Questa nuova pelle è sensibile alle lesioni

Quando si urta il gomito, i piedi o qualsiasi parte del corpo contro un muro o qualcosa di duro, non solo si sente dolore, ma ci si può anche procurare un livido, a differenza degli arti robotici e protesici che non sviluppano segni di lesioni. Tuttavia, i ricercatori, come riportato nella rivista ACS Applied Materials & Interface, hanno sviluppato una pelle artificiale che percepisce la forza attraverso segnali ionici ed è anche in grado di cambiare colore: da giallo a una sorta di viola che ricorda il livido della pelle umana e quindi fornisce un indizio visivo quando si verifica un danno.

Non è la prima volta che gli scienziati sviluppano pelli artificiali (ad esempio l’e-skin) che possono percepire gli stimoli attraverso la trasmissione elettronica, ma i loro conduttori elettrici non sono sempre biocompatibili quindi il loro uso è spesso limitato. Le pelli ioniche (o I-skin) invece, usano ioni come portatori di carica in modo simile alla pelle umana. Gli idrogel ionicamente conduttivi di I-skins hanno una trasparenza, un’estensibilità e una biocompatibilità superiori rispetto alle e-skins. Inoltre, i ricercatori volevano che questa I-pelle fosse in grado di cambiare colore per imitare i lividi umani e registrare i cambiamenti nel segnale elettrico quando viene applicata una forza.

how I-skin works
Come funziona l’I-skin

Così, i ricercatori hanno creato un idrogel ionico che conteneva una molecola, chiamata spiropyran, che cambia colore da giallo pallido a bluastro-viola sotto stress meccanico. Durante i test, il gel ha mostrato cambiamenti di colore e di conducibilità elettrica quando è stato allungato o compresso, e il colore viola è rimasto per 2-5 ore prima di svanire di nuovo al giallo.

>>>  6 fra i più incredibili robot del 2020

Successivamente, il team ha attaccato l’I-skin a diverse parti del corpo dei volontari: come un dito, una mano e un ginocchio. Provando a piegare o ad allungare gli arti ha causato un cambiamento nel segnale elettrico, ma non dei lividi, proprio come nella pelle umana. Tuttavia, la pressione forte e ripetuta, i colpi e i pizzicotti hanno prodotto un cambiamento di colore.

L’I-skin, che reagisce come la pelle umana in termini di segnali elettrici e ottici, apre nuove opportunità per rilevare i danni nei dispositivi protesici e nella robotica, affermano i ricercatori.

Certamente, questo tipo di pelle renderà le protesi più realistiche e aiuterà le persone che le usano ad essere più consapevoli dei loro movimenti. Allo stesso modo, possono essere utili ai robot per percepire dove stanno danneggiando i loro arti. Tuttavia, penso che dovremmo evitare di costruire robot troppo simili all’uomo (e questa pelle sembra far parte di questo processo) perché, alla lunga, potrebbero essere indistinguibili dagli esseri umani, con tutte le conseguenze che ne derivano.

Fonte thebrighterside.news