Il reperto è stato trovato in Austria

Le feci umane raramente durano per migliaia di anni senza decomporsi. Tuttavia, ci sono alcune eccezioni come nelle miniere di sale dell’area austriaca patrimonio mondiale dell’UNESCO Hallstatt-Dachstein/Salzkammergut, ma i campioni si trovano di solito anche in grotte asciutte, zone desertiche, aree congelate o ambienti acquosi (come le torbiere), dove l’essiccazione, il congelamento e processi simili conservano la materia fecale nel tempo.

I ricercatori che hanno studiato le paleofeci di queste miniere austriache hanno scoperto la presenza di due specie di funghi utilizzati nella produzione del blue cheese e della birra.

Dato che può essere difficile determinare se i campioni fecali sono umani o sono stati prodotti da altri animali, gli scienziati hanno sviluppato uno strumento (soprannominato coproID) che può determinare se le paleofeci e i coproliti dai siti archeologici sono di origine umana o animale.

“L’analisi del genoma indica che entrambi i funghi erano responsabili della fermentazione degli alimenti e forniscono la prima prova molecolare del consumo di blue cheese e di birra durante l’età del ferro in Europa”, ha dichiarato Frank Maixner dell’Eurac Research l’Istituto per lo Studio delle Mummie di Bolzano.

“Questi risultati fanno nuova luce sulla vita dei minatori di sale preistorici di Hallstatt e permettono una comprensione delle antiche pratiche culinarie a livello generale del tutto nuovo”, ha aggiunto Kerstin Kowarik del Museo di Storia Naturale di Vienna. “Sta diventando sempre più chiaro che non solo le pratiche culinarie preistoriche erano sofisticate, ma anche che gli alimenti complessi lavorati e la tecnica della fermentazione hanno avuto un ruolo di primo piano nella nostra storia alimentare antica”.

>>>  Cacca sulla luna
austrian paleofeces
Campioni di paleofeci delle miniere di sale di Hallstatt analizzati nello studio. Foto: Eurac Research/Frank Maixner

Le paleofeci preistoriche delle miniere di sale hanno già dimostrato di fornire informazioni importanti sulla dieta e la salute dei primi esseri umani. Maixner, Kowarik e i loro colleghi hanno utilizzato studi approfonditi di microscopia, metagenomica e proteomica per esaminare i batteri, il DNA e le proteine trovate nei campioni di escrementi nello studio attuale.

Questi studi approfonditi hanno permesso loro di ricostruire la dieta delle persone che un tempo vivevano in quelle zone. Sono riusciti anche a ottenere informazioni sugli antichi microbi che popolavano i loro intestini, noto come microbioma intestinale, ora riconosciuto per avere un ruolo importante nella salute umana.

Uno dei frammenti vegetali più comuni trovati nelle loro analisi alimentari è stata la crusca e le glume di vari cereali. Questa dieta ricca di fibre e carboidrati era integrata con proteine di fave e, occasionalmente, frutta, noci o prodotti alimentari animali, stando ai ricercatori.

In linea con la loro dieta ricca di piante, gli antichi minatori fino al periodo barocco avevano anche strutture del microbioma intestinale più simili a quelle dei moderni individui non occidentalizzati, le cui diete sono anche principalmente composte da cibo non lavorato: frutta fresca e verdure. I risultati suggeriscono però un cambiamento più recente nel microbioma intestinale occidentale, come se le abitudini alimentari e stili di vita fossero cambiate.

Quando i ricercatori hanno esteso la loro analisi microbica includendo i funghi, in uno dei loro campioni dell’età del ferro, hanno trovato un’abbondanza di Penicillium roqueforti e del DNA di Saccharomyces cerevisiae.

“I minatori di Hallstatt sembrano aver applicato intenzionalmente tecnologie di fermentazione alimentare con microrganismi che sono ancora oggi utilizzate nell’industria alimentare”, ha spiegato Maixner.

>>>  Murray Bartlett ha davvero fatto la cacca in 'The White Lotus'?

Questi risultati dimostrano che le persone producevano già blue cheese nell’Europa dell’età del ferro quasi 2.700 anni fa, ha aggiunto. Negli studi in corso e in quelli futuri sulle paleofeci di Hallstatt, si spera di imparare di più sulla produzione precoce di alimenti fermentati e sull’interazione tra la nutrizione e la composizione del microbioma intestinale nei diversi periodi storici.

Fonte scitechdaily.com