Non è così facile avere a che fare con i servizi igienici per un reale

Se pensate che la vita dei reali preveda anche bagni di lusso, vi sbagliate perché state dimenticando tutte le regole che devono seguire quando si tratta di andare in bagno: prima, durante e dopo.

Per esempio, la defunta regina Elisabetta II aveva requisiti e linee guida specifiche per la propria igiene personale. Alle 7.30 del mattino, la cameriera della regina Elisabetta le preparava il bagno dopo il risveglio e, mentre aspettava che l’acqua si riempisse nella vasca, la regina sorseggiava un tè Earl Grey e ascoltava la BBC Radio 4.

Secondo questo articolo, il bagno della regina sarebbe sempre stato riempito con acqua “tiepida” e la cameriera fermava l’acqua dopo averne versato esattamente sette pollici, indipendentemente dal palazzo in cui viveva all’epoca: Balmoral, Windsor, Sandringham o Buckingham Palace. Solo dopo che la cameriera aveva controllato due volte la temperatura dell’acqua con un “termometro in legno” per garantire la temperatura ideale per il bagno, la regina entrava nella vasca.

Prima di sedersi a colazione, la regina si sistemava i capelli e indossava gli abiti che le erano stati preparati intorno alle 8:30 del mattino. Invece, quando si trattava di andare in bagno durante una funzione o una cena, i reali dovevano scusarsi con il personale di servizio e aggiustare l’argenteria per mostrare che avevano intenzione di continuare a mangiare.

Prima di “annunciare le proprie intenzioni”, i reali devono limitarsi a dire “Scusate” e poi lasciare il tavolo in silenzio. Se non hanno ancora finito di mangiare, devono incrociare forchetta e coltello sul piatto prima di recarsi al bagno più vicino. Le posate possono essere lasciate “in posizione obliqua, con i manici in basso a destra del piatto” una volta terminato il pasto.

>>>  Una start-up francese ha ideato i pisciatoi per donne

Secondo il sito web della famiglia reale, solo a Buckingham Palace ci sono 78 bagni e il personale domestico non può usare l’aspirapolvere per tenere puliti i pavimenti. Alla famiglia è vietato l’uso dell’aspirapolvere, pertanto le cameriere e il personale domestico sono tenuti a “spazzare i pavimenti e i tappeti”. Tale elettrodomestico è vietato nelle sale reali a causa del fastidioso rumore che emette, come è stato rivelato nel documentario “Royal Servants”. Il programma ha riportato che “gli addetti alle pulizie spazzano i tappeti per evitare che le orecchie dei reali siano disturbate dagli aspirapolvere”. Un servitore che non si vede né si sente è il miglior servitore.

Secondo quanto riferito, la parola “toilet” è proibita nei discorsi reali perché è “disapprovata nei circoli reali” e proviene dalla lingua francese.

La regina Elisabetta II, come detto, aveva regole molto rigide per quanto riguarda il bagno, mentre la principessa Margaret, sorella della regina, e altri reali preferivano il bagno alla doccia in piedi, considerando la doccia come una pratica per la gente comune. Craig Brown, uno specialista del mondo regale, ha approfondito la regolamentazione e il punto di vista sulla pulizia personale.

Nel suo libro “The Palace Papers”, Tina Brown descrive come Re Carlo abbia delle esigenze per quanto riguarda la sua tavoletta del water, il tipo di carta igienica che usa e ciò che deve avere con sé quando viaggia.

Michael Fawcett, un ex aiutante di Carlo, ha rivelato a Brown che il re ha esigenze specifiche per quanto riguarda l'”armamentario” del bagno, tra cui la sua “tavoletta da bagno” (che deve portare con sé quando viaggia) e la “carta igienica Kleenex Velvet”. Il re viaggiava con un carico di oggetti personali, anche quando alloggiava a casa di un amico in campagna, compreso il necessario per il bagno.

>>>  Un cesso come bomba su un aereo militare

Secondo una ricerca condotta nel Regno Unito, gli uomini in particolare trascorrono circa sette ore all’anno in bagno e l’84% degli intervistati ha ammesso di utilizzare i social media durante la permanenza. Tuttavia, se siete membri della famiglia reale non potete seguire queste abitudini convenzionali quando siete lì. Secondo House Beautiful, utilizzare un telefono, un giornale o una rivista mentre si è seduti su una tazza di porcellana è considerato “poco igienico” e quindi non è consentito nei bagni reali.

Queste regole particolari vanno al di là di quanto scritto nei libri. Nei bagni dei reali, le candele non sono comuni, così come non lo sono oggetti come i diffusori (e se ce ne fossero, dovrebbero essere nascosti quando ci sono ospiti). Quando gli ospiti sono nella residenza reale, devono avere a disposizione una pila ordinata di asciugamani bianchi da usare e il distributore di carta igienica deve essere posizionato in modo che esca dalla posizione davanti anziché dietro.

Parlando di cibo, Darren McGrady, ex cuoco di palazzo, sostiene che diverse specialità gastronomiche sono off-limits per i reali perché giudicate troppo “rischiose”. Ad esempio, i crostacei e il foie gras sono tra questi alimenti.

Grant Harrold, ex maggiordomo reale e ora consulente di galateo, ha chiarito che evitare i crostacei ha a che fare con il tempo e i possibili mal di stomaco durante il lavoro (che probabilmente porterebbero un reale nella condizione di urlare “Dov’è il bagno?” senza badare al linguaggio utilizzato).

Dato che ha completato l’ultimo anno di scuola nel Regno Unito, Myka Meier, esperta di galateo reale, ha raccontato qualcosa sulle abitudini di intrattenimento e di bagno dei reali, spiegando perché una duchessa come Catherine Middleton non terrebbe mai un flacone di sapone a pompa in bagno, dato che i reali preferiscono le saponette a quello liquido.

>>>  Una nuova challenge di TikTok sparge il caos nelle scuole

“La duchessa probabilmente avrà anche un sapone leggermente profumato e una crema per le mani abbinata”, ha spiegato Meier. “Molte case dell’alta borghesia britannica preferiscono le saponette ai saponi liquidi, quindi la duchessa potrebbe usarle nei suoi alloggi privati”.

Il re Carlo III è stato allevato in un palazzo e quindi è ben addentro alla vita reale, ma alcune sue abitudini igieniche sembrano ancora ferme ai primi anni di vita. Secondo Paul Burrell, ex maggiordomo di Diana Spencer, l’attuale re ha regole molto rigide per il bagno.

Il tappo del bagno deve trovarsi in una posizione specifica e la temperatura dell’acqua deve essere al livello ideale di “tiepido”, che di solito è di 36,7°C come soglia massima quando si tratta del bagno quotidiano del re.

“Carlo III fa spremere ai suoi valletti un centimetro di dentifricio sullo spazzolino ogni mattina”, ha raccontato l’ex maggiordomo. Un altro esperto, il biografo reale Anthony Holden, ha fornito ulteriori informazioni sulle modalità di vestizione del sovrano: “Carlo, per tutti i suoi tentativi di scoprire come vive l’altra metà e l’interesse per i meno fortunati della società, per tutto questo ha due uomini, pagati dallo Stato, che lo aiutano a vestirsi al mattino”.