Sculture di cacche giganti in una mostra a Rotterdam

In questa singolare mostra di Rotterdam, si è invitati a spogliarsi quando si entra, indossando un costume nudo con diverse forme e dimensioni di genitali maschili e femminili. Il motivo è quello di far uscire i visitatori dai loro vestiti senza spogliarli. In più, tutte le persone hanno lo stesso aspetto. Poi si può camminare tra gli escrementi.

Come qui riportato, c’erano quattro cacche giganti all’interno dei 16.000 metri quadrati di spazio del museo. Un enorme blocco di feci ricordava una lunga e sinuosa scultura in acciaio di Richard Serra, noto per le sue sculture di grandi dimensioni. Uno era una spirale marrone. Un altro assomigliava a un’enorme scaglia di cioccolato. Un altro ancora presentava strati intrecciati con una fessura in mezzo attraverso la quale si sarebbe potuto strisciare se abbastanza coraggiosi.

La sala del museo di 16.000 metri quadrati comprendeva quattro enormi cacche. Un’enorme cacca umana assomiglia a una lunga scultura contorta di Richard Serra. Un’altra assomigliava a una spirale marrone, mentre un’altra ancora a una grossa patatina al cioccolato. Un’altra aveva strati collegati tra loro, con uno spazio in cui si sarebbe potuto strisciare. Tutte e quattro le sculture di cacca erano collocate su eleganti tappeti persiani e sembravano regali di benvenuto da parte di un enorme cane.

L’opera di Gelatin, collettivo artistico viennese noto per la sua tendenza a infrangere i tabù, a provocare risate nervose e nel familiarizzare con i corpi e le loro escrezioni, è stata esposta al Museo Boijmans van Beuningen di Rotterdam con il titolo “Gelatin: Vorm – Fellows – Attitude“.

>>>  In America raccogliere la cacca dei cani è un lavoro

Prima dell’inaugurazione, le sculture sono state costruite in loco per due settimane nelle enormi gallerie contemporanee del Boijmans dai quattro artisti del collettivo: Wolfgang Gantner, Ali Janka, Florian Reither e Tobias Urban. Gli enormi calchi in gesso sono stati inizialmente costruiti da un gruppo di volontari, che li hanno poi rivestiti manualmente di spessa argilla marrone.

Qualsiasi esposizione museale che mostri le feci ai suoi spettatori come arte deve essere preparata ad affrontare almeno un piccolo scandalo. Il direttore del Boijmans, Sjarel Ex, ha dichiarato di non avere alcun problema al riguardo.

Mr. Ex ha dichiarato di non aver avuto alcuna riserva nel commissionare il progetto. Ha affermato che esistevano numerosi modi per interpretare lo spettacolo.

“Si può affrontare l’opera dal punto di vista della scultura, come un’installazione fatta su misura per queste grandi sale”, ha spiegato, “e la si può vedere come una provocazione, per poi esplorare quale lato di noi viene provocato. Anche questo è molto interessante. Si può anche vederla come un’esperienza intima da tenere solo per sé”.

Il lavoro di Gelatin è spesso crudo, grottesco e ridicolo; è spesso ripugnante di proposito, ma con umorismo. Gli artisti si sono disposti in cerchio, nudi, con candele accese che uscivano dal loro ano, creando una “torta di compleanno umana”. Nel 2000 si sono introdotti illegalmente nel World Trade Center e hanno installato un piccolo balcone al 91° piano (un’acrobazia durata appena 19 minuti). Nel 2005 hanno realizzato un coniglio giocattolo rosa di 180 piedi che hanno lasciato marcire sul fianco di una montagna nelle Alpi italiane e poi anche una scultura creata con urina congelata.

Secondo Francesco Stocchi, curatore della mostra, il loro marchio di arte interattiva e performativa affonda le radici nei movimenti situazionisti e Fluxus degli anni Sessanta, in particolare nel movimento d’avanguardia austriaco noto come Azionismo Viennese, i cui artisti usavano spesso il proprio corpo nudo come tela e sangue, latte o interiora come materiali. Dal 1993 Gelatin ha tenuto numerose mostre internazionali, in particolare alla Fondazione Prada di Milano. Tra le altre sedi del suo lavoro figurano la Biennale di Venezia, la galleria Greene Naftali di New York, una grotta a Porto Rico e la galleria Greene Naftali.

>>>  La challenge della cacca blu

“Tendono a usare due strumenti potenti: l’umorismo e la semplificazione”, ha detto Stocchi, curatore dell’arte moderna e contemporanea di Boijman. “Semplificare non significa rendere le cose facili, ma avere chiarezza di intenti. L’intenzione è quella di confrontarci con le nostre paure, i nostri preconcetti o tabù, che possiamo anche chiamare pregiudizi. Quando abbiamo dei pregiudizi, cosa possiamo fare? Possiamo discuterne. La mostra è quindi un’arena di discussione”.

Per la moderna Ala Bodon del museo, costruita negli anni Settanta per ospitare colossali opere d’arte, installazioni minimaliste e opere di land art, Stocchi ha invitato Gelatin a produrre la sua opera d’arte.

Il Boijmans van Beuningen è noto soprattutto per la sua vasta collezione di dipinti olandesi e fiamminghi, che comprende opere dei pittori rinascimentali: Pieter Bruegel il Vecchio e Hieronymus Bosch, che hanno esplorato esseri ibridi grotteschi, persone e animali impegnati in ogni sorta di comportamenti grossolani e drollerie. Il museo ospita inoltre una collezione di opere surrealiste.

“Se si analizza il lavoro dei Gelatin, si nota che molto spesso si riferiscono a questi artisti”, ha affermato il signor Ex. “Le strane performance che fanno e anche i costumi, indossando uno dei loro costumi si ha l’impressione di provenire da uno di quei dipinti. Non è una rievocazione di Bosch o Bruegel, ma è un tipo di mentalità che appartiene a questo museo”.

Il signor Ex ha affermato di aver previsto che l’esibizione avrebbe potuto generare scalpore e che alcuni ospiti avrebbero avuto reazioni negative. Tuttavia, nelle settimane successive all’inizio dell’esposizione, i critici d’arte olandesi sono stati generalmente favorevoli alle opere, nonostante alcuni commenti sfavorevoli sulla pagina Facebook del museo.

>>>  5 app per monitorare la cacca

“Siamo uno spazio libero, quindi possiamo fare cose sciocche e forse anche di cattivo gusto”, ha commentato il signor Ex. “Questo è un museo, un luogo in cui gli artisti lavorano e dobbiamo difendere la libertà di mostrare le cose, quindi c’è un aspetto più ampio”.

Però, ha aggiunto, “finora la mia esperienza è stata che la gente si è goduta la cosa e si è divertita”.