Le battute sulle scoregge hanno attraversato la storia

La scoreggia può essere arte. Le battute sulle scoregge sono tra i tipi di umorismo più efficaci legati alle funzioni corporee e sono state utilizzate nel corso della storia in tutte le culture. La più antica battuta mai documentata, che risale ai Sumeri nel 1900 a.C., riguardava una scoreggia: “Una cosa che non si è mai verificata da tempo immemorabile: una giovane donna non scoreggiava sulle gambe del marito”, ha affermato l’accademico e poeta britannico Paul MacDonald.

Come spiegato qui, anche alcuni capolavori della letteratura occidentale sono noti per aver incorporato battute sulle scoregge. I Racconti di Canterbury di Chaucer ne contengono una delle più note. Nel Racconto di Miller, Nicholas e Absalom competono per la stessa ragazza e Nicholas sceglie di umiliare il suo avversario. Poi aspetta che Absalom faccia un cenno alla ragazza dalla finestra. E non appena lo fa, il fondoschiena di Nicola spunta fuori, “fa partire una scoreggia con un rumore grande come un tuono, tanto che Absalom ne fu quasi sopraffatto”.

Nella Commedia degli errori, dove Dromio di Efeso pronuncia: “Un uomo può infrangere la parola con voi, signore; e le parole non sono altro che vento; e farvelo in faccia, così non da non farlo da dietro”, anche il grande William Shakespeare ha fatto ricorso a questo gioco di parole che si perde in italiano e che gioca sulla parola break.

In modo meno scioccante, il peto viene citato nell’irriverente parodia di Mark Twain, 1601. Un membro del gruppo scoreggia durante questa conversazione fittizia tra la corte della regina Elisabetta e alcuni noti scrittori: “Nella foga della conversazione, accadde che uno scoreggiò, emanando una puzza eccessiva e imbarazzante, per cui tutti risero a crepapelle”.

>>>  L'ermeneutica del cesso

Quando la regina chiese chi fosse il responsabile, una donna di nome Lady Alice si dichiarò innocente: “No, non sono io che ho fatto uscire questa nebbia ricca e opprimente, questa tenebra profumata, quindi vi prego di guardare oltre”.

Nel frattempo, Jonathan Swift, autore de I viaggi di Gulliver, dedicò un intero libro all’argomento, I benefici dello scoreggiare spiegati. Fu pubblicato da Swift con lo pseudonimo di “Don Fartinando Puff-Indorst, professore di Bumbast nell’Università di Crackow”. Secondo il frontespizio, il saggio è stato “tradotto in inglese su richiesta e ad uso della signora Damp-Fart, di Her-fart-shire” da “Obadiah Fizzle, Groom of the Stool to the Princess of Arse-Mini in Sardinia”. Inoltre, nell’ode poetica introduttiva il peto è descritto come “Cura della colica, cura dei dolori, rombo intonato delle canne più basse”.

Dopo aver descritto attentamente gli aspetti legali, sociali e scientifici del peto, Swift conclude che esistono diverse specie di peto, tra cui “il peto sonoro e pieno o ruggente”, “il peto doppio”, “il peto soffice e frizzante”, “il peto umido” e “il peto imbronciato e legato al vento”.

Teorie della risata

Le battute sulle scoregge sono quindi intramontabili. Tuttavia, come mai sono così divertenti per molte persone?

Storicamente esistono tre principali teorie filosofiche sulla risata.

  • Secondo la teoria della superiorità, si ride quando si prova una “gloria improvvisa”, come l’ha descritta Thomas Hobbes: un momentaneo senso di superiorità nei confronti di un’altra persona, in particolare di chi si considera inferiore. Ciò include i casi di umorismo da sberleffo, come la torta in faccia o quando qualcuno scivola su una buccia di banana.
  • La teoria dell’incongruenza, che sostiene che le persone ridano per l’accostamento di elementi che di solito non stanno insieme, come un cane parlante o una donna barbuta, fu sostenuta da Kant e Schopenhauer.
  • I sostenitori della teoria del sollievo, tra cui Spencer e Freud, affermano che ridere ci aiuta a liberarci dall’ansia per argomenti o circostanze considerati tabù o inaccettabili dalla società. Questo spiega perché le barzellette basate sul sesso, l’etnia o la religione sono così popolari.
>>>  Antichi vasi romani come vasi da notte

Tuttavia, secondo il filosofo John Morreall, tutto ciò che fa ridere ha alla base un “piacevole cambiamento psicologico“. Se applichiamo questa nozione alle flatulenze, diventa evidente il motivo per cui i peti sono considerati divertenti da tutte le persone. È perché possono ottenere questo effetto in tutti i modi suggeriti dalle tre teorie della comicità.

E le situazioni che si adattano a tutti e tre i tipi di umorismo tendono a essere particolarmente divertenti, come un peto in un contesto serio in cui gli spettatori possono sentirsi superiori guardando chi ha scoreggiato. Troviamo così anche un’incongruenza tra un contesto formale e un comportamento informale. Inoltre, c’è un sollievo dalla tensione nervosa creata da un tabù.

In ogni caso, mentre queste teorie rimangono ancora in fase di dibattito, la gente continua a ridere delle scoregge come ha sempre fatto.