit. Graffiti scatologici sono stati trovati anche nelle latrine di Pompei.

Sono state proposte numerose teorie sul perché aggiungiamo questi scarabocchi. Si va dal suggerimento dei teorici dell’identità sociale secondo cui servirebbero ad accentuare le caratteristiche stereotipate di genere nei bagni appartati alle interpretazioni psicoanalitiche dei graffiti dei bagni come forma di “espressione fallica”. Numerose ricerche sui latrinalia provenienti da Cina, Zimbabwe, Giordania, Canada, Cuba e altri Paesi hanno esaminato i graffiti trovati nei bagni delle università.

Al di là delle teorie, però, c’è sicuramente qualcosa da dire sul fatto di trovarsi in uno spazio ristretto ed esprimersi in modo inappropriato o vulnerabile come si vuole.

“In qualsiasi periodo storico, c’è la necessità di lasciare un segno, un’espressione, e di avere la sensazione che la gente possa sentirti”, dice Richard Clay, professore di culture digitali all’Università di Newcastle, che ha scritto e presentato il documentario A Brief History of Graffiti. ” Il bagno è uno spazio in cui si può fare questo discorso un po’ trasgressivo, che spesso è vestito di umorismo”.

>>>  Una tecnica virale per fare la cacca in pochi minuti

I bagni dei pub sono luoghi davvero unici, se mettiamo da parte l’aspetto corporeo. Le persone possono fare graffiti in questi luoghi con tranquillità, poiché si tratta di un caso unico di luogo sia pubblico che privato, che aumenta la probabilità che il loro lavoro venga notato piuttosto che scoperto. Quando un luogo sceglie di accettare i suoi graffiti, nasce un dialogo spesso politico.

Per Clay, queste conversazioni sono manifestazioni della cultura underground che si è sviluppata intorno al luogo: “Hanno un loro gruppo autoselezionato che condivide più o meno valori e gusti musicali simili, quindi si ottiene un’istantanea di un momento della vita di uno specifico interesse pubblico”.

Le immagini possono essere divertenti, toccanti o spaventose. Nel nord-est di Londra si possono trovare molti graffiti che riguardano i tatuatori, il riscaldamento globale e i padroni di casa.

Una nota sul muro di The Crooked Billet, un pub popolare per i giovani professionisti e creativi nel quartiere gentrificato di Clapton, dice: “Per favore prendete in considerazione uno stile di vita vegano per gli animali e il nostro pianeta… grazie”. La parola “vegano” è cancellate e al loro posto c’è scritto “bacon” con un deciso pennarello nero. La riga successiva è stata scritta con una penna a sfera chiara: “Ragazza stai zitta, scommetto che ti fai di coca”.

La maggior parte degli studi sulla latrinalia ha di solito confrontato i graffiti nei bagni maschili e femminili, perché i bagni misti sono diventati più diffusi solo negli ultimi dieci anni. Gli scarabocchi nei bagni delle donne tendono a essere più vulnerabili, a discutere di relazioni e a dimostrare solidarietà, mentre gli uomini sono più propensi a scrivere messaggi dispregiativi e a fare disegni.

James A. Green ha osservato quanto segue nella sua analisi del 2003 di 723 iscrizioni provenienti dalla biblioteca centrale dell’Università di Otago in Nuova Zelanda: “Le donne discutevano di aspetto fisico più di quanto non facessero gli uomini. C’era anche una differenza nell’obiettivo: le femmine elencavano la loro altezza e il loro peso, mentre i maschi elencavano le dimensioni del loro pene”. Lo stesso documento affermava anche che gli argomenti più dominanti nei bagni maschili erano la politica e le tasse, mentre le iscrizioni nei bagni femminili tendevano a chiedere consigli personali e, tristemente, “discutevano su quale preciso gesto costituisca uno stupro”.

>>>  L'asse del cesso di Hitler venduto all'asta

Dopo vent’anni, cosa è cambiato? È difficile esserne certi. Non si è scritto molto sui graffiti nei bagni misti, ma è ovvio che ci sono nuove discussioni. “Servizi igienici separati per genere, perché?”, si legge in una scritta in stampatello affissa nel bagno delle donne del Dog House di Edimburgo.

Gli uomini tendono a scarabocchiare parole offensive e a fare disegni nei bagni delle donne, mentre gli scarabocchi delle donne esprimono vulnerabilità e solidarietà.

