Il governo cerca di controllare le persone dall’interno

L’obiettivo della Cina di controllare la popolazione attraverso la tecnologia non sembra fermarsi come nel peggior film distopico. Secondo un recente rapporto, il governo cinese starebbe utilizzando un’intelligenza artificiale all’avanguardia per tracciare i pensieri di numerosi funzionari del partito comunista.

Gli scienziati cinesi avrebbero creato un software in grado di scansionare le espressioni facciali e l’attività cerebrale per determinare se le persone stessero prestando attenzione al “pensiero e all’educazione politica”, due fattori fondamentali per il governo.

Negli ultimi dieci anni, il rigido stato di polizia della Cina si è espanso in modo drammatico, sfruttando i big data, l’apprendimento automatico, la tecnologia di riconoscimento facciale e l’intelligenza artificiale per creare quella che molti hanno definito la più sofisticata dittatura digitale del mondo, dove tutto è progettato per far sì che le persone siano grate al partito, ascoltino il partito e lo seguano.

Questa nuova tecnologia di lettura del pensiero è stata vista in un breve video, in cui un soggetto veniva mostrato mentre faceva scorrere a video esercizi che promuovevano la dottrina dei partiti guardando lo schermo di un apposito chiosco. I ricercatori sostengono che la tecnologia del chiosco fosse in grado di registrare le espressioni facciali e di individuare le risposte dei soggetti a informazioni specifiche. Il 1° luglio è stato pubblicato il video, ma ora non è più disponibile.

Da un lato, è in grado di valutare il modo in cui i membri del partito hanno accolto l’educazione politica e le idee. Ma offrirà anche informazioni precise sul pensiero e sull’educazione politica, in modo da poterli potenziare e migliorare.

>>>  Google Derm Assist aiuterà ad individuare le malattie della pelle

Il presidente Xi, segretario del Partito Comunista e capo del Paese, ha giurato assoluta fedeltà al partito e ha già dichiarato che “l’educazione al pensiero e alla politica” è una componente cruciale dell’ideologia del partito al potere.

Study Times, una pubblicazione cinese sponsorizzata dallo Stato, ha riferito dello sviluppo di un’intelligenza artificiale simile nel 2019. La pubblicazione sosteneva che gli algoritmi potevano essere utilizzati per “misurare la condizione di pensiero dei membri del partito” e garantire che i contenuti potessero “entrare nella testa e nel cuore dei membri del partito”.

Questa misura è solo l’ultima dell’incessante ricerca del presidente Xi Jinping di una distopia tecnologica per il più grande Paese della Terra.

Per questo motivo, in alcune zone della Cina è sempre più diffuso un sistema di credito sociale digitale che traccia un punteggio. Chi è ritenuto inaffidabile dal governo, rischia di perdere i diritti fondamentali.

La Cina può essere vista come la dimostrazione di come la tecnologia possa essere usata per scopi negativi. Il potere dell’intelligenza artificiale potrebbe essere peggiore di una prigione, poiché le sue capacità possono prevedere le vostre azioni e bloccarvi prima che facciate qualcosa di sbagliato. Anticipare le vostre mosse non è solo controllo, ma è come possedere la vostra anima.