Le uova dei vermi capillari sono state fondamentali per la scoperta

Secondo quanto riportato, gli occupanti della città preistorica vicino a Stonehenge, che molto probabilmente hanno eretto il famoso cerchio di pietre, mangiavano organi interni di bovini, stando alla cacca rinvenuta nel sito. Diversi pezzi di escrementi fossilizzati, noti come coproliti, sono stati scoperti in un cumulo di rifiuti a Durrington Walls, un villaggio a circa 2,8 chilometri da Stonehenge. Gran parte dell’enorme monumento nel sud-ovest dell’Inghilterra è stato costruito intorno al 2500 a.C., così come il villaggio. Le uova di vermi parassiti sono state scoperte in cinque parti di feci di un uomo e quattro canidi.

In più, alcune uova di vermi capillari sono state trovate tra questi escrementi umani e in tre dei coproliti canini, che sono stati identificati in parte per la loro forma a limone. Secondo un nuovo studio sui fossili, l’esistenza di questo tipo di verme suggerisce che l’individuo aveva mangiato polmoni o fegato crudi o poco cotti di un animale già infetto, facendo sì che le uova del parassita attraversassero il tratto digestivo. I vermi capillari infettano i bovini e altri ruminanti, il che suggerisce che il parassita si sia diffuso molto probabilmente attraverso il consumo di bestiame, stando agli autori dello studio. Pertanto, è possibile che i cani siano stati nutriti con avanzi di cibo.

Le ossa scoperte nella discarica, tuttavia, indicano che i bovini non erano l’animale più regolarmente consumato. I maiali rappresentavano il 90% delle 38.000 ossa scoperte, mentre i bovini il 10%.

Le uova di tenia del pesce sono state trovate in una parte degli escrementi di un cane, il che suggerisce che sia stato infettato dopo aver mangiato pesce d’acqua dolce crudo. Tuttavia, sul posto non sono state trovate altre prove del consumo di pesce, come ad esempio le ossa.

>>>  Un predatore che assomiglia alla cacca degli uccelli

Questa mancanza di prove potrebbe essere dovuta al fatto che il sito non è stato utilizzato tutto l’anno e che il pesce infestato dalla tenia è stato mangiato in un altro villaggio.

“Durrington Walls era occupata in gran parte su base stagionale, soprattutto nei periodi invernali. Il cane è probabilmente arrivato già infettato dal parassita”, secondo il coautore dello studio, il dottor Piers Mitchell, medico e ricercatore associato presso il Laboratorio di Parassiti Antichi del Dipartimento di Archeologia dell’Università di Cambridge.

“Gli studi isotopici delle ossa di mucca presenti nel sito suggeriscono che provenivano da regioni della Gran Bretagna meridionale, il che era probabilmente vero anche per le persone che vivevano e lavoravano lì”, ha spiegato il ricercatore. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Parasitology. Va detto che Stonehenge è costruito con due tipi di pietra: le pietre più grandi di sarsen e i monoliti più piccoli di pietra blu del Galles, che furono eretti per primi.

Gli archeologi ritengono che gli abitanti che costruirono la seconda fase del monumento, che comprendeva i triliti immediatamente riconoscibili (due pietre verticali sormontate da una terza pietra orizzontale), vivessero a Durrington Walls.

È probabile che l’insediamento sia stato anche teatro di diversi banchetti, come testimoniano i frammenti di ceramica e il gran numero di ossa di animali rinvenuti.

Tuttavia, ci sono poche prove che le persone abbiano effettivamente vissuto o mangiato a Stonehenge.

“Questa nuova prova ci dice qualcosa di nuovo sulle persone che venivano qui per le feste invernali durante la costruzione di Stonehenge”, ha dichiarato il coautore dello studio e responsabile del progetto di ricerca The Stones of Stonehenge Mike Parker Pearson, professore presso l’Istituto di Archeologia dell’University College di Londra.

>>>  La Corea del Nord sta spingendo i cittadini a produrre letame dalla loro cacca

“La carne di maiale e di manzo veniva arrostita allo spiedo o bollita in vasi di argilla, ma sembra che le frattaglie non fossero sempre cucinate così bene”.