Bagni australiani ristrutturati in un edificio a tema vittoriano

Come riportato, la città di Maryborough (Australia), situata a tre ore e mezza a nord di Brisbane, ha presentato la sua nuova attrazione turistica: i bagni più appariscenti del Paese.

Quelli che un tempo erano solo servizi igienici sono stati trasformati in un complesso a tema vittoriano ornato di decorazioni.

Nancy Bates, presidente del Comitato di Cistern Chapel, ha dichiarato di aver avuto la magnifica idea dopo aver visto tali bagni poco puliti alcuni anni prima.

“Maryborough si sta trasformando in una grande zona turistica e ho pensato: ‘Questo è il suo cuore e non è bello abbastanza'”, ha affermato.

Ha scattato un paio di foto e le ha inviate a Daniel Sanderson, il consigliere comunale che si occupa dell’area cittadina, che due settimane dopo le ha risposto che l’edificio sarebbe stato ridipinto. Tuttavia, la signora ha precisato di volere i migliori servizi igienici dell’Australia, se non del mondo, con lampadari, fiori freschi e musica.

Ora la ristrutturazione è stata completata ed è pronta ad aprire al pubblico dopo più di un anno.

“L’aspetto positivo di questo particolare progetto è che il carattere dell’edificio era così straordinario che si è rivelato perfetto”, ha dichiarato la signora Bates.

“Ci sono molti bagni commercializzati come attrazioni turistiche, noi pensiamo di avere il più bello”, ha commentato.

“Se qualcuno viaggia a nord di Brisbane, probabilmente ci includerà nella loro lista delle cose da fare”, ha proseguito.

L’edificio è sottoposto a regolari ispezioni per garantire che tutto sia come dovrebbe. Garry Madden è stato uno degli artisti che hanno contribuito al completamento del progetto. Tuttavia, ha dichiarato che lavorare sul tetto è stato uno dei compiti più difficili del progetto.

>>>  TikTok: cucina una bistecca nel bagno di un'aereo

“Non potevo entrare con un sollevatore a forbice perché le porte erano troppo strette, quindi mi sono trovato su una scala a dipingere un sacco di farfalle”, ha raccontato.

“È stato un po’ complicato, ma avevo davvero bisogno di farlo per realizzare quella che era la mia visione di ritiro per madri”, ha aggiunto.

“Spero che le persone se ne vadano un po’ più felici o un po’ più ‘sollevate’, è la frase che vorrei sentire”.

L’iniziativa ha visto anche il contributo di numerosi altri artisti della comunità di Maryborough.