Un gruppo di nobili europei, durante una disputa fondiaria, cadde in un pozzo nero

I sistemi fognari delle latrine in Europa durante il Medioevo erano ben lungi dall’essere confortevoli come i servizi igienici privati dei tempi moderni. Nel Medioevo le latrine venivano realizzate in qualsiasi spazio libero, utilizzando l’approccio più elementare di tutti: scavare una buca o un pozzo e lasciarvi cadere i rifiuti.

La latrina di solito si estendeva all’esterno delle mura della struttura. Ciò era particolarmente diffuso nei castelli. Il foro di scarico poteva quindi essere situato appena sopra i prati o i fossati che circondavano la struttura. Tuttavia, poiché il sistema di drenaggio era progettato per scaricare all’esterno, le latrine venivano pulite raramente. Di conseguenza, non era raro che le persone ci annegassero dentro.

Come spiegato qui, l’incidente della latrina di Erfurt del 1184 è un episodio bizzarro e tragico. Il resoconto storico è confuso e parla di una riunione aristocratica finita male, quando i nobili annegarono nelle feci all’interno di una cattedrale nell’odierna Germania.

L’episodio, chiamato in tedesco Erfurter Latrinensturz, si verificò quando l’arcivescovo di Magonza (alias Corrado di Wittelsbach) e Ludovico III (detto Langravio di Turingia) si contesero, nel luglio 1184, il controllo di un territorio.

Erfurt è una città tedesca che risale all’VIII secolo e faceva parte del Sacro Romano Impero. La storia della città è indissolubilmente legata alla famosa Cittadella di Petersberg.

In quel periodo Erfurt era governata dal re della dinastia Hohenstaufen Heinrich VI (noto anche come re Enrico VI). Nel Medioevo era uno dei monarchi tedeschi che governavano la regione. Fu un periodo di enorme instabilità politica, alimentata da continue lotte di potere tra la nobiltà feudale e le autorità religiose della Chiesa cattolica romana.

>>>  Il motivo per cui molti giocattoli hanno a che fare con la cacca

Corrado di Wittelsbach, arcivescovo di Magonza (noto anche come Corrado I), e Ludovico III, langravio di Turingia, furono coinvolti in uno di questi conflitti. Non si sa cosa abbia scatenato la battaglia, ma quasi certamente si trattò di una disputa fondiaria o per il controllo delle terre.

A prescindere dalla questione, si pensa che il re Heinrich VI abbia cercato di porre fine alla rivalità tra i due uomini. Durante il suo viaggio lungo il percorso, convocò una conferenza con una serie di nobili e funzionari di alto rango della regione. Durante i negoziati, alcuni di loro avrebbero dovuto fungere da mediatori.

La maggior parte ritiene che la riunione abbia avuto luogo su uno dei piani della chiesa di San Pietro, ma altre testimonianze indicano che si svolse altrove. In ogni caso, nessuno poteva prevedere gli eventi di quel giorno.

Il pavimento è crollato, probabilmente a causa del peso delle armature e delle cotte di maglia indossate dalle persone riunite. Di conseguenza, 60-100 persone annegarono nello sterco e nella pipì dei monaci, mentre alcuni furono abbastanza “fortunati” da morire a causa del crollo delle strutture. Ludwig, la cui faida con l’arcivescovo aveva dominato la discussione, era sopravvissuto solo per caso.

Curiosamente Heinrich, come fosse un presagio, era famoso per aver usato la frase: “se fallisco, posso morire negli escrementi”.

Nel frattempo, il re e l’arcivescovo si erano ritirati in un angolo lontano della camera per discutere dell’attuale crisi politica. Entrambi però riuscirono ad aggrapparsi alle guide di ferro di una finestra fino a quando non furono salvati.

In ogni caso, è difficile stabilire se i ricchi nobili morti nella tragedia della latrina di Erfurt siano morti per la caduta o per il soffocamento nella lurida pozza in cui sono caduti.

>>>  Cacca di 2.700 dimostra che la gente beveva birra e mangiava blue cheese

L’impatto storico sarebbe stato enorme se il re Heinrich e alcuni degli altri aristocratici fossero morti quel giorno. Re Heinrich prese il controllo dell’Impero Romano dopo che suo padre Federico I si imbarcò in una crociata in Terra Santa nella Pasqua del 1189. Alla fine avrebbe sedato una rivolta guidata da Enrico il Leone, duca di Baviera e Sassonia, i cui titoli furono in seguito tolti.