È la più grande rete neurale mai creata

I ricercatori cinesi di intelligenza artificiale dell’Accademia di Intelligenza Artificiale di Pechino (BAAI) hanno presentato Wu Dao 2.0, il modello di elaborazione del linguaggio naturale (NLP) più grande del mondo.

NLP (Natural Language Processing [Elaborazione del Linguaggio Naturale]) è un ramo della ricerca dell’Intelligenza Artificiale che mira a dare ai computer la capacità di comprendere il testo e le parole parlate e rispondere come gli esseri umani.

GPT-3 (Generative Pre-trained Transformer 3) è stato il primo potente modello linguistico che abbiamo mai visto, un modello di deep learning da 175 miliardi di parametri allenato su dataset di testo con centinaia di miliardi di parole. Un parametro in una rete neurale è un calcolo che influisce sui dati nel modello assegnando un peso maggiore o minore ad ogni elemento.

Wu Dao 2.0 (termine cinese per illuminazione) è 10 volte più grande di GPT-3 dato che utilizza 1,75 trilioni di parametri. È multitasking, poiché può simulare una conversazione, scrivere poesie, comprendere immagini e persino generare ricette.

Questa A.I. può scrivere saggi, poesie e distici in cinese tradizionale, così come didascalie di immagini e creare opere d’arte quasi fotorealistiche, oltre a descrizioni in linguaggio naturale.

Wu Dao 2.0 è multimodale, in quanto possiede una gamma di competenze diversificata, compresa la capacità di generare testi, riconoscere immagini e creare immagini. Comprende sia la lingua cinese che l’inglese, con abilità acquisite esaminando 4,9 terabyte di immagini e testi, compresi 1,2 terabyte sia per i testi cinesi che inglesi. Può anche imparare dal testo e dalle immagini e affrontare compiti che includono entrambi i tipi di dati (qualcosa che GPT-3 non può fare).

>>>  La prima truffa telefonica da parte di un'A.I.

Wu Dao 2.0 è addestrato con diversi modelli (FastMoE) per ogni modalità che permette al modello più grande di selezionare quale consultare in base al tipo di compito. Inoltre, FastMoE è open-source e non richiede un hardware specifico, il che lo rende più democratico.

Inoltre, Wu Dao 2.0 può prevedere le strutture 3D delle proteine e può anche animare i “virtual idol“. Proprio di recente, i ricercatori della BAAI hanno presentato Hua Zhibing, il primo studente virtuale cinese che si basa sull’intelligenza artificiale. Può imparare continuamente, comporre poesie, disegnare immagini, e in futuro imparerà a programmare. In contrasto con GPT-3, Wu Dao 2.0 può imparare diversi compiti nel corso del tempo, senza dimenticare ciò che ha imparato in precedenza. Questa caratteristica sembra portare l’A.I. ancora più vicino alla memoria umana e ai meccanismi di apprendimento.

“Wu Dao 2.0 mira a consentire alle macchine di pensare come gli esseri umani e raggiungere capacità cognitive oltre il test di Turing”, ha spiegato Jie Tang, il ricercatore principale dietro Wu Dao 2.0. Il rapido progresso nello sviluppo di modelli linguistici dimostra che l’intelligenza artificiale supererà presto il test di Turing.

“Quello che stiamo costruendo è una centrale elettrica per il futuro dell’IA. Con mega dati, mega potenza di calcolo e mega modelli, possiamo trasformare i dati per alimentare le applicazioni del futuro basate sull’IA”, ha affermato il presidente del BAAI, il dottor Hongjiang Zhang.

La potenza dell’I.A. è in costante aumento e porta con sé pro e contro. Questa tecnologia ha il potenziale per automatizzare compiti che richiedono la comprensione del linguaggio e la specializzazione tecnica, come interpretare o tradurre documenti, lanciare azioni, creare avvisi, o generare codice e articoli; così come rispondere a domande su qualsiasi argomento. Le aree di applicazione includono la tecnologia, il servizio clienti (ad esempio l’assistenza alle richieste dei clienti), il marketing (ad esempio la scrittura di copie attraenti) o le vendite (ad esempio la comunicazione con i potenziali clienti); ma non solo.

>>>  Un nuovo algoritmo di Facebook è in grado di copiare la tua scrittura

Tuttavia, uno dei problemi più grandi sarà sicuramente la manipolazione: soprattutto delle informazioni. Chiunque potrebbe usare questo tipo di algoritmi per generare molte fake news, o scrivere, fingendo di essere qualcun altro. Ma forse è troppo presto per immaginare tutte queste possibili implicazioni.

Fonte reason.com