Una nuova tecnica ha permesso ai ricercatori di identificare i vermi parassiti intestinali

I romani erano famosi per le loro latrine e i loro sistemi fognari, ma ora i ricercatori hanno svelato una nuova tecnica per valutare alcuni dei loro antichi vasi rivelando che potrebbero essere stati usati come vasi da notte.

Dopo migliaia di anni, non rimane alcuna traccia di materia fecale o urinaria in questi vasi, che sono stati spesso considerati come recipienti di stoccaggio. Il nuovo studio, pubblicato nel Journal of Archaeological Science, descrive però un processo di identificazione di vermi parassiti intestinali intrappolati in strati di mineralizzazione dopo anni di utilizzo come vaso da notte.

Roman vessel
Il mosaico trovato nelle terme e il vaso

“La scoperta di molti di essi nelle latrine pubbliche o vicino ad esse aveva portato a suggerire che potessero essere stati usati come vasi da notte, ma finora mancavano le prove”, ha spiegato Roger Wilson, uno dei coautori dello studio che dirige il Centro per lo studio della Sicilia antica presso l’Università della British Columbia. Egli è anche a capo del progetto archeologico di Gerace, che sta attualmente scavando il sito di una villa romana nel cuore della città.

La microscopia è stata usata da un team del Laboratorio Parassiti Antichi dell’Università di Cambridge per identificare le uova di vermi tricotteri trovate in un residuo mineralizzato all’interno di un vaso di terracotta siciliano del V secolo d.C. proveniente dal sito di scavi di Gerace vicino a Enna, rivelando che un tempo conteneva feci umane.

egg of whipworm
Uovo microscopico di tricottero proveniente dal vaso da notte. La barra nera rappresenta 20 micrometri. Foto di Sophie Rabinow

“È stato incredibilmente eccitante trovare le uova di questi vermi parassiti 1.500 anni dopo che erano state depositate”, ha dichiarato il coautore Tianyi Wang, un associato di ricerca presso l’Università di Cambridge, che ha partecipato al lavoro di microscopia.

>>>  La storia del bagno

I vasi da notte erano abbastanza diffusi nel mondo romano, ma erano anche il tipo di materiale ceramico più difficile da identificare prima di questa tecnica.

Tuttavia, la presenza di questo parassita, che vive nel rivestimento dello stomaco umano e sarebbe stato espulso attraverso le feci, indica che il recipiente era un vaso da notte, ma potrebbe anche essere stato utilizzato all’interno di una comoda.

Il vaso è stato recuperato nel bagno termale privato di una villa di campagna dopo un’inondazione. La parte più antica della casa risale al 325-350 e la tenuta si estende su 3,5 ettari.

Probabilmente dopo il terremoto del 361 si verificarono alcuni crolli e si decise di ricostruire una villa più grande, 9 anni dopo, nel 370, ma probabilmente i lavori non furono completati e l’edificio fu distrutto da un incendio nel secolo successivo. Non lontano da lì si trovava il bagno termale i cui muri e pavimenti erano coperti di marmi preziosi e mosaici raffinati e dove è stato trovato il vaso da notte.

Musei e altre istituzioni possono ora utilizzare questa tecnica per valutare i loro manufatti per accertare che si tratti di vasi da notte. Si può solo riconoscere un vaso da notte usato da qualcuno con il verme tricottero, ma poiché tali parassiti sono diffusi in regioni dove i farmaci sono scarsi, così come le condizioni igieniche, è probabile che una gran parte degli antichi romani ne fosse affetta.

“Laddove i vasi romani dei musei sono noti per avere queste concrezioni mineralizzate all’interno della base, si può ora campionare con la nostra tecnica per vedere se sono stati utilizzati anche come vasi da notte”, ha spiegato il co-autore Piers Mitchell, un esperto di parassiti che ha guidato la ricerca di laboratorio.

>>>  Bagni a scomparsa emergono dal sottosuolo

L’identificazione di uova di parassiti intestinali nei vasi da notte ha il potenziale di far progredire la nostra comprensione delle condizioni igieniche, della dieta e della salute intestinale delle persone nel passato.

Fonte hyperallergic.com