Alcune teorie spiegano come mai

Nel caso in cui apprezziate l’odore delle vostre scoregge, non c’è da vergognarsi, perché succede a molti ed è abbastanza normale. Allo stesso modo, è più probabile essere disgustati dalle scoregge degli altri piuttosto che dalle nostre.

Anche se non ci sono studi specifici su questa particolare area della gastroenterologia, ci sono alcune teorie.

La ragione più plausibile per cui potremmo apprezzarne l’odore è semplicemente che ci siamo abituati facilmente ad esse, soprattutto se le facciamo spesso. C’è da dire che scorreggiamo più di quanto si possa pensare, facendone circa mezzo litro al giorno.

“In natura, la sopravvivenza dipende dalla capacità di rilevare altri odori, quindi si tende a ignorare il proprio”, ha spiegato Loretta Breuning, una dottoressa, specializzata nella chimica del cervello e il comportamento sociale dei mammiferi.

Un’altra teoria suggerisce che ci si potrebbe abituare all’odore perché la propria famiglia era un po’ più incline ad emettere flatulenze rispetto ad altre.

“La capacità di produrre quantità significative di metano, uno dei vari componenti del gas intestinale, si basa sulla genetica”, ha affermato il dietologo Tracy Lockwood, R.D. “La prole di due persone che producono metano ha il 95% di esserlo”.

Se i vostri genitori scoreggiano spesso, c’è una buona probabilità che lo facciate anche voi. Tuttavia, Lockwood sostiene che si ha meno del 10% di possibilità di produrre del metano più “pesante”, se solo uno di loro ha questa tendenza.

“Quindi, se si è stati esposti a questo odore di gas in tenera età, è più probabile che ci si trovi a proprio agio con questi odori forti a differenza dei propri amici”, ha aggiunto.

>>>  Un pastore sudafricano scoreggia sulla faccia della gente

La cosa buona è che questo potrebbe significare che siete maggiormente immuni agli odori più forti. Quella cattiva, invece, è che anche voi potreste produrre una puzza più forte della media, il che significa che quando scoreggiate, i vostri amici potrebbero non esserne così immuni.

Un altro vantaggio dell’essere abituati al nostro odore o a quello degli altri è di tipo evolutivo. Secondo gli esperti della Macquarie University in Australia e dell’Università di Washington, i genitori che sono a proprio agio con gli odori della famiglia riescono a sopportare gli innumerevoli pannolini sporchi pur continuando ad amare i loro figli. Un’altra spiegazione primordiale è che il disgusto o la paura per la puzza, in generale, è una forma di difesa da possibili infezioni o malattie che sono pericolose per gli esseri umani, ma lo erano di più quando i nostri antenati giravano nudi.

Ma tutte queste teorie sono irrilevanti se in realtà non sopportate la vostra stessa puzza. In questo caso, è probabile che la causa sia il cibo, e potrebbe essere il momento di cambiare dieta. Lockwood nota che il gas è semplicemente il risultato finale del metabolismo, o scomposizione, di batteri o organismi, fondamentalmente, un sottoprodotto della digestione.

Il gas può essere volatile o inodore, a seconda del vostro microbiota intestinale e della flora intestinale, e potreste aver bisogno di sperimentare un po’ per ottenere risultati migliori.

Ridurre gli alimenti ricchi di solfato dovrebbe essere il primo passo. Il solfato è una sostanza chimica scarsamente assorbita nell’intestino tenue e si trova nelle verdure crocifere come: cavoli, broccoli, cavolini di Bruxelles, noci e mandorle. Secondo Lockwood, mangiarli in piccole quantità può aiutare a ridurre la comparsa di gas maleodoranti.

>>>  15 curiosità sulle scoregge

Fonte menshealth.com