Secondo alcuni studi, gli uomini farebbero bene a sedersi per urinare

Grazie ai nuovi dati di YouGov, una società britannica di ricerche di mercato e analisi dei dati basata su Internet, è ora chiaro dove gli uomini in Europa sono più propensi a sedersi per urinare. Per conoscere le preferenze degli uomini in fatto di minzione, l’organizzazione britannica ha effettuato un sondaggio in 13 nazioni. I risultati hanno mostrato una chiara differenza globale tra uomini seduti e non seduti sul water nel fare pipì.

YouGov sostiene che, dopo che un giornalista ha fatto notare la mancanza di informazioni sul numero di uomini britannici che si siedono per urinare, è stata costretta a rimediare a questa omissione nelle sue statistiche. Nonostante le numerose affermazioni contrarie, si dice che questa pratica migliori i rapporti con le donne in casa nonché la salute fisica e mentale.

uomini sul cesso per far pipì

Secondo la ricerca di YouGov, gli uomini tedeschi sono i più propensi a sedersi per urinare; il 62% di loro afferma di farlo “ogni volta” o “la maggior parte delle volte”. Gli svedesi sono al secondo posto tra gli uomini europei più propensi a farlo. In Germania questi individui vengono chiamati “sitzpinkler“, termine che indica chi urina da seduto.

La questione se i maschi debbano stare in piedi o seduti è un argomento di discussione all’interno della nazione. Anche se il termine “sitzpinkler” suggerisce che non si tratti di un’azione virile, alcuni bagni hanno cartelli che vietano di alzarsi mentre si fa pipì. Solo il 27% e il 24% dei maschi in Polonia e nel Regno Unito, dove si trovano alcuni dei peggiori trasgressori, hanno urinato da seduti.

>>>  Un ex pilota spiega come andare in bagno in volo

Secondo alcuni studi, questa pratica è benefica per la salute dei maschi. Nel 2014, i ricercatori del Leiden University Medical Center hanno scoperto che consente uno svuotamento più rapido e completo della vescica, utile per le persone con prostata ingrossata e difficoltà nel tratto urinario inferiore.

Ci sono numerose giustificazioni per cui gli uomini dovrebbero sedersi, ad esempio perché in questo modo hanno il tempo di fermarsi e pensare in pace. I dati di YouGov hanno preso in esame anche Paesi di aree diverse dall’Europa, come Asia, Sud America e Oceania.

Secondo le statistiche, il 36% dei maschi messicani è stato il più propenso a dichiarare di non essersi mai seduto. L’Europa si è piazzata al secondo posto, a pari merito con la Polonia, con il 33% degli uomini britannici. L’Australia è al secondo posto tra i luoghi in cui gli uomini si siedono “sempre” per urinare, dopo la Germania, dove lo fa il 25% dei maschi. La tecnica migliora la salute e l’igiene domestica, riducendo la possibilità di spargere l’urina sul pavimento.

Tadd Truscott, un ingegnere meccanico americano, ha dichiarato al Guardian che c’è anche la possibilità che la pipì finisca sugli spazzolini circostanti a causa di “gocce satelliti” che schizzano via con “angoli molto ampi”. Nonostante l’urina sia spesso sterile, il giornalista sostiene che “le goccioline sono in grado di ospitare batteri”, tra cui anche escherichia coli proveniente dalle feci. In alcune regioni la tendenza è in aumento. Un’altra indagine del 2020 rivela che, al di fuori dell’Europa, il 70% degli uomini in Giappone fa la pipì, rispetto al 51% di cinque anni prima.

>>>  I veicoli alimentati a pipì potrebbero essere la prossima energia sostenibile

I maschi tedeschi di età superiore ai 55 anni hanno maggiori probabilità di sedersi sempre per urinare (49%) rispetto a quelli di età compresa tra i 18 e i 34 anni (28%). Lo schema è opposto nel Regno Unito. Con il 40% contro il 23%, gli uomini più anziani sono molto più propensi a dichiarare di non sedersi mai per urinare. Negli Stati Uniti (35% contro 21%) e in Australia (38% contro 24%) la situazione è la stessa.

Secondo alcuni ambienti femministi e di sinistra, sedersi per urinare è più attento alle donne, poiché ritengono che le nozioni patriarcali spingano gli uomini a comportarsi in modo più irrispettoso nei bagni. Le persone di destra possono sostenere che questa pratica equivale a un addomesticamento degli uomini, con la soppressione delle loro caratteristiche più “maschili” a scapito dei loro “comportamenti femminili”.