Al Ventoux, un vivace pub di Edimburgo con vasche per pesci alle pareti e biciclette sul soffitto, qualcuno scrive nei bagni femminili: “Le donne trans sono donne”. Un’altra penna cancella l’ultimo “wo” di “women”, trasformando la parola in “men”, prima che qualcuno riscriva definitivamente “wo” con uno spesso pennarello rosso. Dall’altra parte della città, a Marchmont, nel The Argyle and Cellar Bar, una porta del bagno delle donne riporta: “Una persona transgender ha fatto pipì in questo bagno e non è successo nulla di male… non siamo i vostri capri espiatori e non ce ne andremo mai”.

Il motivo per cui la maggior parte dei locali controlla i graffiti è l’incitamento all’odio. Il co-proprietario e direttore generale del Rutland Arms, Chris Bamford, aggiunge: “Ci sono state alcune cose che ci hanno sorpreso per il fatto di essere transfobiche o simili, in un pub che è molto solidale”. “Se qualcosa è offensivo, ce ne liberiamo”.

Oltre a esporre alcuni degli argomenti più divisivi della nostra cultura, i graffiti sui bagni hanno anche un tono malinconico. Nei bagni femminili si parla spesso di depressione, solitudine e sopravvivenza alla violenza sessuale. All’Art Bar, che si trova vicino all’istituto d’arte di Dundee, è affisso un avviso che mette in guardia dai potenziali predatori del quartiere. Tuttavia, potrebbe anche esserci un certo conforto nel vedere estranei che interagiscono con la loro comunità—pensateli come amici non identificati—che interagiscono con loro.

Jodie, 25 anni, di Edimburgo, stava trascorrendo una serata in una discoteca nell’est di Londra quando ha notato dei graffiti in un bagno fatiscente. La domanda “Stai passando una bella serata?” era scritta su due colonne etichettate “Sì” e “No”, con commenti di sostegno intorno. In ognuna delle due colonne sono stati fatti venti o più segni di conteggio; alcuni sono stati graffiati e altri sono stati scritti con vari colori a penna o rossetto.

>>>  Un gabinetto ispirato ai Metallica

“Nel corso della serata, si vedevano aggiungere diversi segni di conteggio e ci si sentiva parte della serata in un modo più ampio rispetto agli amici con cui si era venuti, in questa comunità di collaboratori”, racconta Jodie. “L’aspetto importante è che i commenti erano tutti molto vari, quindi c’erano molte persone che avevano vissuto la stessa serata, ma con esperienze diverse. Ti faceva sentire come se qualsiasi cosa provassi quella sera fosse considerata valida”. Più tardi, quella sera, Jodie è tornata nello stesso angolo con l’eyeliner in mano. “Ho segnato la colonna ‘Sì’, ma ricordo di aver pensato che ero stata in serate in cui non mi ero divertita molto, e vedere quella [la colonna ‘No’] mi avrebbe davvero fatto sentire più felice o meno sola”.

‘È una distruzione dell’anima avere un solo cliente il sabato’: È finita la festa per i pub e i club del Regno Unito?

Diventa più difficile identificare i locali nel Regno Unito. I locali si stanno rinnovando e ogni segno di danneggiamento viene rapidamente cancellato, mentre la gentrificazione si insinua in un numero sempre maggiore di aree delle città. E gli spazi stessi stanno diminuendo. Oltre 150 bar hanno chiuso in Inghilterra e Galles nei primi tre mesi del 2023 a causa dell’aumento dei costi energetici, mentre l’industria dei locali notturni ha registrato un calo delle vendite del 12% l’anno scorso, secondo i nuovi dati dell’Associazione delle Industrie del Tempo Notturno.

I graffiti che adornano le pareti dei nostri bagni rivelano il grado di riverenza che questi spazi hanno di notte. Per qualche motivo siamo spinti a connetterci in questi spazi scomodi e pieni di fetore, anche se possiamo nasconderci dietro le tastiere e trovare gruppi online. Forse perché latrinalia è così anonima e non mediata che ci sembra autenticamente appropriata. O forse perché parlare con degli sconosciuti può essere consolante nella sua solidarietà. I graffiti sui cessi, in qualsiasi forma si presentino, sono come una lettera d’amore ai locali stessi, anche se consistono solo nel disegno di un pene.