Lo studio Schemata Architects di Tokyo dà nuova vita al sentō

Il sentō giapponese (銭湩) è una sorta di bagno pubblico tradizionale dove le persone si recano per rilassarsi e fare il bagno. In Giappone, questi bagni hanno una lunga storia e sono molto importanti dal punto di vista culturale.

In genere, un sentō ha spazi distinti destinati alle esigenze maschili e femminili. È un’area condivisa per riposare, socializzare e fare il bagno. Quando visitano un sentō, gli ospiti si cambiano nella zona bagno dopo essersi tolti i vestiti nello spogliatoio. Una volta entrati, fanno un bagno caldo comune dopo essersi puliti adeguatamente nelle singole postazioni.

Inoltre, molti sentō offrono diversi tipi di bagni, come vasche calde, bagni freddi e persino saune. La maggior parte dell’acqua è riscaldata, ma alcune stazioni offrono anche acqua ricca di minerali, che si dice abbia effetti benefici sulla salute. La gente del posto ama i sentō per le loro qualità curative e comunitarie.

I sentō hanno una lunga storia che inizia nell’antico Giappone. Dalla loro fondazione durante il periodo Nara (710-794), hanno svolto un ruolo cruciale nella cultura giapponese. I sentō, o bagni pubblici, divennero sempre più diffusi durante il periodo Edo (1603-1868). La popolazione del Giappone aumentò durante questo periodo e molti luoghi avevano un accesso limitato all’acqua potabile.

Di conseguenza, i bagni pubblici fungevano da centri essenziali per l’interazione sociale e i servizi igienici. Anche se le moderne case giapponesi dispongono sempre più spesso di bagni privati, i sentō mantengono il loro significato culturale e sociale. Per chi ha spazi abitativi più piccoli o preferisce un’atmosfera sociale, sono comunque un’alternativa desiderabile.

>>>  Le nuove tecnologie per il bagno dell'azienda Kohler per il 2021

I sentō hanno spesso caratteristiche architettoniche e di design uniche, come tende vivaci, noren (divisori in tessuto) e talvolta piastrelle o murales creativi. Il prezzo d’ingresso di un sentō è in genere abbastanza ragionevole, il che rende possibile la visita a un gran numero di persone.

Sebbene il numero di sentō sia diminuito a causa del cambiamento delle pratiche da bagno, alcuni bagni tradizionali sono sopravvissuti e attirano turisti desiderosi di partecipare a questa usanza culturale. I sentō hanno visto un aumento di popolarità negli ultimi tempi e sono stati fatti dei tentativi per aggiornarli e ringiovanirli. Alcuni sentō sono ora dotati di comfort moderni, pur mantenendo il loro fascino originale.

Tuttavia, a Lucio Modesto, un vecchio ingegnere termale romano, si è presentata l’opportunità di impadronirsi delle invenzioni di uno stabilimento balneare pubblico giapponese e di trasportarle indietro nel tempo quando vi si è trovato inaspettatamente. Questo è quanto viene rappresentato nel manga Thermae Romae di Mari Yamazaki, che accompagna il lettore in un viaggio nell’affascinante mondo dei sentō.

Secondo questo articolo, l’antico sentō di Tokyo, Koganeyu, ha deciso di reinventarsi. Mentre le piscine storiche sono conservate nel rispetto della tradizione, l’idea di Schemata Architects incorpora caratteristiche più contemporanee per attirare un pubblico eterogeneo, come una sauna e un beer bar, che sfruttano gli spazi liberi del magazzino e della sala macchine.

Come nei sentō tradizionali, l’area della piscina principale è divisa simmetricamente in parti maschili e femminili da un muro alto 2,25 metri e aperto all’estremità. Questa caratteristica è stata utilizzata per facilitare la comunicazione tra le due regioni. La sezione in questione ha vasche con temperature diverse, da quella medicata a quella calda, e accanto alla sauna c’è una piccola vasca di acqua fredda collegata all’esterno.

>>>  Porte dei bagni apribili col gomito per maggiore igiene

L’opera di Yoriko Hoshi è esposta lungo le due regioni degli interni, che sono rivestiti di piastrelle beige chiaro e cemento e comprendono un murale con il Monte Fuji sullo sfondo. L’area comprende anche uno spogliatoio con tende divisorie disegnate da Iichiro Tanaka e arredi in legno, oltre a un’area di benvenuto in bandai (piastrelle beige) all’ingresso con un bar per la birra.

Foto di Yurika Kono