L’evoluzione dei servizi igienici in Cina

In Cina, il primo tipo di bagno era semplicemente un buco costruito nel terreno dove le persone si accovacciavano. Il carattere cinese ce, attualmente utilizzato nel termine “gabinetto”, è stato usato nella scrittura per almeno 2.000 anni, ma in molte zone dell’antica Cina significava anche “porcile”, perché in molte zone i gabinetti venivano costruiti accanto a porcilaie e le feci umane scivolavano lungo un tunnel nel porcile per nutrire i maiali (gabinetti con porcilaia). In alcune zone rurali della Cina, questa pratica è ancora diffusa oggi.

chinese pig toilet

Gli abitanti del Nord hanno scelto il tipo di gabinetto “alla turca” quando i cinesi hanno iniziato a incorporarlo nelle loro case. I servizi igienici “alla turca” erano pratici per trattenere i rifiuti biologici, che venivano poi utilizzati per fertilizzare i campi della Cina settentrionale, dove c’è una frequente scarsità d’acqua.

squat toilet china

Tuttavia, i bagni con la possibilità di sedersi erano più diffusi nelle regioni a sud del fiume Yangtze. La maggior parte di essi assomigliava a una buca scavata in modo disordinato e con una panca di legno in cima. Sebbene in molti luoghi la panca fosse poco più di una tavola di legno o di uno spesso ramo su cui le persone erano precariamente appollaiate, un buco nella tavola permetteva alle persone di fare i propri bisogni.

Anche le abitudini igieniche erano molto diverse nelle città. La maggior parte delle case tradizionali nelle città del sud aveva un bagno separato, quindi gli occupanti di solito si sedevano su un matong di grandi dimensioni, o “secchio per cavalli”, che ancora oggi è una parola che indica la tazza del water. I residenti lavavano il matong con una spazzola di bambù in un fiume locale ogni mattina, dopo averne svuotato il contenuto nei bagni pubblici. Le famiglie spesso includevano un matong nella dote della figlia, poiché l’uso del bagno è un aspetto essenziale della vita quotidiana.

>>>  Il riciclaggio delle acque reflue è in crescita
matong
Matong

In Cina, ancora all’inizio degli anni ’90, si utilizzavano spesso matong in legno e servizi igienici a fossa. A causa di problemi irrisolti di scarsità d’acqua, molte regioni rurali del nord utilizzano ancora oggi i servizi igienici a fossa invece di quelli con lo scarico.

latrine pit

I servizi igienici con scarico sono stati utilizzati per la prima volta in Cina nella seconda parte del XIX secolo dai residenti nei porti dei trattati coloniali, dove le autorità municipali gestite dall’estero installarono servizi igienici pubblici illuminati a gas e dotati di acqua corrente. Queste iniziative, tuttavia, erano limitate alle concessioni straniere della nazione e non hanno attratto la maggior parte dei cittadini cinesi.

Ciò è dovuto a due fattori. In primo luogo, le città cinesi hanno svolto un ruolo significativo nell’approvvigionamento dell’industria del letame. I raccoglitori di letame raccoglievano i rifiuti umani dai bagni pubblici e li vendevano agli agricoltori in campagna, che li spargevano sulle loro colture. I moderni servizi igienici con scarico dipendono inoltre da grandi sistemi fognari, che all’epoca erano poco diffusi in Cina.

Solo a metà del XX secolo il governo iniziò a usare il suo controllo amministrativo sui bagni. Nel 1943 l’amministrazione del Kuomintang iniziò a punire coloro che urinavano o defecavano in luoghi pubblici e annunciò un piano per istituire bagni pubblici in tutti i distretti sotto il suo controllo. I servizi igienici pubblici sono sempre stati associati alla nozione di costruzione di uno Stato-nazione contemporaneo, insieme ad altre idee come l’assistenza sanitaria moderna, l’educazione fisica e persino la lotta contro l’imperialismo straniero.

La Campagna patriottica per la salute, un’iniziativa che continua ancora oggi, anche se con un nuovo nome: Campagna nazionale per le città igieniche, è stata un altro catalizzatore per la fornitura di servizi igienici pubblici dopo la riunificazione della Cina da parte del Partito Comunista nel 1949.

>>>  Un gabinetto smart per i bambini

Negli anni ’80 la maggior parte dei bagni pubblici era costituita da lunghe trincee con aree per le turche divise da una serie di bassi divisori. A un’estremità della trincea era appeso un grande serbatoio d’acqua e quando qualcuno tirava lo sciacquone del proprio bagno, sciacquava anche quello degli altri. Questi servizi igienici in stile trincea sono ancora oggi in uso in diversi luoghi, in particolare nelle ex stazioni degli autobus e dei treni e in altri luoghi in cui si riuniscono spesso grandi folle di persone.

public toilet in Beijing, China

I bagni alla turca costituiscono oggi la maggior parte dei servizi igienici pubblici in Cina, sia nel nord che nel sud. Il motivo principale è che i bagni alla turca sono meno costosi da costruire e mantenere rispetto a quelli da seduti. Si dice anche che i bagni alla turca siano più igienici, poiché non solo riducono il contatto corporeo con la tazza, ma bloccano anche attività poco salutari in una nazione in cui le corrette pratiche igieniche sono solo parzialmente comprese. Infatti, mentre alcuni cinesi non si puliscono in modo ostinato, molti sono contrari a tirare lo sciacquone dopo aver usato il bagno. Alcune persone, soprattutto le signore, insistono per appollaiarsi sopra il water quando usano i bagni da seduti, a causa delle condizioni disgustose di alcune strutture pubbliche.

La cosiddetta rivoluzione dei servizi igienici in Cina finirà per spazzare via ogni residuo di servizi igienici non all’altezza, ma la disponibilità di bagni pubblici è ancora discontinua. I servizi igienici “alla turca” si trovano tipicamente nelle zone rurali della Cina, mentre i servizi igienici da seduti nelle regioni metropolitane. Purtroppo, a causa della differenza tra aree rurali e urbane, quest’ultimo tipo di servizi igienici viene comunemente applicato in modo errato.

>>>  Una nuova challenge di TikTok sparge il caos nelle scuole