La cacca e le sue mille sfaccettature

Negli ultimi anni stiamo assistendo a un numero crescente di mostre sulla cacca. Abbiamo iniziato parlando del museo giapponese della cacca a Tokyo, ma presto siamo passati ad altre esposizioni come il museo italiano della m***a o la mostra sulla cacca a Rotterdam ad opera di Gelatin; per non parlare degli altri musei del gabinetto come in India, e del festival dell’arte del gabinetto a Leicester.

Tuttavia, secondo questo articolo, c’è un’altra mostra sulla cacca da ricordare che ha luogo a Québec City (Canada). L’idea è venuta a Coline Niess, responsabile del progetto espositivo del Musée de la Civilisation, nel 2017.

Sebbene il suo team fosse un po’ confuso e preoccupato per il tema, li ha convinti spiegando che la cacca è un modo per esplorare gli esseri umani e la loro cultura.

“Ho spiegato loro che potrebbe essere il modo migliore per esplorare la diversità degli esseri umani perché il rapporto tra gli esseri umani e il loro corpo, e la loro cacca, varia nel tempo e nelle culture. Ho spiegato al museo che è il miglior argomento sulla società e una storia sull’umanità”.

Tutti vanno in bagno, ma il modo in cui lo fanno, dove vanno e come lo elaborano rivela molto su come vedono il mondo. Possiamo imparare dai rifiuti organici riguardo alla salute pubblica, alla psicologia, all’antropologia, alla storia e molto altro. (In un certo senso è quello che questo blog sta cercando di fare).

Dopo che Niess ha convinto il suo museo che valeva la pena approfondire l’argomento, i curatori hanno collaborato con gli scienziati per esaminare ogni aspetto della cacca e il suo impatto sulla nostra vita. Il risultato è la mostra “Ô Merde!” (Oh Merda!). L’enorme mostra, composta da più stanze, affronta il tema della cacca con grande umorismo, intelligenza e curiosità, con arte, giochi, storia, artefatti e riproduzioni di escrementi.

>>>  La scatologia nel Rinascimento

Lo storico dell’arte Vincent Giguere ha affermato che il museo ha ingaggiato un gruppo di esperti per assicurarsi di aver fatto le cose per bene. Tra gli esperti che hanno partecipato c’erano Corinne Maurice, ricercatrice della McGill University che si occupa di microbiota e virus, e Catherine Bourgault, consulente in materia di igiene presso il Centre for Affordable Water and Sanitation Technologies.

“Volevamo che i visitatori e le persone che visitano la mostra dicessero: ‘Ok, questa è la parte in cui ridiamo, ma l’altra parte è molto seria'”, ha dichiarato Giguere.

Anche se la cacca è ancora un tabù, è qualcosa che riguarda tutti. È quindi interessante come si possa parlare di vari argomenti partendo da un solo tema.

La biologia è uno di questi. In una stanza, poi, si trova una fila di gabinetti con vari modelli di cacca che permettono di imparare cosa essa ci dice sulla dieta e sulla salute generale. E per gli amanti della storia, ci sono, ad esempio, anche antichi vasi da notte. Chi invece è interessato alla psicologia e agli studi di genere può scoprire perché alcune persone sono riluttanti a fare pipì in pubblico e perché le donne provano vergogna per la defecazione più spesso degli uomini.

Anche il design della mostra vale da solo il viaggio. Ad esempio, una sala è stata decorata in modo da assomigliare a un bagno pubblico, con tanto di box. Quando si entra in ogni bagno ci sono delle piccole esposizioni. Altre esposizioni illustrano le aree in cui gli individui sono costretti a fare la cacca all’aperto e il loro impatto sulla qualità della vita. C’è anche un’esilarante storia dell’emoji della cacca e una replica delle vecchie latrine francesi.

>>>  La challenge della cacca blu

È possibile trovare anche il gabinetto sostenibile sostenuto dalla Bill & Melinda Gates Foundation, che non richiede un impianto idraulico convenzionale e potrebbe contribuire allo smaltimento dei rifiuti in modo ecologico.

È un’esperienza divertente e più ci si addentra, più si scoprono cose interessanti, informazioni su malattie, problemi sociali, ecc.

Tuttavia, Neiss ha affermato che l’aver appreso che gli escrementi vengono depositati direttamente nel fiume San Lorenzo, non lontano dalla bella e pulita Quebec City, ha scosso i visitatori locali. Ha dichiarato che il museo sta monitorando se ciò che i visitatori apprendono può cambiare il loro stile di vita.

“Hanno aggiunto un bidet? Usano carta lavabile? Fanno il compostaggio? Il DNA del nostro museo… è un museo per un mondo migliore, e quindi si adatta. È la soluzione migliore. Vogliamo incitare le persone ad agire. È una chiamata all’azione”.