A Leicester parte il Toilet Art Festival

A.A.A. (Accessible Art for All [Arte Accessibile A tutti]) è un progetto cofinanziato dal programma Creative Europe dell’Unione Europea, creato per diffondere messaggi importanti per la società europea attuale e futura attraverso l’arte e i gabinetti.

Il progetto è un lavoro di cooperazione con più obiettivi che mira a sensibilizzare le future generazioni europee attraverso le arti (visive, digitali, street art) nei bagni di musei, festival, scuole, stazioni e altri spazi comunitari.

Leicester sarà la prima di 5 città ad ospitare la mostra, assieme a Roma, Amburgo e Sofia.

L’evento si svolgerà nei gabinetti di Leicester, che saranno tutti aperti al pubblico.

Arte

Per riportare la gente nei luoghi d’arte, dobbiamo portare l’arte dove vanno tutti: il bagno. Attraverso festival specifici, con workshop, esibizioni, seminari, e con la collaborazione di artisti e partner associati (associazioni ambientaliste, organizzazioni di movimenti giovanili); l’arte e la cultura diventano un mezzo per trasmettere messaggi potenti.

Accessibile

I bagni non sono sempre accessibili a tutti: secondo il progetto, i bagni saranno trasformati in spazi che possono essere utilizzati dai bambini alle persone con disabilità. Inoltre, includeranno opere d’arte e messaggi che possono essere raggiunti da tutti i target identificati per il progetto.

A tutti

Il progetto è rivolto a più persone e non è pensato solo per un pubblico specifico.

Gli organizzatori hanno dichiarato che sperano di “dare inizio ad una tendenza di opere d’arte nei bagni”. 7 gabinetti diventeranno lo scenario per questo festival dell’arte. Gli artisti che esporranno in questo luogo includono Richard DeDomenici, che ha esposto opere alla Tate Gallery e al British Museum.

“Questo è un ottimo posto in cui metterci l’arte perché penso che l’arte sia al massimo della sua potenza quando è vissuta da un pubblico non artistico”, ha dichiarato.

>>>  WeCo: una soluzione sostenibile per i bagni pubblici

L’opera di Mr. DeDomenici, chiamata Cubicle Your Fears (La cabina della tue paure), è ispirata al suo precedente lavoro che è stato presentato alla Tate Modern e al British Museum, dove due sconosciuti andavano in un capannone e parlavano delle loro paure. Alcune di queste paure ora appaiono sulle pareti di una cabina del bagno.

“Stiamo invitando la gente a contribuire con le proprie paure. La gente può scrivere le proprie paure sul muro e diventare parte dell’opera d’arte”, ha aggiunto.

Beth Piggott, di Artreach, un’organizzazione per lo sviluppo delle arti, ha detto che è stata la mostra più strana che abbia mai organizzato.

“La ragione per cui abbiamo deciso di mettere le opere d’arte nei bagni è che a volte le persone trovano le gallerie impegnative, mentre noi sappiamo che [il bagno] è un posto che molte persone usano, ed è un modo semplice per far conoscere la nostra arte al pubblico”, ha detto.

“Sono travolto da queste opere. Penso davvero che daremo il via ad una tendenza in cui vedremo più opere d’arte nei bagni d’ora in poi”.

Altri allestimenti si trovano nei bagni pubblici di Highcross Shopping Centre, Rutland Street, The Exchange e Leicester Museum and Art Gallery. Fanno parte del più ampio Liberty UK Festival, in corso a Leicester fino al 15 agosto.

Perché il bagno?

Il bagno è un luogo importante dove a volte abbiamo idee o intuizioni, spesso pensiamo, a volte leggiamo o riflettiamo. C’è un gabinetto in ogni casa o in ogni luogo pubblico, e spesso lo diamo per scontato. Tuttavia, per alcune persone è impossibile usare il bagno: questo ambiente potrebbe per esempio essere in un seminterrato dove la persona non è in grado di raggiungerlo perché è su una sedia a rotelle. Per un ipovedente potrebbe essere difficile anche solo tirare lo sciacquone e per chi ha difficoltà cognitive potrebbe essere complicato capire la funzionalità di un bagno super tecnologico.

>>>  Un trend di TikTok incoraggia a simulare di essere in viaggio

Con l’aiuto di soluzioni e interventi artistici, che immergono attivamente le persone in un’esperienza emotiva, il tempo che passiamo in bagno potrebbe essere trasformato in un viaggio di sensibilità e conoscenza, e di accettazione delle disabilità per far sì che ogni barriera fisica venga rimossa.

Fonte bbc.com