Una studentessa ha costruito questo bagno disponibile all’aeroporto di Amritsar

La tendenza a utilizzare bagni sostenibili offre molte opzioni tecnologiche per chi ha bisogno di servizi igienici in un paese povero o vuole una soluzione più ecologica.

Come qui riportato, Ruhani Verma, una studentessa originaria di Amritsar, sostiene di aver costruito il primo bagno pubblico indiano carbon negative utilizzando quattro sacchi di plastica monouso. Il bagno è realizzato interamente con materiali riciclati o riciclabili. All’aeroporto internazionale Sri Guru Ram Das Jee di Amritsar, il Toilet 01, noto anche come Swachh-Alyaa, è stato inaugurato dal deputato Gurjeet Aujla e dal direttore dell’aeroporto V K Seth.

Si parla di carbon negative quando la quantità di emissioni di CO2 che si rimuove dall’ambiente è maggiore della quantità di emissioni di CO2 che si emette nell’atmosfera.

La classe della Jayshree Periwal International School di Jaipur ha dichiarato: “L’idea centrale di questo progetto è la sostenibilità. Ho voluto costruire la prima struttura in India utilizzando mattoni ecologici. Circa il 30% dei mattoni utilizzati per la realizzazione del bagno è costituito da plastica monouso e il restante 70% da rifiuti e polvere di silice”.

“La produzione di rifiuti, in particolare la plastica monouso che si vede disseminata nelle nostre campagne, è un problema preoccupante non solo in India ma anche a livello globale. Questo problema è aumentato drasticamente ogni anno. Questo bagno sarà in grado di affrontare il problema”, ha dichiarato Verma.

L’autrice ha affermato che per la produzione dei blocchi di plastica di silice (SPB) non sono state utilizzate risorse naturali, come terra, silice o acqua. Sono interamente realizzati con rifiuti. Infatti, i materiali dell’edificio possono essere tutti riciclati e non è stata utilizzata alcuna malta di cemento per la costruzione. Inoltre Verma ha notato che un mattone SPB è tre volte più resistente di un tipico mattone di argilla rossa e l’intero edificio per i servizi igienici è stato costruito utilizzando dei moduli.

>>>  Un festival dove arte e cessi si incontrano

“Se questi (quattro) sacchetti di plastica vengono messi in fila, coprono una distanza di 150 km. L’idea dei mattoncini a incastro, come quelli del Lego, è stata utilizzata per unirli, dato che questa struttura utilizza zero acqua o cemento per costruire un edificio a emissioni zero”, ha dichiarato Verma, che intende studiare architettura sostenibile e proporre altri modelli di questo tipo per sostenere l’ambiente.

“L’aeroporto di Amritsar non disponeva di servizi igienici nell’area di parcheggio e ho pensato che sarebbe stato il luogo migliore per questo progetto di servizi igienici sostenibili. Il mio direttore scolastico Ayush Periwal e il co-fondatore di SPB technology Shridhar Rao mi hanno aiutato a renderlo possibile. Anche il direttore dell’aeroporto V K Seth-ji mi ha incoraggiato a realizzare questo bagno”, ha dichiarato.