La sorprendente scienza dietro la flatulenza umana

Abbiamo fatto ricerche in diversi campi, ma non si è mai smesso di analizzare le scoregge. Anche quando abbiamo capito che dentro di noi ci sono piccoli organismi che scoreggiano molto, abbiamo continuato a imparare nuove cose sulle scoregge.

6. Le scoregge durante la Seconda Guerra Mondiale rappresentavano un rischio per la salute

Secondo questo articolo, la Gran Bretagna temeva di essere completamente tagliata fuori dal commercio internazionale durante la Seconda Guerra Mondiale. Le carestie di massa derivano dall’isolamento delle città durante l’assedio e, sebbene le isole britanniche nel loro complesso fossero più autosufficienti di una singola città, dipendevano comunque dalle importazioni di cibo, soprattutto di carne. Il popolo britannico avrebbe sofferto la fame se il commercio fosse cessato? Avrebbero dovuto mettere al primo posto i bisogni dei lavoratori essenziali e lasciare che gli altri morissero?

A otto volontari è stato dato l’unico cibo che la nazione poteva realisticamente fornire a tutti i cittadini, e questo è stato testato dagli scienziati di Cambridge nel corso di tre mesi. Ogni settimana hanno consumato mezzo chilo di carne, un uovo e mezza tazza di latte. Dovevano mangiare patate e verdure per riempire il resto dello stomaco. Consumavano anche molto pane, ma senza burro per coprirlo.

È interessante notare che nessuno dei mangiatori ha riscontrato un deficit di proteine o di sostanze nutritive e hanno avuto molta energia per svolgere la loro vita quotidiana e persino per fare un’intensa attività fisica. La loro principale lamentela era l’eccessiva quantità di tempo che dovevano trascorrere mangiando, perché dovevano consumare molti pasti ad alta densità calorica per compensare la perdita. Tutte quelle verdure voluminose hanno fatto sì che producessero il 250% di feci in più del solito. Le verdure li hanno anche fatti scoreggiare molto di più. I ricercatori sono stati costretti a riferire che l’aumento della flatulenza era “notevole” perché non l’avevano previsto e non avevano previsto un metodo per documentare quantitativamente l’aumento di gas.

>>>  Il Signore degli Anelli. Quando tirava una "brutta aria"

In definitiva, anche se il cibo fu razionato in Gran Bretagna sia durante che dopo la guerra, non fu mai completamente tagliato fuori, come si temeva. La dieta di Cambridge non fu mai richiesta e le maschere antigas che i civili portavano con sé si rivelarono superflue.

5. La caccia al campione di scoregge

Le vostre scoregge raccontano la vera storia della vostra salute. È molto probabile che abbiate notato un cambiamento nell’odore delle vostre flatulenze dopo un inconveniente intestinale. Più precisamente, le diverse composizioni di idrogeno, metano e idrogeno solforato indicano la salute del vostro microbioma. L’unico problema è che le scoregge rivelano solo ciò che si trova nell’ultimo metro circa del colon. Anche se le scoregge non lo mostrano, anche il resto dell’apparato digerente è pieno di gas.

Gli scienziati sono stati storicamente in grado di campionare questo gas non sfruttato esaminando il respiro. In effetti, parte del gas presente nell’intestino crasso passa nel flusso sanguigno ed esce dai polmoni.

Ma stiamo sviluppando un nuovo approccio. Quando si ingerisce una pillola dotata di sensori, questa preleva campioni di gas in momenti diversi e comunica i risultati a un computer tablet collegato. Questo approccio in pillole non è una tecnica invasiva per esaminare il colon e potrebbe essere in grado di identificare i primi segni di cancro.

4. Prova di un dispositivo anti scoreggia

Presso il Minneapolis Veterans Affairs Medical Center sono presenti numerose questioni mediche che possono essere oggetto di ricerca. Per esempio, nel 1998 hanno affrontato il tema delle scoregge maleodoranti. Dopo aver somministrato ai partecipanti allo studio fagioli pinto per indurre la flatulenza, hanno utilizzato tubi rettali per raccogliere il gas. Questi diversi campioni di gas sono stati poi fatti passare attraverso una serie di materiali. Un gruppo di giudici ha valutato i gas trattati, assegnando a ciascuno un punteggio da “nessun odore” a “molto sgradevole” su una scala di nove punti.

>>>  Si può ruttare e scoreggiare nello stesso momento?

