Robot telecomandati piccoli come una pulce

Anche se non sembra, il campo delle nanotecnologie si sta sviluppando rapidamente, così come la robotica. Alla Northwestern University, gli ingegneri hanno sviluppato dei minuscoli robot che camminano e che assomigliano a granchi e sono i più piccoli robot telecomandati mai costruiti. Anche se in questo caso non si può parlare di nanotecnologia, poiché sono di dimensioni millimetriche, possono essere utilizzati per attività simili come: muoversi in spazi minuscoli ed effettuare riparazioni.

micro-robot crab

Come riportato, questi robot hanno dimensioni di mezzo millimetro e sono stati rivelati per la prima volta sulla rivista Science Robotics. Oltre a camminare, sono in grado di strisciare, torcersi, piegarsi, girare e anche saltare.

John Rogers, uno scienziato di bioelettronica che ha guidato la ricerca, ha affermato che i micro-robot possono riparare o assemblare macchine, ma possono anche essere utili per la chirurgia, in quanto possono liberare le arterie ostruite, fermare le emorragie interne o eliminare i tumori maligni senza procedure invasive.

Sono fatti di silicio ultrasottile e di materiale elastico in modo da poter cambiare forma quando vengono riscaldati da un raggio laser. Quando invece si raffreddano, il materiale ritorna al suo stato originale, facendoli muovere. È così che si crea l’effetto di movimento. In più, grazie alle loro minuscole dimensioni, possono raggiungere una velocità media pari alla metà della lunghezza del loro corpo al secondo.

I robot granchio sono stati creati con una tecnica che imita i libri pop-up per bambini. Si parte da una superficie piatta in 2D, poi si rilascia una tensione che fa emergere la struttura in 3D. Con questo approccio, i ricercatori hanno prodotto forme diverse come: pavoni, fiori, stelle filanti, cesti, stelle marine, ecc. I robot invece sono stati sviluppati anche in altre forme oltre a quella di granchio: vermi, grilli e coleotteri.

Questa tecnica offre diversi vantaggi rispetto alla stampa 3D: ad esempio, è veloce, poco costosa e può essere utilizzata per creare strutture diverse in una sola volta con materiali diversi. Inoltre, può incorporare molti materiali in un’unica struttura ibrida a livello micro e nano. D’altro canto, la stampa 3D non può integrare più di un materiale ed è difficile stampare semiconduttori o metalli cristallini, per non parlare della lentezza del processo.

>>>  Che cos'è il Perturbante e perché lo sperimentiamo?

Perciò, con questa tecnica è possibile costruire robot di qualsiasi forma e dimensione.

Tuttavia, questo progetto non è stato il primo esperimento. La Northwestern University aveva già sviluppato un minuscolo insetto a forma di mosca delle dimensioni di un granello di sabbia, chiamato microflier, in grado di operare senza motore e di volare attraverso il vento con un’elica come un elicottero.

Il microflier può essere dotato di sensori, fonti di alimentazione o antenne per la comunicazione e la memorizzazione dei dati. L’obiettivo è quello di rilevare l’ambiente per il monitoraggio di contaminazioni, la sorveglianza della popolazione o il tracciamento di malattie.

Anche se i micro-robot e le nanotecnologie potrebbero aiutare il settore medico con interventi chirurgici meno invasivi e l’ambiente con un monitoraggio più accurato, non c’è dubbio che tutto ciò potrebbe essere più spaventoso dei robot. I minuscoli dispositivi potrebbero essere molto pericolosi perché potrebbero diventare armi invisibili. Oltre a curare, potrebbero uccidere senza lasciare traccia. Allo stesso tempo, si potrebbe spiare chiunque senza che nessuno se ne accorga. E che dire dell’ambiente? Potrebbero esserci benefici, ma anche conseguenze devastanti se questa tecnologia perdesse il controllo o se qualcuno facesse danni di proposito. Ecco perché con il miglioramento della tecnologia aumentano i pericoli.