Arte e intrattenimento con le scoregge

Le scoregge sono vecchie come il mondo, ma forse non sapete che l’arte di divertirsi con esse non è poi così nuova.

Come qui riportato, Sant’Agostino descrisse degli intrattenitori di strada in Algeria nel V secolo che avevano un tale controllo delle loro viscere da poter scoreggiare continuamente a piacimento, in modo da generare l’effetto del canto ne La città di Dio. Anche William Langland, nel suo poema Piers Plowman del XIV secolo, fornisce esempi di intrattenitori di successo in grado di scoreggiare in modo divertente durante le feste.

Questi individui erano conosciuti come “braigetor” nell’Irlanda medievale e “heppiri otoko” (“uomini che scoreggiano”) nel Giappone del periodo Edo (1603 – 1868). Questo lavoro veniva chiamato in inglese “flatulist”, “fartist” o semplicemente “farter” (scoreggione), e si dice che il giullare di re Enrico II fosse così abile in questo lavoro da riuscire ad avanzare allo status di nobiltà terriera grazie alla sua abilità con il gas.

Durante l’annuale esibizione natalizia davanti al re, Roland le Petour, noto anche come “lo Scoreggione”, fu ingaggiato per fare “Unum saltum e siffletum et unum bumbulum” (un salto, un fischio e una scoreggia). Roland ricevette un maniero nel Suffolk e trenta acri di terra in cambio della gestione di due terzi della routine mattutina del cane. Su queste terre, probabilmente, piantò molti cavoli per evitare che la gente continuasse a chiedersi cosa fosse quello strano odore. Joseph Pujol, spesso conosciuto come Le Pétomane (“Il petomane”), era un intrattenitore francese che ottenne più successo di Ronald grazie all’arte di sniffare.

Pujol, nato a Marsiglia a metà del XIX secolo, aveva muscoli dello sfintere anale eccezionalmente forti che gli permettevano di assorbire enormi quantità di aria o acqua attraverso l’ano. Si trasferisce a Parigi e viene assunto come performer al rinomato Moulin Rouge.

Il direttore del locale non chiamò la sicurezza e disse: “Voglio vedere come va a finire”. Secondo diverse fonti, prima dell’intervista si è tolto i pantaloni e si è fatto un clistere. Una volta pronto, Pujol ha dimostrato di saper scoreggiare a comando ed è stato immediatamente assunto.

Grazie alle sue doti di “trombettista”, Joseph Pujol divenne rapidamente l’artista più pagato di tutta la Francia. Era in grado di eseguire trucchi come suonare “O Sole Mio” tenendo un’ocarina tra le chiappe, fare versi di animali con il sedere, usare le sue incredibili scoregge su una candela da una distanza di molti metri e altro ancora.

>>>  Le Tesla sanno scoreggiare

A causa dell’impiego della guerra chimica durante la Prima Guerra Mondiale, al momento del suo pensionamento la commedia a base di gas non era più considerata tale. Tuttavia, la leggenda di Le Pétomane è rimasta grazie ai film.

In Islanda invece, alcune delle arti oscure, come l’incantesimo del volo menzionato nel Libro islandese della stregoneria, erano malvagie quanto i serial killer.

Tuttavia, questo non significa che la magia islandese non avesse un lato più umoristico. Esistevano infatti incantesimi che potevano presumibilmente far scoreggiare qualcuno in modo incontrollato per esempio. Nel XVII secolo si veniva addirittura perseguiti in tribunale per aver maledetto qualcuno con le rune delle scoregge “Fretrnir”! Purtroppo l’accusato veniva giustiziato con il rogo dopo essere stato riconosciuto colpevole di scoreggiomanzia.

Il sacerdote locale Jón Magnússon accusò due membri della sua congregazione, Jón Jónsson il Vecchio e Jón Jónsson il Giovane, di aver accumulato le scorte strategiche di Jon per la comunità durante il processo di Kirkjuból del 1656. E di aver usato la magia per far ammalare lui e un’altra ragazza. Per qualche motivo, i Quattro Jon avrebbero utilizzato incantesimi tratti da un libro di magia per umiliare Magnússon, trasformando la sua vasca da bagno in una jacuzzi a scoregge e facendogli provare dolori addominali lancinanti.

Il Galdrabók, un grimorio con 47 incantesimi, sigilli e pentagrammi per ogni situazione, era probabilmente il libro in questione. Le rune del peto Fretrnir devono essere iscritte con il sangue su pelle di vitello bianca mentre si recita la seguente maledizione: “Io ti incido, che sono per tormentare il tuo ventre con terribili cagate e dolori lancinanti, possano tutte queste rune affliggere il tuo ventre con violente scoregge”.

Quando i Jónsson ammisero il crimine, furono condannati come colpevoli. Probabilmente si trattava di una coincidenza dopo sette mesi di carcere. Magnússon acquistò quindi tutti i beni dei Jónson. Tuttavia, c’è una sorta di lieto fine per l’intera vicenda, perché Magnússon in seguito sostenne che Thuridur, figlia di Jónsson il Vecchio, aveva usato le rune delle scoregge contro di lui, ma la richiesta fu poi respinta. Thuridur presentò quindi una contro-denuncia e ottenne come risarcimento tutte le proprietà di Magnússon.

