Uno studio fa luce sulla questione

È un mistero che viene da lontano. Mi riferisco al motivo per cui a volte la cacca galleggia e altre volte affonda. Le teorie dicono che una maggiore percentuale di grassi può contribuire a far galleggiare la cacca.

Secondo questo articolo, uno studio del 1972 pubblicato sul New England Journal of Medicine, tuttavia, ha rivelato che tutte le feci affondavano quando il gas all’interno veniva “compresso da una pressione positiva”, esaminando le feci di 33 individui sani (9 con feci galleggianti, 24 con feci che affondavano e 6 pazienti con feci grasse).

“Dopo la degassificazione, le feci che in precedenza galleggiavano e quelle che affondavano avevano un peso specifico simile, indicando che la propensione al galleggiamento o all’affondamento di tali feci dipende dalle differenze di gas piuttosto che dal contenuto di grassi”, gli autori hanno osservato che le feci grasse erano meno dense delle altre, ma ciò era attribuibile a un aumento del contenuto di acqua piuttosto che di grassi.

“Pertanto, le feci galleggiano a causa di un aumento del contenuto di gas o di acqua (o di entrambi); le feci che galleggiano non devono essere considerate un segno di steatorrea [aumento del contenuto di grassi nella cacca]”.

Tutto ciò è affascinante, ma non spiega perché il contenuto di gas e acqua sia diverso. Ultimamente, però, un team che ha studiato i topi resi privi di germi ha scoperto qualcosa di particolare nella cacca dei topi. Rispetto ai topi, che producono cacca galleggiante a un tasso di circa il 50%, gli esseri umani sani ne producono solo circa il 10%. Dopo aver pubblicato i risultati su Scientific Reports, il team ha scoperto che le feci dei topi privi di germi tendevano ad affondare.

>>>  Gelato con la forma dell'emoji della cacca al Burger King

“La nostra scoperta casuale di feci ‘affondanti’ e ‘galleggianti’ in TFS in topi privi di germi e con colonizzazioni intestinali, rispettivamente, ha portato a chiederci se i colonizzatori intestinali fossero fondamentalmente legati alla genesi del fenomeno di galleggiamento fecale”, ha scritto il team nel suo studio.

Gli scienziati hanno condotto ulteriori ricerche introducendo la flora intestinale di topi sani nello stomaco di topi privi di germi, confermando che anche la loro cacca aveva iniziato a galleggiare.

“Introducendo microrganismi nell’intestino di topi privi di germi, abbiamo dimostrato in modo definitivo che la colonizzazione intestinale del microbiota è un prerequisito per il galleggiamento delle feci”.

Pur sottolineando che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare quali batteri intestinali siano responsabili del galleggiamento e che è necessaria anche l’analisi della cacca di un essere umano, i ricercatori sono riusciti a identificare alcune specie di batteri collegati al galleggiamento della cacca introducendoli singolarmente in topi privi di germi.

“In effetti, abbiamo identificato Bacteroides ovatus come la specie più arricchita nella nostra analisi, che è stata positivamente correlata con la flatulenza e l’evacuazione del gas anale nei pazienti umani. Inoltre, abbiamo identificato anche Bacteroides fragilis, noto per la produzione di idrogeno gassoso nell’intestino”.