Tutto ciò che tocchi è coperto di cacca

La cacca è ovunque e anche se tutti sospettiamo che superfici come i pali della metropolitana, le ringhiere e le maniglie delle porte siano ricoperte di germi provenienti dal bagno, non immaginiamo che alcuni batteri che si trovano nella cacca siano anche in luoghi insospettabili come in un caffè freddo, sui contanti, nelle piscine, dentro alle palestre o sui telefoni cellulari.

Secondo un servizio della BBC, è stato scoperto che le bevande ghiacciate di popolari catene di caffè come Costa Coffee, Starbucks e Caffè Nero contenevano tracce di tali germi nei cubetti di ghiaccio probabilmente a causa della contaminazione dell’acqua, della macchina del ghiaccio o di alcuni utensili utilizzati. In un altro precedente rapporto invece, più di 100 diversi ceppi di batteri sono stati trovati su delle banconote da un dollaro di New York dopo averci eseguito dei tamponi. Ma non è tutto, il CDC ha riferito che la presenza di cacca nelle piscine pubbliche ha contribuito a raddoppiare i focolai del parassita cryptosporidium tra il 2014 e il 2016, che si diffonde quando le persone ingeriscono acqua contaminata da diarrea o feci.

“Non viene ucciso facilmente dal cloro e può sopravvivere fino a 10 giorni in acqua adeguatamente trattata”, ha avvertito il CDC.

Un altro studio, invece, ha riscontrato che i manubri nelle palestre sono più sporchi di una tavoletta del cesso perché i pesi da palestra raccolgono 62 volte più batteri dei bagni pubblici, compresi i cocchi gram-positivi che possono provocare infezioni della pelle e sepsi. Ma c’è di più se consideriamo questo studio del 2011 che ha rilevato che 1 su 6 telefoni cellulari del Regno Unito è contaminato da materia fecale. Per non parlare delle borse da donna che raccolgono cacca quando vengono messe sul pavimento tra i piedi in metropolitana o in un bagno. “Circa un terzo di esse presenta batteri fecali”, ha spiegato Charles Gerba, un microbiologo dell’Università dell’Arizona.

>>>  Come il culo distingue la cacca dalle scoregge

Se ci pensate, non è così illogico: tutti fanno la cacca, quindi tutti sono potenziali portatori di quel tipo di batteri.

“Siamo immersi, come società, nelle feci umane”, ha affermato il dottor Philip Tierno, professore clinico di microbiologia e patologia della NYU School of Medicine. “La gente diffonde qualsiasi cosa abbia sulle mani, come le feci, che possono essere trasmesse molto facilmente”. Ha poi aggiunto che la materia fecale può sopravvivere per giorni o settimane sulle superfici, a seconda del tipo di batteri, “quindi lavarsi le mani è imperativo prima di mangiare o bere qualcosa, e prima di toccarsi la faccia”.

Tuttavia, il dottor Ben Chapman, specialista in sicurezza alimentare e professore associato alla North Carolina State University, è scettico sul servizio della BBC, poiché, secondo lui, non ha identificato quali ceppi di batteri sono stati trovati, né se qualcuno degli agenti patogeni era ancora vivo.

“Quello che questo servizio mostra è che i batteri ci sono, non che stanno facendo ammalare qualcuno”, ha assicurato. Siamo esposti ai batteri tutto il giorno, ogni giorno, e la maggior parte di essi non ci fa ammalare. “E nei casi specifici in cui lo fanno, sono le migliaia e migliaia di batteri delle feci a causare la malattia”, ha aggiunto. “Quantità minime di batteri non vi faranno ammalare”.

Comunque, ci si può proteggere semplicemente lavando bene le mani con sapone e acqua calda, soprattutto dopo essere usciti da un bagno e prima di toccarsi la faccia. Inoltre, è bene pulire regolarmente le superfici di casa, dell’ufficio, del telefono e della borsa con un disinfettante.

E mettetevi il cuore in pace col fatto che la cacca è ovunque.

>>>  Perché fare la cacca è bello

“Se cerchi le feci, le troverai”, ha affermato Chapman. “In effetti, per me sarebbe una sorpresa maggiore se qualcuno facesse uno studio cercando batteri come questo, e non li trovasse”.

Quindi, se qualcuno dice che è un mondo di merda, ora si sa che è stato scientificamente provato.

Fonte New York Post