>>>  Attenti alla scoreggia laser del cane

La pergamena qui sopra invece, risalente alla metà del XIX secolo, mostra 15 scene di persone che si chinano e sprigionano gas l’uno sull’altro: su animali o su chiunque altro ostacoli la loro abilità nella Via delle Chiappe Tonanti. Il rotolo raffigura numerose scene legate alle scoregge, tra cui individui che usano ventagli per ripararsi dall’assalto puzzolente e persone che scoreggiano mentre sono a cavallo. Con i loro ruggiti posteriori, anche le donne si uniscono all’azione delle scoregge.

Ci sono diverse idee su cosa rappresenti He-Gassen, ma la più popolare sostiene che fosse destinato a prendere in giro lo shogunato Tokugawa per essersi costantemente rifiutato di aprire il Paese al mondo esterno (ma prima di giudicare, tenete presente che la prolungata strategia isolazionista dello shogunato alla fine ha dato origine ai quattro assassini più letali della storia del Giappone). Alla fine il rotolo ha guadagnato molta popolarità semplicemente perché era umoristico, non perché contenesse metafore sofisticate. Non importa quanto indietro nel tempo si vada, sembra che le persone abbiano sempre trovato divertenti le scoregge.

Questo era vero sia nel Giappone del XIX secolo che nelle famose commedie e canzoni piene di scoregge di Thomas d’Urfey del XVII e XVIII secolo in Inghilterra. Però è interessante notare come nelle opere di d’Urfey solo le donne scoreggiassero. Come nei He-Gassen, alcuni hanno cercato di interpretare questa flatulenza femminile fittizia in modo più profondo, anche se pesi massimi della letteratura come Jonathan Swift (autore dei Viaggi di Gulliver) non erano tra questi. Swift definiva le opere di d’Urfey “escrementi” e l’ironia del fatto che nessuno se ne preoccupasse doveva ucciderlo. Cinque diversi re erano fan di Thomas d’Urfey e il pubblico adorava le sue opere.

Tuttavia, ci sono casi in cui l’arte è stata utilizzata per commenti politici senza alcuno scopo umoristico. Nel 1545 Martin Lutero commissionò all’artista Lucas Cranach il Vecchio un’opera che criticasse la Chiesa cattolica e il papato. Una delle xilografie di Cranach, Il Belvedere Papale, mostrava Papa Paolo III che veniva preso a scorregge da due contadini come rappresentazione di ciò che il fondatore del protestantesimo pensava del pontefice. Se all’epoca ci fosse stato il gioco di parole, probabilmente si sarebbe riferito a loro come al “poo-ntiff” (pontefice), e Lutero aveva usato l’inglese piuttosto che il tedesco o il latino.

>>>  Antichi vasi romani come vasi da notte
Cranach

La cosa interessante di Jonathan Swift è che non snobbava d’Urfey perché scriveva di “aria puzzolente”. Credeva semplicemente che d’Urfey non fosse molto abile in questo campo. Swift aveva a cuore la bonaria scemenza. Scrisse anche una parodia de Il beneficio del digiuno del vescovo di Down and Connor nel 1722, intitolata Il beneficio della scoreggia spiegato.

Dato che “crack” era il gergo settecentesco per indicare i badonkahonks, Swift lo scrisse addirittura con lo pseudonimo di “Don Fartinando Puff-Indorst, Professore di Bumbast nell’Università di Crackow”, che contiene un totale di 4 giochi di parole sulle scoregge. Come d’Urfey, anche Swift si divertiva a scrivere di donne che scoreggiavano, ma in questo caso il significato era riferito a quanto le donne parlassero e di come tutto ciò si riducesse a una scoreggia al vento.

La descrizione di Geoffrey Chaucer di Satana che scoreggia 20.000 monaci dal suo Belzebù nel “Racconto dell’evocatore” dai Racconti di Canterbury del XIV secolo, mette Swift in una posizione straordinaria per la sua inclinazione a trovare arte nelle scoregge. Persino Shakespeare usò occasionalmente il gas esilarante nelle sue opere, come quando introdusse Granchio il cane scorreggione ne I due gentiluomini di Verona.

Secondo John Aubrey, la regina Elisabetta riusciva sempre a trovare divertimento in una buona scoreggia, quindi l’opera era senza dubbio una delle sue preferite. La storia di Edward de Vere, diciassettesimo conte di Oxford, che una volta scoreggiò davanti alla regina Elisabetta e ne fu così umiliato da andare in esilio volontario per sette anni, è ricordata da Aubrey nella sua raccolta di racconti Brief Lives.

Il Principe di Galles, il Re Leopoldo II del Belgio e Sigmund Freud erano tra gli ammiratori di Pujol. Si dice che quest’ultimo tenesse una fotografia di Pujol appesa alla parete e lo usasse come esempio per stabilire la sua teoria della fissazione anale.

Thomas Edison, che era un ammiratore e che ha memorizzato alcuni dei successi di Pujol su pellicola, è un altro motivo per cui è ancora oggi così conosciuto.