Un museo online di carta igienica autografata

Richard e Floralee Newman, membri della band Tagyerit della quale sono anche gli autori delle canzoni, hanno iniziato a collezionare carta igienica dal 1978 per variare dai soliti oggetti da collezione, puntando su qualcosa di diverso, ma anche divertente. Rimanendo poi sorpresi dall’incredibile varietà di carta igienica proveniente da tutto il mondo, che ai tempi era anche molto variegata nei colori, consistenza, goffratura, peso e qualità.

Ogni volta che uno dei loro amici viaggiava o andava ad un evento, loro gli chiedevano di portargli un pezzo di carta igienica, anche solo alcuni fogli con su scritto data, luogo, evento e il nome.

Le cose hanno iniziato ad essere sempre più interessanti quando queste persone hanno cominciato ad aggiungere sui pezzi di carta igienica: storie, grafiche, e anche autografi di persone famose.

Fin dall’inizio hanno capito che le penne a sfera sono lo strumento migliore per scrivere sulla carta igienica (altre penne o marker strappano la carta o fanno espandere l’inchiostro). Si sono poi accorti che questi pezzi da collezione si potevano dividere in diverse categorie.

Luoghi geografici/professionali (ad es. fabbricante di tute spaziali; ingegnere ferroviario, ecc…), eventi storici/pezzi antichi/arte creativa (ad es. elaborati disegni su carta; poesie, ecc…), autografi di celebrità (compresa la carta igienica firmata da un musicista), segnalibri/pezzi di carta più lunghi firmati da gruppi di persone; quelli con storie interessanti, …

Dopodiché, hanno creato un sito web per la musica della loro band Tagyerit nel 1995.

“Abbiamo deciso di divertirci col nostro sito e aggiungere anche alcuni altri nostri interessi. Abbiamo chiamato la collezione di carta igienica ‘Il Museo della Carta Igienica del Mondo Intero’, sebbene sia un museo solo di nome, dato che è visitabile solo online”.

>>>  Un calcolatore di carta igienica per acquisti responsabili

In seguito, gente che non conoscevano hanno iniziato a contribuire con i propri pezzi di carta igienica provenienti dalle proprie collezioni.

“Siamo rimasti sorpresi di scoprire quanti pezzi di carta igienica molto vecchi siano rimasti ancora in perfette condizioni”.

La collezione attuale comprende circa 1.500 pezzi. Eccone alcuni esempi:

  • Un calzolaio che fa il clown in Massachusetts ha firmato un pezzo di carta igienica ed è colui che ha realizzato metà delle scarpe per il film Il Grinch;
  • Madonna ha fatto un autografo mentre stava lavorando sul set del film Ragazze Vincenti;
  • Woody Allen ha fatto un autografo dal Cannes Film Festival e sulla carta igienica ha scritto: “Perché questa cosa?”;
  • Un altro proviene dal Cremlino quando Gorbachev fu ai domiciliari durante un colpo di Stato;
  • L’intero staff delle pulizie, alla stazione di McMurdo in Antartide, ha firmato un autografo.

“Abbiamo visto che la qualità della carta igienica è cambiata negli anni in tutto il mondo. Ora è diventata più standard: morbida e bianca, il che è meno piacevole dato che apprezziamo la varietà di sfumature di colore e consistenza che una volta si usava”.

“A casa, la maggior parte della carta usata è quella utilizzata come carta igienica. Usiamo solo una piccola parte di asciugamani di carta e salviette, ma sicuramente un pacco di ognuno ci dura per un anno. Il nostro obiettivo per quanto riguarda l’utilizzo della carta, come per altri acquisti, è di essere il più eco-sostenibili possibile”.

Per molti anni, i due hanno acquistato carta riciclata, ma ultimamente hanno trovato una soluzione che non abbatte nuovi alberi, il che li ha resi entusiasti. Un anno fa, un amico gli ha regalato della carta igienica fatta al 100% di bambù, acquistata da un negozio online: Who Gives a Crap. Non solo vende carta ecologicamente sostenibile, ma donano il 50% dei loro introiti per portare i bagni in posti dove non ne hanno. Il prezzo è ragionevole e il loro modo di vendere è anche divertente.

>>>  Prima della carta igienica

“Flo e io siamo cresciuti entrambi a Boston, Massachusetts, negli anni ’50. La carta di buona qualità era ovunque. Nelle tavole calde, i dispenser erano pieni di tovaglioli e solo nei ristoranti più eleganti c’erano quelli di stoffa”.

“Non siamo grandi viaggiatori, e questo è il motivo da cui è partita la nostra collezione. Nel 1978, un amico in volo per l’Europa ci ha chiesto cosa volevamo ci portasse”.

I due hanno messo le foto di gran parte della loro collezione online chiamandola Il Museo della Carta Igienica del Mondo Intero.

“Ad un certo punto, però, la cosa si è espansa. Gli amici sono diventati creativi in quello che ci portavano. Un amico, che è un artista, ha fatto un disegno su un foglio di carta igienica in ogni bagno in cui è andata. Poi la gente ha iniziato a fare a gara per vedere chi riusciva ad ottenere il pezzo di carta più assurdo. Tre persone ci hanno spedito della carta igienica nel giorno del loro matrimonio”, ha detto Flo.

Qualcuno ha pensato di far contribuire anche persone famose con un pezzo di carta igienica autografato, e molti di loro sono stati più che disponibili: Madonna, David Lynch, Sharon Stone, Joan Jett, Penny Marshall, Harrison Ford, Barbara Walters, ecc…

Ci sono state anche scoperte inaspettate però:

“Un amico è dovuto andare a girare un spot pubblicitario a casa di Martha Stewart. Doveva andare in bagno ed è tornato con un pezzo di carta per noi. Era a un solo strato. Ed è stata una bella sorpresa”, ha detto Newman.

Tuttavia, ci sono stati anche incidenti inaspettati:

>>>  Calciatori in preda alla "toilet paper challenge"

“Ho avuto un amico che è venuto in Irlanda nei giorni in cui gli sono capitati tutti i problemi. Si stava preparando a salire su un traghetto e decise di andare in bagno a prendere un foglio di carta igienica per noi. Ma ha lasciato la valigia in corridoio”.

“Sono arrivati gli artificieri, e due grossi tipi sono andati in bagno per capire perché aveva lasciato lì la valigia. Non poteva di certo semplicemente dire: ‘Stavo cercando di prendere un pezzo di carta igienica per il mio amico'”, ha raccontato la donna.

Tuttavia, la loro collezione non è mai stata un modo per avere popolarità, né si è mai trattato di un’impresa seria, ha detto Newman. La loro filosofia è stata più che altro divertirsi e fare qualcosa di comico.

“Questa è la nostra vita, vissuta per gioco”.

Fonte tissueworldmagazine.com; masslive.com