I microbi fecali possono far regredire l’invecchiamento di alcuni organi

I batteri che vivono all’interno del tratto digestivo degli esseri umani, il cosiddetto microbioma intestinale, ci aiutano a estrarre i nutrienti dal cibo, a potenziare la risposta immunitaria e a modulare gli effetti dei farmaci.

Il presupposto fondamentale è che il microbiota intestinale invia segnali al di fuori dell’intestino e che questi segnali hanno un impatto sostanziale su un’ampia gamma di tessuti interessati.

A questo proposito, una scoperta più recente ha dimostrato che il trapianto di microbi provenienti da cacca di topi più giovani in topi anziani sembra invertire i principali sintomi dell’invecchiamento nell’intestino, negli occhi e nel cervello di questi ultimi.

Secondo quanto riportato, il trasferimento di microbi dalle feci di topi invecchiati in topi più giovani ha fatto sì che questi ultimi mostrassero segni di invecchiamento, tra cui un aumento dell’infiammazione cerebrale e un deficit di una proteina essenziale necessaria per una visione normale, secondo quanto emerso da diversi esperimenti.

Questo accade perché, con l’avanzare dell’età, diventiamo più inclini all’usura e alle malattie, a causa del modo in cui il nostro intestino degenera. Anche se finora è stato studiato solo l’intestino dei topi, questi test dimostrano che si può fare qualcosa per l’uomo.

“Qui abbiamo testato l’ipotesi che la manipolazione del microbiota intestinale influenzi lo sviluppo delle principali comorbidità associate all’invecchiamento e, in particolare, l’infiammazione che colpisce il cervello e la retina”, hanno dichiarato i ricercatori nel documento pubblicato.

Con l’avanzare dell’età aumenta l’infiammazione che circonda il cervello e la retina degli occhi e l’infiammazione cronica legata all’età, nota come inflammaging (infiammazione [inflammation] + invecchiamento [aging]), che è stata collegata a particolari cellule immunitarie.

>>>  Perché alcuni uomini sentono il bisogno di fare la cacca nudi

Questa infiammazione sembrava regredire quando i microbi delle feci venivano trasferiti da topi giovani a topi anziani. Tuttavia, quando il trapianto è stato invertito, i topi più giovani hanno iniziato a mostrare segni di invecchiamento e infiammazione intestinale.

Questi risultati includono: una rottura del rivestimento dell’intestino (che permette ai germi di entrare nel flusso sanguigno), livelli più elevati di proteine legate alla degenerazione della retina e l’attivazione delle cellule immunitarie legata all’inflammaging.

La ricerca scientifica sta rivelando un numero sempre maggiore di connessioni tra i nostri microbi intestinali e la nostra salute, sia che si tratti di problemi di salute mentale come l’ansia o di problemi di salute fisica come l’obesità, compresa la risposta al trattamento del cancro e una serie di malattie neurologiche come l’Alzheimer, il Parkinson, la depressione, la schizofrenia e l’autismo.

In altre parole, la combinazione di batteri nel nostro intestino è importante e modificarla, sia con la dieta che con i trapianti fecali, ha il potenziale di migliorare una serie di risultati per la salute.

Le ricerche future esamineranno la durata dei benefici di questi trapianti fecali e quali microbi intestinali, in particolare, controllano gli effetti osservati. In seguito, gli scienziati potranno verificare se il metodo funzionerà anche negli esseri umani.

“Questo studio innovativo fornisce prove allettanti del coinvolgimento diretto dei microbi intestinali nell’invecchiamento e nel declino funzionale delle funzioni cerebrali e della vista e offre una potenziale soluzione sotto forma di terapia sostitutiva dei microbi intestinali”, ha spiegato il biologo intestinale Simon Carding, dell’Università di East Anglia nel Regno Unito.