È ciò che è emerso da un sondaggio da parte di un’azienda produttrice di articoli sanitari

A giugno, in Giappone, un sondaggio ha rilevato che oltre il 60% degli uomini preferisce sedersi sul gabinetto piuttosto che stare in piedi per fare pipì, ma quasi la metà di loro è passata a sedersi in modo definitivo, mentre oltre un quarto degli uomini di 20 anni di età ha dichiarato di averlo sempre fatto.

La tendenza, forse, è il risultato della conclusione che sedersi sulla tazza mentre si urina permette una mira più precisa e provoca meno casini, oltre ad evitare schizzi.

Il sondaggio online lanciato dal produttore giapponese di articoli sanitari Lion Corp. ha raccolto le risposte di 1.500 uomini dai 20 ai 60 anni e ha scoperto che il 60,9% degli uomini preferisce sedersi. Tuttavia, il sondaggio non ha considerato situazioni in cui erano disponibili orinatoi.

Tuttavia, il 49% degli uomini che preferiscono stare seduti ha detto di essere passato dalla posizione in piedi a quella seduta, mentre l’11,9% del totale ha detto di esserlo sempre stato, ma solo il 2,7% di questi ultimi sono uomini di 60 anni, rispetto al 25,7% che sono giovani adulti di 20 anni.

La ragione più comune per sedersi è stata assistere alle problematiche dello stare in piedi, con un 37,3% che ha dichiarato di aver notato con i propri occhi gli effetti negativi degli schizzi di urina.

Altre ragioni includono la considerazione per chi dopo dovrebbe pulire il bagno (27,9%); perché hanno iniziato a pulire il bagno da soli (19,3%); o perché qualcuno vicino a loro li ha convinti che i loro schizzi di urina, anche se non visibile, rappresenta un problema (16,6%).

>>>  I cessi medievali all'interno dei castelli

Secondo un esperimento della Lion utilizzando la luce ultravioletta è emerso che gli schizzi si sono verificati di più sui bordi interni dei gabinetti e sotto i sedili, anche quando una persona è seduta per urinare. Anche se la pipì in piedi comporta schizzi al di fuori del gabinetto, con spruzzi sul pavimento o sulle pareti.

Tomoyuki Isowa, un imprenditore di 53 anni di Nagakute, nella prefettura di Aichi, nel Giappone centrale, ha recentemente iniziato a sedersi dopo anni abituato a farlo in piedi. Il cambiamento è arrivato dopo una richiesta di suo figlio quando è andato a casa sua a trovarlo, ma è stato anche persuaso da programmi televisivi sulle cattive abitudini degli uomini su come urinano.

“Sono stato anche attento a mia moglie, che fa sempre le pulizie. E ho imparato che stare seduto mentre la faccio mi permette di rilassarmi di più che stare in piedi”, ha dichiarato Isowa.

Anche se i sostenitori del “tachi-shon”, un gioco di parole in giapponese dalla combinazione di “tachi” (stare in piedi) e “shonben” (urina), sostengono che “suwari-shon” (sedersi per fare pipì) limita il flusso di urina, Isowa ha affermato di risolvere il problema usando la carta igienica per assicurarsi di asciugare ogni goccia dopo aver finito.

Ma c’è di più, dal 2015, la società di vendita al dettaglio Tech Tech, con sede ad Aichi, ha iniziato a vendere adesivi che consigliano agli uomini di sedersi quando fanno la pipì. Oltre alle famiglie e ai ristoranti, Tech Tech afferma di ricevere ordini anche da uomini che vivono da soli.

please sit down to pee

Alcuni adesivi più fantasiosi suggeriscono che gli uomini che hanno successo con le donne sono coloro che si siedono sul gabinetto invece che stare in piedi perché proteggono le signore dalle loro imprudenze.

>>>  Un bagno infestato come attrazione in un parco a tema in Giappone

L’analista di marketing Yohei Harada sostiene che una maggiore consapevolezza delle buone pratiche igieniche tra i genitori influenza i ragazzi fin dalla più tenera età, tanto che diventano più inclini a sedersi quando fanno pipì man mano che crescono verso l’età adulta.

“La generazione più giovane ha un buon rapporto con i propri genitori, quindi tende ad ascoltare se gli viene detto di tenere un bagno pulito”, ha aggiunto Harada.

“Probabilmente è vero che per i giovani che non vogliono passare un istante lontano dai loro smartphone, sedersi sul gabinetto e poter maneggiare comodamente i loro telefoni è un bonus”, ha precisato.

La cultura giapponese è famosa per essere più collettivista, concentrandosi più sulla loro comunità che sui singoli membri a differenza dei paesi individualisti. Questo potrebbe essere una ragione della loro attenzione al proprio disordine, in questo caso in un bagno, poiché si preoccupano della prossima persona che lo utilizzerà. Perciò tendono a identificarsi maggiormente con gli altri, non facendo ciò che non vorrebbero subire dagli altri. In Occidente invece, le persone sono più egocentriche, tendono quindi ad usare il bagno senza preoccuparsi degli altri. Inoltre, sedersi sulla tazza, soprattutto nei bagni pubblici, è considerato scomodo e poco igienico. In più, la maggior parte degli uomini considera il sedersi per fare pipì, una cosa da donne, ma questo tipo di atteggiamento sta scemando.

Fonte english.kyodonews.net