La ragione di questa nuova tendenza

Recentemente, gli utenti dei social media hanno consigliato di sostituire la scatola di bicarbonato di sodio nel retro del frigorifero con un rotolo di carta igienica.

Secondo questo sito, l’assorbenza della carta igienica è ciò che ha portato a questo espediente, secondo Ruiz Asri, editore di Honest Food Talks. Secondo Asri, l’umidità nel frigorifero causa spesso muffa e cattivi odori. Asri dice che la carta igienica assorbe l’umidità in eccesso e gli odori sgradevoli.

Il termine “carta igienica nel frigorifero” è apparso per la prima volta nel 2015. Tuttavia, i video apparsi su Facebook e TikTok nell’ultimo anno o giù di lì sembrano indicare che solo di recente è stata utilizzata specificamente come assorbitore di odori.

Tuttavia, anche se assorbe gli odori, esistono alternative più efficaci che richiedono meno spazio e attirano meno l’attenzione degli ospiti. Ecco quindi alcune tecniche alternative per combattere gli odori se volete qualcosa di più duraturo e compatto:

Per alcuni, il bicarbonato di sodio è il rimedio ideale. Negli anni ’70, quando il produttore Arm & Hammer lo propose come sostituto ecologico delle pulizie chimiche, divenne popolare. Nel 1994 il Los Angeles Times ha dichiarato che è molto più probabile trovare il bicarbonato di sodio nei frigoriferi che delle lampadine funzionanti.

Poiché il bicarbonato di sodio è una sostanza basica, neutralizza gli acidi. Dal momento che la maggior parte degli odori sono acidi, può eliminarli alla fonte. Tuttavia, dopo aver usato il bicarbonato di sodio per deodorare il frigorifero, evitate di usare il contenuto della scatola per cucinare. Questi acidi potrebbero riattivarsi durante la cottura, contaminando la torta.

>>>  L'inventore della carta igienica intelligente contro l'IDC

Il bicarbonato di sodio perde efficacia man mano che interagisce con altri acidi. Ogni tre mesi, la maggior parte delle persone ha bisogno di sostituirlo.

La fondatrice di My Chemical-Free House, Corinne Segura, biologa edile, ha una conoscenza diretta dei profumi del frigorifero.

“Quando il cibo andava a male nel mio frigorifero, lasciava un persistente cattivo odore”, racconta. “Ho usato l’olio di semi di cumino nero, che ha un effetto deodorante, per eliminare l’odore”.

Segura attribuisce questo risultato alla capacità dell’olio essenziale di neutralizzare la molecola di metilmercaptano che puzza di marcio.

“Ho mescolato cinque gocce di olio essenziale di cumino nero con un cucchiaio di sapone per piatti e l’ho applicato in uno strato spesso su tutti i componenti di plastica all’interno del frigorifero”, racconta. “Ho lasciato riposare per due ore prima di lavare via. Ha funzionato bene per eliminare i cattivi odori dal frigorifero”.

Come la carta igienica, il carbone attivo trattiene le particelle che producono i cattivi odori. Può essere acquistato in polvere, in filtri pretagliati o in tessuto personalizzabile. Riduce gli odori accumulando i composti volatili rilasciati dagli oggetti maleodoranti. Per mantenere il funzionamento del carbone, è necessario sostituirlo circa una volta al mese.

Asri ha un suggerimento molto delizioso per chi ama un aroma più gradevole, soprattutto intorno al cibo. “Imbevete un batuffolo di cotone nell’estratto di vaniglia e mettetelo in frigorifero”, dice. “In questo modo si combattono i cattivi odori e si lascia il frigorifero profumato come una pasticceria”.

Se però volete opzioni all’avanguardia, pensate di acquistare un frigorifero con un filtro a luce UV. Alexander Hill, rappresentante di vendita di Appliance Depot, con sede nel Regno Unito, afferma quanto segue.

>>>  Calciatori in preda alla "toilet paper challenge"

“La luce ultravioletta può distruggere batteri, muffe e altri agenti patogeni”, afferma Hill. “Alcuni depuratori di frigoriferi utilizzano la luce UV per igienizzare l’aria e le superfici all’interno del frigorifero, riducendo così la fonte di molti odori”.

Dal 2021, i filtri deodoranti UV sono un’opzione per frigoriferi come quelli della gamma Samsung Bespoke. I filtri UV sono disponibili anche su diverse linee di distributori d’acqua per uso interno di altri produttori.

Secondo Hill, questi filtri sono utili per i congelatori di grandi dimensioni o per i problemi che si verificano frequentemente quando l’assorbimento passivo degli odori potrebbe non essere sufficiente. I depuratori elettronici, secondo Hill, riducono anche i batteri e le muffe, rendendo l’ambiente di conservazione degli alimenti più fresco e forse più sicuro.

Per una pulizia profonda del frigorifero o del congelatore, utilizzate un prodotto cartaceo ancora meno costoso della carta igienica. Nel frigorifero che emana un odore particolarmente sgradevole vanno inseriti carbone sbriciolato e fogli di giornale accartocciati (si può trovare anche carta da giornale non stampata).

Il giornale dovrà essere cambiato ogni giorno per circa una settimana, ma è una soluzione economica a un problema maleodorante.