Le sostanze migliori per neutralizzare l’odore di scoreggia sono state l’acetato di zinco, che reagisce con l’idrogeno solforato, e il carbone attivo, un tradizionale assorbitore di odori. Anche se la biancheria intima anti-peto è attualmente disponibile per l’acquisto, gli scienziati hanno ritenuto che fosse eccessivamente ingombrante e che i risultati della loro indagine potrebbero portare a prodotti migliori.

Il sondaggio ha anche rivelato se i giudici preferiscono l’odore delle scoregge femminili o maschili, anche se questo non era il risultato previsto. Le scoregge femminili sono state costantemente classificate peggio dai giudici nel test olfattivo alla cieca. Gli uomini producono più gas delle donne; quindi, di fatto, il grado di repellenza di una scoreggia dipende sia dalla quantità che dal contenuto del gas.

3. I suoni delle scoregge sono rivelatori

Grazie alle videoconferenze, non è più necessario viaggiare tanto per gli incontri professionali di persona. Le visite mediche sono un’eccezione. È possibile ottenere una prescrizione medica, rispondere a domande al telefono e persino chiedere al medico di dare un’occhiata a distanza per verificare se i vostri genitali sono così strani come credete. Tuttavia, ci sono delle limitazioni.

Ma cosa succederebbe se un giorno poteste scoreggiare in un’app e scoprire cosa c’è di sbagliato in voi? Anche se non ci siamo ancora, gli scienziati del Georgia Institute of Technology hanno creato una presentazione intitolata “Minzione, defecazione, flatulenza e diarrea: Le quattro stagioni dell’acustica sanitaria” per discutere i potenziali sviluppi in questo campo. Hanno presentato la Synthetic Human Acoustic Reproduction Testing Machine, un generatore artificiale di suoni corporali, per illustrare come questi rumori possano suggerire malattie.

Gli scienziati hanno suggerito di utilizzare questo approccio per tracciare tutti i comportamenti intestinali nei bagni pubblici, al fine di individuare eventuali aumenti dei disturbi diarroici, oltre a fornire consulenze volontarie.

2. Espulsione del flatus ad alta quota

In questo articolo, il termine “scoreggia” è stato utilizzato al posto di qualsiasi alternativa medica. Per quanto ne sappiamo, non esiste un termine clinico sostitutivo. “Flatulenza” è il verbo che indica la scoreggia, anche se non esiste un termine sostitutivo diretto. “Espellere il flatus” è il termine formale.

>>>  Le scoregge di Adolf Hitler

L’espulsione di flatus ad alta quota, o HAFE (high-altitude flatus expulsion)high-altitude flatus expulsion, è qualcosa che dovreste essere in grado di definire da soli. Si tratta del fenomeno che porta a scoreggiare di più quando ci si trova ad alta quota, come la cima di una montagna. Gli scalatori lo chiamano “ragno che abbaia delle Montagne Rocciose“.

Chi riscontra questo problema può prendere in considerazione l’uso di enzimi digestivi o del popolare farmaco anti-gas simeticone. Per questo motivo è necessario avere sempre a portata di mano dell’ossigeno supplementare nel caso in cui qualcuno vicino a noi soffra di HAFE mentre stiamo scalando.

1. La biancheria intima ci protegge dai germi delle scoregge?

Un’infermiera australiana ha chiesto al medico australiano Karl Kruszelnicki se stava diffondendo germi quando ha scoreggiato in sala operatoria. È corretto che i membri del personale ospedaliero si coprano il viso con delle mascherine ma non il sedere? In alternativa, si coprono il sedere con diversi strati di stoffa, ma poiché questo ovviamente non impedisce l’odore associato alle scoregge, impedisce anche i germi?

Per condurre un esperimento, Kruszelnicki ha fatto scoreggiare un collega in due piastre di Petri. L’una è stata riempita di peti senza alcuna schermatura anale, mentre l’altra ha scoreggiato sulla prima attraverso i pantaloni e la biancheria intima. Nessun batterio è cresciuto sul flatus filtrato. Ma poco dopo, nella seconda piastra sono apparse due colonie batteriche visibili a occhio nudo.

È quindi vero che i batteri delle scoregge vengono catturati dagli indumenti normali prima che abbiano la possibilità di diffondersi. Tuttavia, anche i germi che si sono sviluppati nella seconda piastra non rappresentano una minaccia. Ciò significa che non dovete preoccuparvi se vi capita spesso che qualcuno vi scoreggi in faccia. Nessuno vi sta dicendo di modificare il vostro comportamento.